Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

LE INTERPELLANZE IN CONSIGLIO COMUNALE

consiglio 17 lug 2014 01

Tematiche legate ai lavori di messa in sicurezza e ristrutturazione del palazzo Ducale, il cosiddetto Castello, questioni inerenti la commissione locale per il paesaggio, ma anche richiesta di chiarimenti avanzata all'amministrazione circa l'area della zona commerciale, la viabilità al rione Cavallerizza e la nuova disciplina della sosta tra corso Umberto e via Bari. E, ancora, il posizionamento dei venditori ambulanti durante le feste patronali, lo stato del contenzioso tra il Comune e l'associazione sportiva Sudest, la manutenzione straordinaria di aree incolte o abbandonate nel centro urbano, e la dismissione di terreni demaniali agricoli. Sono nove le interpellanze presentate nel corso dell'ultimo consiglio comunale, quattro firmate Pd, quattro Autonomia cittadina e una Sel-Prc. In particolar modo, il Pd ha chiesto, tra le altre cose, “quando è prevista l'ultimazione dei lavori del Castello, visto che oltre ai costi già sopportati il Comune forse sta sostenendo ulteriori costi per la presenza della recinzione, dell'impalcatura e della gru, presumibilmente di proprietà della ditta appaltatrice. Se prima di effettuare i lavori di somma urgenza siano stati interpellati o contattati i proprietari dell'immobile (il Comune è proprietario solo di una parte dello stesso, ndr), se gli stessi proprietari abbiano dato il loro assenso a partecipare alle spese anticipate dal Comune per la messa in sicurezza e la ristrutturazione dello stabile e se esiste un atto o un verbale di assemblea condominiale in tal senso. E se i comproprietari abbiano già corrisposto al Comune quanto da loro dovuto e, in caso contrario, se siano state già avviate le procedure per recuperare dagli stessi le rispettive quote condominiali inerenti l'intervento edilizio in questione”.

“In attuazione della legge regionale numero 20 del 2009 – ha fatto presente ancora in un'altra interpellanza il Pd – è stata istituita la Commissione locale per il paesaggio ed è stato approvato il relativo regolamento per la nomina e le incompatibilità dei componenti, per il funzionamento della commissione e per il rilascio del prescritto parere paesaggistico. Si chiede pertanto se, ai sensi dell'articolo 42 comma 2 lettera a e lettera b del Tuel 267/2000 il provvedimento non sia di competenza del consiglio comunale. E' stato infatti istituito – ha sottolineato sempre il Pd – un organo necessario per l'attuazione del piano regolatore generale e per la tutela paesaggistica (lettera b) ed è stato approvato il relativo regolamento (lettera a). Si chiede anche se pure la scelta dei membri della commissione non sia di competenza dello stesso consiglio comunale”.

“In merito alla delibera di giunta comunale numero 83 del 20 giugno 2014 – ha aggiunto ancora in un'ulteriore interpellanza il Pd – quella relativa alla presa d'atto del parere dell'avvocato Di Natale e della relazione dell'architetto Donato Capacchione, la stessa ricalca esattamente la proposta di delibera discussa e non approvata nel consiglio comunale del 16 giugno scorso. Perché è stata allora approvata dalla giunta comunale una delibera già portata all'attenzione del consiglio comunale, e da tale organo istituzionale non approvata? Quali regole giuridiche hanno portato a tale decisione?”.

Autonomia cittadina, dal canto suo, ha presentato un'interpellanza per conoscere lo stato del contenzioso in atto tra il Comune e l'associazione sportiva Sudest, oltre a un altro documento di questo tipo per fare il punto circa “la manutenzione straordinaria di aree incolte e/o abbandonate del centro urbano e conoscere le ragioni per le quali le aree private subiscano un trattamento diverso rispetto a quelle pubbliche che anche quest'anno, per l'ennesima volta, e dopo un anno di completo abbandono, erano e sono in condizioni di vergognoso degrado. Quando l'amministrazione comprenderà l'importanza di tenere pulita e in ordine la nostra città, per migliorare la vivibilità, accrescere l'interesse dei visitatori e valorizzare quelle poche attività che sopravvivono al centro commerciale?”. Sempre il movimento politico, inoltre, ha redatto un'interpellanza relativa al posizionamento dei venditori ambulanti durante le feste patronali su corso Vittorio Emanuele e corso Umberto, non quelli però che offrono al pubblico frutta secca, olive, dolciumi e giocattoli per bambini, mercanzie tipiche delle feste di paese, ma ha proposto anche all'amministrazione di intitolare una via a Francesco Paolo Bellomo, il poeta casamassimese Belfrank spentosi a Torino il 12 febbraio dell'anno scorso.

“In un momento di grosse difficoltà per l'occupazione giovanile – hanno fatto infine presente Sel-Prc-Idv nella loro interpellanza – diventa importante essere a conoscenza di qualsiasi opportunità offerta dai nostri legislatori. Tra queste è da rilevare la legge approvata dal consiglio regionale, pubblicata sul bollettino ufficiale della regione Puglia il 26 maggio 2014, che ha come obiettivo primario quello di voler favorire il ritorno dei giovani all'agricoltura e, al contempo, quello di mantenere e coltivare terreni abbandonati di proprietà della Regione, degli enti controllati e dei Comuni. Si chiede dunque se esiste già un censimento dei terreni demaniali agricoli che possano essere destinati a questo scopo, in che modo l'amministrazione intenda procedere, e se è possibile anticipare i tempi d'attuazione della legge stessa”.

[da La voce del paese del 19 luglio 2014]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI