Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

Intervista a Nica Lilli. “Io candidato sindaco? Ci sono tante altre persone meritevoli…”

486431_4618810794964_1080818788_n

 

“Sono solo consigliera uscente. Di opposizione ovviamente!”. Ci tiene a sottolinearlo Nica Lilli. “Di opposizione”. Indicata tra i papabili candidati a sindaco, accoglie la notizia con modestia. In questo periodo nessuno vuol fare troppo rumore.

“Non sono la coordinatrice del circolo di SeL (Sinistra Ecologia e Libertà). Sono solo consigliera uscente di SeL”.

Ma che effetto le fa questa notizia? Personalmente la gratifica o la preoccupa?

“Credo di essere stata individuata come possibile candidato sindaco, esclusivamente perché, nel mio Circolo, sono stata la persona più esposta, sino a questo momento: prima come coordinatrice del Circolo, poi come consigliere comunale. Di fatto ci sono tante altre persone meritevolissime di ricoprire questo ruolo. Non abbiamo ancora individuato una candidatura precisa, siamo in "riflessione”. Gratificazione o preoccupazione? Non saprei, non ci dev'essere molta gioia, oggi, nel ricoprire un ruolo come quello di sindaco di una cittadina come Casamassima!”.

Secondo lei perché l’ultima amministrazione targata Birardi non ha funzionato?

“Perché c'era un uomo solo al comando, che aveva creato il deserto intorno a se! Una buona amministrazione è fatta da persone che lavorano per un obiettivo comune, all'unisono, in gruppo, come staff! Uomini e donne che fanno rete e mettono a disposizione le proprie competenze e il proprio impegno, ciascuno secondo le deleghe assegnate! Di fatto Birardi era l'unico depositario di tutto, accentrando l'abnorme lavoro di un’amministrazione nelle sue mani ha generato caos, malcontenti, inceppi della macchina amministrativa e tutto il degrado che possiamo oggi toccare con mano! D'altra parte, devo dire per onore del vero, le persone di cui si era circondato non avevano nessun valore amministrativo! Vecchie glorie, legati a vecchie logiche della più vecchia politica. Ottimi oratori, politologi, ma proprio perché veterani si beavano dell'arte dell'improvvisazione, nessuna programmazione, nessuna agenda, nessun obiettivo! E poi, nessuna donna..."la politica si fonda sulla pluralità degli individui".”

Pensa che ci sia stata un'opposizione non consona di tale nome?

“C'è stato un fronte comune continuo e coeso tra SeL e Autonomia Cittadina, al quale in modo altalenante si associava il Partito Democratico. Forse, un atteggiamento di maggiore compattezza avrebbe portato ad, almeno, approfondire alcune tematiche. Fermo restando che la maggioranza sorda, con arroganza glissava o censurava le proposte dell'opposizione”.

Che ne pensa di un possibile ritorno dell’ex sindaco Vito De Tommaso?

“Lui dice di avere ancora molto da dire e da fare in politica...”.

Cosa farebbe per prima cosa se fosse sindaco di Casamassima?

“Se fossi sindaco di Casamassima oltre agli interventi di prima necessità, concentrerei le mie energie verso il sociale, le politiche giovanili e quelle riguardanti la Scuola, in primis l'edilizia scolastica! Voglio ricordare che Casamassima è un paese in crescita, che sono stati costruiti palazzi su palazzi, molti dei quali hanno accolto famiglie provenienti da altri paesi e città, ma non si sono mai adeguati i servizi! Ci sono tanti bimbi, ma non ci sono le aule per accoglierli. Ci sono bambini della scuola dell'infanzia che, da anni, sono costretti a svolgere l'attività didattica in garage! Non parliamo delle condizioni in cui vertono gli istituti scolastici, l'adeguamento dei locali e moltissimo altro… Il mio paese vive tantissimi disagi, dovendo scegliere e dare delle priorità d'intervento ho pensato alla mia quotidianità. Sono un'insegnante e vorrei vedere i miei alunni frequentare scuole dignitose! Mi piacerebbe estendere il tempo pieno, inteso come ampliamento dell'offerta formativa e non come parcheggio, a più bambini possibile. Questo si può fare avendo a disposizione locali adeguati per il servizio mensa, aule e spazi per un insegnamento alternativo”.

Come la vede questa campagna elettorale?

“Nerissima. Non vedo tra i papabili sindaci, gente disposta a prendere a cuore il mio paese e le sue problematiche! La politica Casamassimese, ma anche quella nazionale, dovrebbe recidere rami secchi con radici affondate in anni di cattiva politica. La vedo nerissima perché non colgo in nessuna compagine, che va delineandosi, la PASSIONE POLITICA e la DIFESA DEL BENE COMUNE!”.

Commenti  

 
#4 Previgente 2014-11-17 14:47
Un SEL ridotto al lumicino che partorisce un sindaco? bah.
Sarebbe figlio del peccato!
Anche il bravo DeTommaso fu figlio innaturale. Ricordate? Fu disconosciuto da genitori malvagi!
E che dire del tenace (?!?) Birardi, figlio da sempre mal sopportato, anch'egli disconosciuto da quella BEN nota famigereata famiglia?
Fa bene signora LILLI a non aspirare a quella poltrona dal cuscino di spine. Ne stia lontana, salvaguardi la sua onestà mentale!
 
 
#3 lilliput 2014-11-15 17:06
Una cosa giusta ogni tanto la dici. Tu tutto puoi fare nella vita tranne che la politica. Sei una sfacciata.
 
 
#2 IBRAIMOVIC 2014-11-14 18:02
Quindi, se capisco bene, le uniche forze politiche che hanno fatto opposizione a Durbans sarebbero Sel e Autonomia Cittadina? STIAMO FRESCHI!!!!!! Un pò di umiltà non guasterebbe dottoressa Lilli.
 
 
#1 indignato 2014-11-11 10:38
Siamo messi proprio male...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI