Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Il metodo De Gennaro applicato dalla famiglia Nitti

image

Editoriale di Nicola Teofilo pubblicato su "La Voce del Paese - ediz. Casamassima"

in edicola la settimana scorsa.

 

Saranno solo voci o fantasie, ma le reazioni puntute non fanno che alimentare il caos. La pediatra Nica Ferri, dal momento dell’annunciazione a candidata sindaco, è praticamente sparita dalla circolazione. Con lei, si sono eclissati tutti, o quasi, gli esponenti di Libera Casamassima, da quando il PD ha calato l’asso Cessa. Finalmente, dopo una lunga attesa, ci è giunta una nota da Vito Cassano: “Caro direttore, rinviando la conferenza stampa abbiamo inteso sospendere anche le interviste della nostra candidata sindaco. Ringraziandovi molto per la disponibilità vi faremo sapere tempestivamente il momento in cui riprenderemo questa attività che oramai dovrebbe essere piuttosto vicina. Cordiali saluti”.

Per carità, non mettiamo in discussione la natura “libera” del movimento. Il problema è che la libertà di Libera Casamassima sembra finire laddove dove inizia quella degli altri. Più che libertà degli altri, è una forma di “liberatismo” politico, nel senso più libertario del termine: non conta più l’idealità o la natura politica, poco conta se si viaggia a destra o sinistra, contromano o in direzione ostinata. Contano solo i voti e il calcolo cinico e aritmetico. Un esempio di “liberatismo” politico che ha fatto scuola, qui a Casamassima e non solo, è il metodo De Gennaro. La potente famiglia  (un componente dei quali è accusato di aver riciclato denari del boss Savinuccio) ha messo radici ovunque, dal PD al PDL. Ha piazzato parenti e amici a più livelli di rappresentanza istituzionale. È libertarismo politico anche lo scandalo della Mafia Capitale, un sistema ramificato tanto a destra quanto a sinistra. 

Un esempio, invece, di quanto contino le relazioni parentali in un comune come Casamassima riguarda la famiglia Nitti, che appare come la vera regia di questa campagna elettorale casamassimese. Il metodo  del prendi tre, paghi uno è ben collaudato. Tre è il numero perfetto. Il triumvirato degli Alessio Nitti, tre cugini dallo stesso. L’avvocato alla regia di Libera Casamassima. Il professore alla regia di Autonomia Cittadina. E la longa manus del direttore sanitario che fa riemergere, secondo le ultime indiscrezioni, il giovane Giuseppe Nitti in Libera Casamassima, spingendo la Ferri verso l’Autonomia.

Davvero un caos. Non si capisce più nulla. In realtà ci siamo ancora una volta imbrigliati nella rete parentale. A prescindere da chi vinca, alla fine ci sarà sempre un Nitti da qualche parte. Destra, sinistra o liste civetta poco conta. La famiglia ne uscirà comunque vincente. Il familismo in politica avrà trionfato ancora una volta, così come è sempre stato, a Roma o a Casamassima. Un Nitti è per sempre. Forever. Amen.

Commenti  

 
#3 Alfiere Nero 2014-12-17 17:24
Condivido in parte Nicola. Esiste, non lo nego, quel gruppo sociale (casta?) che si comporta come dici tu. Ma non legge esclusivamente il Giornale e Libero. Ci sono anche molti professori universitari, ad esempio, che hanno fatto del familismo una ragione di vita. Oppure i grandi boiardi di Stato. E magari leggono pure Repubblica e l'Espresso. Il fenomeno è transpolitico e transideologico. Fino a quando certi privilegi non verranno estirpati, l'Italia non crescerà più: é una tara che affligge trasversalmente tutti gli italiani.
C'è poco da fare: gratta, gratta nel mezzogiorno spunta sempre il familismo, più o meno.

Retaggio medievale: vassalli, valvassori e valvassini, servi della gleba. Poi il paternalismo ottocentesco. Ed infine l’Italia del familismo amorale contemporaneo che si è mescolata con la neoborghesia cafona; Mastri don Gesualdo e quelli del SUV parcheggiato in terza fila. Rivelatore del cieco istinto di sopravvivenza in notabili per tutte le stagioni. Roba da far vomitare Gramsci e Berlinguer.

Presumere il disinnesco di questa relazione esclusivamente interpersonale ( il motivo per cui Berlusconi non può avere eredi ) agli italiani è inutile. Solo il Nazareno ( quello vero ) può riuscirci; quello a cui crediamo solo a Natale.

La famiglia il primo luogo dove viviamo il sacro ...... lo scopriamo solo molto tempo dopo, molti mai, altri additano addirittura quel "luogo" come causa di tutti i mali: questo è anche il senso del "onora il padre e la madre". Famiglia dunque non familismo. Infatti nel Vangelo di Tommaso: "Se non ti distacchi da tutti i tuoi cari, non potrai stare con me".

E i Nitti, Fiermonte, De Gennaro, ecc. li trovi a messa…
 
 
#2 CettoAngiolieri 2014-12-17 09:50
Un pezzo magistrale. "A prescindere da chi vinca......Destra, sinistra o liste civetta". Il DRAMMA è che a perdere COME AL SOLITO sarà Casamassima e i suoi cittadini.
 
 
#1 Tram politico 2014-12-17 00:49
gia' comunque vada sarà un successo!
Casamassima iapr l'ecchj.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI