Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Rino Carelli chiarisce sulla sparizione dello striscione

Il mistero dello striscione scomparso (foto e scoperta di Maurizio Saliani)

Intervista e argomento già affrontato in esclusiva nel numero scorso de "La Voce del Paese", in edicola il 17 gennaio!! Ecco l'intervista a Rino Carelli pubblica su quel numero.

 

Ma il centro-destra che fine ha fatto?

Sparisce perfino lo striscione dal balcone… ma Rino Carelli chiarisce: "Inauguriamo la nuova sede"

 

L’attento e preciso Maurizio Saliani ha fatto notare, con una foto notizia su Facebook, la clamorosa sparizione dello striscione di Forza Italia dal balcone. Il centro-destra gioca in silenzio, sottotraccia. O si sta semplicemente prosciugando dopo la batosta dell’amministrazione Birardi, caduta dopo tre anni? Lo chiediamo a Rino Carelli, segretario di Forza Italia Casamassima.

 

Signor Carelli, come giudica l'attuale situazione del centrodestra? E in particolare nel suo partito?

“Nel centro-destra a Casamassima, così come sono certo stia accadendo nell'ambito degli altri contenitori politici in corsa per le prossime elezioni comunali, è in atto un dibattito serrato finalizzato a delineare idee programmatiche, individuare donne e uomini per le liste e definire la scelta del candidato sindaco... chiunque millanta accordi conclusi e/o programmi già confezionati finge, sapendo di farlo, e cercando di ostentare sicurezze che sono ben lontane dall'essere realtà. I soliti ben informati raccontano di spaccature in ogni compagine, confusione ed incomprensioni che si cerca di non far trasparire al di fuori delle proprie sedi. In alcuni casi, la creazione ed il rifiorire di nuove liste civiche, non sono altro che mere iniziative di maquillage-politico poste in atto per confondere gli elettori.

Tornando nell'ambito della sua domanda, Le dico che Forza Italia a Casamassima paga lo scotto di una divisione, come conseguenza della scissione nazionale di Alfano, che ha visto la fuoriuscita dal partito ed il confluire nel NCD di alcune persone; paga la chiusura della sede locale da ormai due anni, non imputabile al sottoscritto, e la delusione di un elettorato disorientato dalla non chiarissima strategia nazionale di opposizione al governo Renzi. Tuttavia, stiamo creando le premesse per una rinascita supportata da volontà e passione. Si vocifera che ci sia scarsa unità all'interno del centro destra.

Qual è la verità? Devo controbattere a questa "presunta" scarsa unità ricordandoLe che, al contrario, i due partiti storici del centro-destra come Forza Italia e Fratelli d'Italia, accomunati da unità di intenti, sono ora a Casamassima insieme in un'unica associazione politico-culturale "Nuovi Orizzonti - Alleanza per Casamassima". Circa il resto della coalizione di centro-destra, Le confermo che si è ritrovata tutta intera attorno ad un tavolo a discutere. Spero vivamente che con il confronto in corso vengano superate, quelle piccole tensioni che, inevitabilmente, la caduta di una Amministrazione lascia in eredità.

Siamo tutti consci che le ambizioni personali devono essere poste in secondo piano rispetto all’unità ed alla coesione di una coalizione legata da un comune sentire politico. Auspico che a breve riusciremo a proporre un’offerta politica credibile agli elettori di centro-destra di Casamassima, allargando addirittura la coalizione a chi si riconosce, anche indirettamente, nel centro-destra. Sono, inoltre, persuaso che, specie in questa tornata elettorale, sia particolarmente importante non cadere nella tentazione di "voler vincere a tutti i costi", ma esprimere una concreta idea di dove condurre Casamassima nei prossimi anni con un vero progetto politico-sociale.

rino carelli

Di certo, la concomitanza con le elezioni regionali potrà comportare compromessi al ribasso, graditi, per opportunismo, solo ai vertici regionali, i quali pur di garantirsi più voti possibili per vincere alla regione sceglieranno il metodo del "tutti dentro": Emiliano ci ha già abituati a tali compromessi, basti pensare a quanti componenti di giunta ha cambiato da sindaco di Bari pur di rimanere… in sella.


Quali sono i suoi programmi politici?

“Sono stato nominato dal Senatore Gino Perrone (attuale Responsabile provinciale di F.I.) in accordo con il Direttivo regionale, Responsabile cittadino a metà settembre 2014, in attesa che si celebrino i congressi e si eleggano i Segretari cittadini. Posso confermare il mio impegno personale e di alcuni fedelissimi nell'ambito casamassimese all'interno del partito”.


Cosa ne pensa della questione dello "Striscione"?

“Mi fa molto piacere che ci sia qualcuno che ha così tanto tempo libero da potersi dedicare a "problemi" di tale gravità. Si è cercato di montare un caso politico, ma bastava rivolgersi ai diretti interessati per sapere cosa fosse realmente accaduto senza alimentare strane congetture. Nello specifico, volendo avere una sede che fosse direttamente sulla piazza di Casamassima, abbiamo scelto uno dei pochi locali disponibili. Sfortunatamente lo stesso locale, essendo rimasto a lungo inoccupato, necessita di alcuni lavori di ripristino. Presto rivedrete striscione e simpatizzanti "ricomparire magicamente"”. 

 

 

Commenti  

 
#1 considerazione 2015-01-26 18:34
Dr. Carelli ma a chi risponde a gente che nella vita non ha nulla da fare.
Andassero a guardare gli uccellini in campagna se hanno tempo da perdere.
Polemici,faziosi e mai nulla di costruttivo ma pronti al commento e al gossip.
Poverini!!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI