Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

"Ci risiamo". La replica di Franco Pastore

Autonomia Cittadina

 

Comunicato di replica all’articolo apparso sulla Gazzetta del Mezzogiorno in data 25 novembre 2014 - Elezioni, l’ex sindaco ci pensa.

Ci risiamo. Per la seconda volta e a distanza di pochi giorni (Gazzetta del Mezzogiorno del 12 e 25 novembre scorsi), il sottoscritto è oggetto di attenzione che non crede di meritare.

Va bene che chi ricopre un ruolo pubblico rischia di finire prima o poi nel tritacarne mediatico (cosa già sperimentata); va bene che Autonomia Cittadina, e con essa i suoi rappresentanti sono esposti a rappresaglie in quanto avversari politici da temere; va bene che la stampa, per sua naturale vocazione, tende a mettere in risalto gli aspetti più pruriginosi che possono suscitare scalpore e solleticare la curiosità della gente.

Ma a tutto c’è un limite.

Autonomia Cittadina non ha alcun interesse ad alimentare questo frullatore che sbatte aria.

Detto ciò, considerate le premesse, vanno comunque fatte alcune indispensabili precisazioni.

Intanto il sottoscritto, pur confidando nella buona fede di quelli che a dire del giornale “fedeli a Birardi starebbero puntando su Franco Pastore” (F. Pignataro, R. Carelli, V. Reginella, M. Bovino), ritiene che non ci sia nessuna possibilità, neanche remota, di poter rappresentare un cartello elettorale con un gruppo che il Movimento di Autonomia Cittadina, ha fortemente avversato, per le ragioni che sono di dominio pubblico, in questi quasi 4 anni passati.

L’ex sindaco Birardi, associato da molti navigatori del web al burattino di Collodi, farebbe bene a preoccuparsi del suo naso che rischia di diventare più lungo della muraglia cinese. Forse è ancora confuso, deve smaltire lo shock, non riesce a farsene una ragione. Se è così, siamo profondamente costernati. Per quel poco che conta, Franco Pastore non è solo un militante di Autonomia Cittadina, ma, modestamente il segretario politico. Nelle file del PdL non si è mai arruolato e quanto alle aspirazioni alla carica di sindaco (storia trita e ritrita), chiedeva un percorso condiviso e democratico. La candidatura di Birardi non è mai passata, com’egli sostiene o vuole far credere, col consenso della base del centrodestra, bensì venne imposta dal Senatore Cassano (poi pentitosi amaramente), dopo accordi politici al livello provinciale, raggiunti in “camera caritatis”. A questa scelta si opposero anche altri possibili candidati ben conosciuti e apprezzati in paese, sia come persone che come ricettori di consenso elettorale (Cristantielli Vincenzo, Mirizio Agostino, Nitti prof. Alessio, giusto per citarne alcuni, sottolineando il titolo professionale di quest’ultimo per distinguerlo dal cugino avvocato, ex capogruppo del PD) che, a differenza di Franco Pastore, decisero di disimpegnarsi dalla competizione elettorale.

Autonomia Cittadina ha fatto l’opposizione che doveva, “il suo mestiere” (come dichiarava lo stesso Birardi dopo che i suoi tre consiglieri decidevano di mandarlo a casa), condividendo con le altre forze politiche della sinistra, alcune battaglie, non tutte, su tematiche di interesse collettivo. Resta in ogni caso ferma la nostra avversione ai partiti, tanto che la base del Movimento ha indicato in maniera chiara, la volontà di competere nella prossima tornata elettorale, senza fare alleanze al primo turno (anche se in politica non bisogna mai dire mai), fatta eccezione per le liste civiche che vanno formandosi, purché autenticamente sganciate dai partiti.

Con buona pace e ci auguriamo tranquillità dell’esagitato Birardi, che non comprendiamo ancora  chi e cosa rappresenta, A.C. avrà il proprio candidato sindaco e almeno tre liste civiche a suo supporto. Liste con persone vere, che daranno battaglia sul territorio, non simboli che abbiamo visto spesso apparire e scomparire dalla compagine di centrodestra.

Approfittando della circostanza, informiamo la cittadinanza che a breve organizzeremo incontri tematici e faremo conoscere le nostre idee e proposte per la risoluzione dei problemi della città.

Per concludere, ci è sembrato doveroso questo intervento, anche se avremmo preferito impegnare tempo ed energie, in un confronto serio e sicuramente più utile alla nostra gente.

Cordiali saluti.

Franco Pastore   

Commenti  

 
#4 lessy 2014-12-02 04:47
Continua prima o poi i risultati arrivano.ciao
 
 
#3 lessy 2014-12-02 04:43
Bravo cerca di non pensare solo aate tree
 
 
#2 lilliput 2014-11-30 16:36
Caro Franco sei caduto di stile. Sembri molto nervoso quando qualcuno dice la verità su di te. Come ad esempio quando hai chiesto l'aiuto del centro destra, nell'Amministrazione Detommaso, per farti approvare la lottizzazione di via Sammichele. Mi ricordi qualcuno.
 
 
#1 Considerazione 2014-11-28 09:05
Forza Franco,
Volevi essere il candidato sindaco del Pdl.
Non avendo ottenuto il risultato per imposizioni da Bari di Birardi,
Ti sei riciclato giustamente per rabbia in questo pseudo movimento politico.
Scelta giusta, apprezzabile e logica.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI