Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

A CHE PUNTO IL CASTELLO?

consiglio 17 lug 2014 03

La prima delle interpellanze del Pd, depositata in occasione del consiglio comunale del 16 giugno, è stata ripresentata nel corso dell'ultimo consiglio comunale e riguardava la commissione locale per il paesaggio. Il consigliere Nitti ha inizialmente ricordato l'attuazione delle legge regionale Puglia del 2009 e delle successive delibere regionali con cui è stata istituita la commissione locale per il paesaggio ed è stato approvato il relativo regolamento per la nomina e le incompatibilità dei componenti, per il funzionamento della commissione e per il rilascio del prescritto parere paesaggistico. Ha poi chiesto se, ai sensi dell'art. 42 comma 2 lettera A e B del Testo unico degli enti locali, il provvedimento e la scelta dei membri della commissione non siano di competenza del consiglio comunale in considerazione del principio della separazione in materia urbanistico-edilizia e delle funzioni in materia paesaggistica espressamente previsto dalle leggi e dalle delibere regionali. Ha risposto all'interpellanza la nuova segretaria generale Lorusso, che ha sostenuto che i piani urbanistici sono di competenza del consiglio comunale, tutto ciò che inerisce il piano organizzativo, come una commissione deputata a esprimere un parere obbligatorio e vincolante per gli uffici, non è di competenza del consiglio. Impropriamente si chiama regolamento ma è una scelta organizzativa che l'ente decide di darsi per assolvere a questa incombenza, e non prevede al proprio interno la rappresentanza di maggioranza o minoranza, non è una commissione istituzionale. Tutto quello che non è disciplinato dall'art. 42 nelle competenze del consiglio rientra nelle competenze residuali della giunta.

La seconda interpellanza era invece un sollecito a risolvere le problematiche legate alla nuova viabilità della Cavallerizza e per regolamentare la sosta del traffico tra corso Umberto e via Roma, come già richiesto nei consigli comunali del 28 marzo e maggio scorsi, quando l'assessore Bovino si era impegnato a eliminare i maggiori fattori di pericolo in un mese. Nella risposta l'assessore ha spiegato come, trovandosi davanti a una scarsa disponibilità finanziaria, si era deciso di aspettare qualche mese in più per affidare i lavori a un appalto esterno e realizzare più interventi. Per Bovino ora sono disponibili all'incirca 14mila euro, con i quali, oltre a rendere a doppio senso via Piccinni e intervenire sulla curva di corso Umberto, si sta pensando di inibire il transito in paese dei mezzi che superano le 3,5 t, che potranno circolare solamente nelle aree periferiche, se muniti dei documenti di trasporto.

Altra interpellanza di Pd e Libera Casamassima riguardava invece i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza del palazzo Ducale. “Nell'ultimo mese – sostiene il consigliere Nitti – si è riaccesa la disputa sulle opere urgenti effettuate lo scorso anno per la messa in sicurezza del castello, con dubbi sollevati sulla legittimità del ricorso alla procedura della somma urgenza e della conseguente formazione del debito fuori bilancio di 200mila euro. L'immobile non è interamente di proprietà dell'ente, ma condiminiale, con i comproprietari obbligati a partecipare alle spese sostenute dal comune”. Alessio Nitti, dunque, ha chiesto quando dovrebbero finire i lavori e se i proprietari sono stati avvisati di dover contribuire ai lavori. Paolo Montanaro, assessore competente, ha risposto che i lavori sono stati disposti dal Ministero dell'Interno e dai Vigili del fuoco per eliminare il pericolo di crollo, mentre ora si sta lavorando per ripristinare la facies dell'edificio. Inoltre, “nel corso dei lavori sono venuti alla luce alcuni affreschi che devono essere valutati dalla sovrintendenza ai beni architettonici e delle belle arti, per cui non si sa quando potranno terminare”, ha riferito. “I proprietari conosciuti – ha continuato Montanaro – sono stati sentiti e hanno espresso parere favorevole all'intervento ma non è stato possibile ottenere l'assenso alla partecipazione per le spese, essendoci particelle del palazzo possedute da persone emigrate negli anni '40 e impossibili da rintracciare. Le somme saranno richieste quando i lavori saranno terminati, stiamo facendo un censimento per vedere quali proprietari possono essere rintracciati, in caso non fossero rintracciabili il comune si attiverà per acquisire questi immobili visto l'investimento di denaro pubblico per la manutenzione del Palazzo ducale”.

Infine l’interpellanza presentata da Sel tramite la consigliera Nica Lilli: “In un momento di difficoltà per il lavoro sopratutto giovanile – ha rappresentato – è fondamentale la conoscenza di tutte le opportunità, tra cui la legge regionale che ha come obiettivo primario il voler favorire il ritorno dei giovani all'agricoltura e mantenere e coltivare i terreni abbandonati di proprietà della regione e degli enti”. Esiste un censimento dei terreni demaniali agricoli destinabili a questo scopo? A rispondere, l'assessore Petroni: “Al momento – ha detto – non esiste un censimento dei terreni agricoli incolti, ma da una ricerca tra i beni comunali è risultata la presenza di un fondo su via Bari, in zona Cisterna e altri tre piccoli fondi provenienti dall'ex Eca che dovrebbero passare al comune (per un totale di circa 4mila metri quadri di terreni coltivabili). Il comune ha sei mesi dall'entrata in vigore della legge per fare questo censimento. La volontà della nostra amministrazione è quella di mettersi a disposizione qualora dovessero esserci giovani o cooperative interessati e che hanno un progetto”.

[da La voce del paese del 19 luglio 2014]

Commenti  

 
#1 x Marco 2014-07-22 22:37
Non è corretto pubblicare le interpellanze della minoranza senza la risposta ottenuta dalla maggioranza in consiglio comunale. E' scorretto perchè così l'informazione non è completa ed è di parte. Smettetela perchè chi ci rimette siete voi, la testata giornalistica, Casamassima e la Vs. credibilità. Un amico.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI