Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

Intervista a Vito De Tommaso: "Birardi era a braccetto coi poteri forti!"

A sinistra, l'ex sindaco Vito De Tommaso

 

Vito De Tommaso e Mimmo Birardi a confronto sui poteri forti. Il professore si confida: "Mi piacerebbe rifare il sindaco..."

Come rinnegarli questi poteri forti. È vero, si annidano nel tessuto socio-economico di Casamassima. La loro occupazione principale è l'edilizia. La politica, dal canto suo, può decidere se scendere a patti o dichiarare loro guerra, magari dopo aver tratto beneficio da essi.

La differenza tra i due ex sindaci, Mimmo Birardi e Vito De Tommaso, probabilmente sta in questa scelta amletica. Il professore ha scelto il dialogo e il confronto. Il consulente del lavoro li ha presi a muso duro. Non spetta a noi sentenziare su chi dei due sia sceso più a patti con questi poteri. Ma di fatto si sono bruciati entrambi, forse mandati a casa proprio dall'esercizio di questi poteri.

Non condivide questa analisi l'ex sindaco De Tommaso. Con lui, affrontiamo l'argomento poteri forti, in questa fase post-birardiana, davanti a una tazzina di caffè. Il confronto tra le due amministrazioni è d'obbligo.

"Birardi è stato cappottato anche perché si era creato nemici ovunque".

D'accordo professore. Ma i poteri forti a Casamassima? Ci sono o no? Birardi attribuisce a questi le cause della sua caduta amministrativa...

"Mmm...".

Ci sono?

"Io avevo ottimi rapporti con Auchan. L'importante è avere sempre un confronto. Non puoi calpestare i diritti di questi poteri, ma non puoi nemmeno lasciare che ti calpestino loro".

Ma questi poteri forti...

"I poteri forti sono dappertutto. Io non ho avuto fastidio da Auchan. Stavamo addirittura per avere un autoambulanza da loro...e lui (Birardi, ndr) ha distrutto tutto. Ammesso che il potere forte ci sai, il problema è saper confrontarsi. Noi di sinistra non siamo contro la grande distribuzione, sono realtà ormai presenti sul territorio. Dicevano che io non usavo il pugno forte contro Auchan, ma loro, l'unica proposta che hanno fatto, è di mettere il parcheggio a pagamento. Dimmi se è normale..."

Le ricordo che sono stati dei tecnici a buttare giù Birardi. Anche lei è caduto così...

"Non è così. Nel mio caso non sono stati dei tecnici. Sono caduto per colpa di un politico della lista civica di Massimo Tripoli, che prima si dichiarò ufficialmente vicino al centrosinistra sposando il mio programma, poi mi tradì passando dall'altra parte. Anche se siamo partiti con l'anatra zoppa, al momento dell'insediamento avevamo la maggioranza a 11 seggi, in più 2 indipendenti, dei quali uno era presidente del Consiglio e doveva garantire lo svolgimento dei lavori, mentre l'altra si asteneva sempre dal voto. Non sono stati i tecnici a buttarmi giù... che poi siano andati dal notaio di Degennaro..."

Appunto. Nel caso di Birardi la componente tecnica c'è...?

"È un caso che si sia trattato di 3 tecnici. Secondo te è normale avere 5 tecnici in maggioranza e affidare a un tecnico esterno (Capacchione, ndr) tutta quanta la gestione del Comune? Poteva essere pure un genio l'architetto Capacchione ma, ricordo che doveva riempire Casamassima di soldi della Comunità Europea. Non è arrivato un bel niente. A proposito di poteri forti, Birardi si è vantato della fuoriuscita di Sandro L'Abbate. Però non dice che L'Abbate è stato l'unico che gli ha fatto la campagna elettorale e l'ha fatto eleggere. Oggi dice che è il fautore della sua caduta".

Insisto. I poteri forti ci sono. Forse siamo di fronte a differenti modalità di rapporto della politica con questi? Forse è questa l'unica differenza...

"Io ho sempre detto che non bisogna essere anti-degennaro o anti-auchan. A Birardi quei poteri forti gli sono serviti per andare al potere. Senza l'aiuto di quel tecnico e della Pdl, sì e no se arrivava a 300 voti... Birardi con questi poteri forti ci è andato a braccetto, fino al giorno prima di cadere. Si è messo al servizio dei poteri forti. L'unico suo obiettivo era Auchan. I poteri forti probabilmente lo hanno buttato giù (Ammette De Tommaso! Ndr). Con Degennaro è andato a braccetto. Lo scopo iniziale era sistemare Auchan. Poi è stato il sindaco stesso, a un certo punto, a crearsi nemici dappertutto. Non aveva una linea politica. In tre anni di amministrazione me le ha gonfiate come un pallone aerostatico: ha governato contro la mia precedente amministrazione e non per il paese. Però le cose che abbiamo fatto noi sono tutte merito suo. Sembra l'ombra di Macbeth che gli crea terrore. Poteri o non poteri, la sua amministrazione ha navigato a vista. C'erano 80mila € di fondi regionali per le scuole e non sappiamo che fine abbiano fatto. Per quanto riguarda la scuola superiore dobbiamo dire grazie a Vincenzo Divella: siamo andati io e Sandro L'Abbate a firmare le convenzioni. La circonvallazione l'abbiamo fatta noi grazie all'intervento dell'assessore regionale Mario Loizzo. I soldi di Monacelle e Santa Chiara li abbiamo avuti noi. Birardi non ha fatto un'opera sua. L'unico suo progetto è stato quello di distruggere tutti gli uffici comunali. E un conto è cambiare, altra cosa è distruggere. Uno può non andare d'accordo con una persona, ma non con tutti. I Servizi Sociali non esistono più. Con il Comandante sono arrivati a querele e lettere anonime per far fuori anche quello. Il responsabile Ufficio finanze se n'è andato. Hanno cambiato ben tre segretari. Il primo compito del prossimo sindaco consisterà nel riordinare gli uffici dove regna solo malcontento".

A proposito di elezioni, non le chiedo se sta pensando a una sua candidatura. Non risponderebbe mai a questa domanda. Le chiedo se le piacerebbe tornare a fare il sindaco...

"Onestamente sì. Ho tanto ancora da dire e da fare in politica".

Torniamo ai poteri forti. Che interesse hanno avuto i famosi tre consiglieri tecnici a staccargli la spina?

"C'era troppo malcontento. Terrore negli uffici. Assenza di programmazione. Ma secondo te, è mai possibile che un consigliere possa ricattare un sindaco per un palo della luce da sistemare vicino al suo ufficio?".

Eppure di solito non conviene a nessuno andare a casa... stando al proprio posto Birardi non sarebbe caduto...

"E che dovevano fare? Continuare a navigare a vista, come ha denunciato Pignataro? La differenza abissale tra me e Birardi è che la mia porta era sempre aperta, non c'era bisogno di chiedere la carta d'identità o prenotare come si fa per una visita ginecologica. Inoltre, si sono affidate a un tecnico delle competenze politiche, generando confusione di ruoli e responsabilità. L'azione politica di Birardi è stata un nulla condito di niente...".

Professore, il caffè lo prende dolce o amaro?

"Dolce. Grazie".

Commenti  

 
#5 Casamassimese 2014-10-16 14:52
A proposito di poteri forti, come si giustifica il fatto che la centrale elettrica, tanto per dirne una, è stata avallata in sordina con sommo stupore dell'intero consiglio comunale quando si venne a scoprire quel giorno, tra grandi imbarazzi? E i funzionari del Comune, tutti di parte, che diritto hanno di bloccare e condizionare l'amministrazione del paese? De Tommaso, per favore, statti a casa.
 
 
#4 Ciardi 2014-10-11 14:30
Caro De Tommaso vorrei capire siete stati 8 anni ad Amministrare Casamassima e non si è visto nulla, solo degrado. Viene eletta un'Amministrazione di colore diverso alla Sua e tutto quanto fatto da quest'ultima è merito suo. Ma Lei pensa che i Casamassimesi sono stupidi?
 
 
#3 comunista 2014-10-10 22:02
Ne hai fatti furti. Andavi d'accordo con l'Auchan perché sei stato comprato per pochi posti di lavoro e in cambio hai svenduto Casamassima a loro. Hai pure il coraggio di parlare tu Casamassima l'hai ridotta al lastrico. Dici che hai fatto tante cose e in 7 anni di tua amministrazione non si è visto nulla, solo fontane. Poi quanto realizzato da Birardi è opera tua. Vai a prendere in giro i tuoi amici.
 
 
#2 Neos 2014-10-09 08:29
Ancora De Tommaso, il vecchio che avanza? BASTA PER CARITA'!!!
 
 
#1 bronzo di Riace 2014-10-08 21:58
Vito, Vito da che pulpito viene la predica!
Ma a chi la dai più a bere?
Goditi il ricordo che la gente ha della tua 1a sindacatura perché nella seconda a braccetto c'eri tu !
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI