Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

NACARLO: “NON SONO D’ACCORDO CON IL PARCO URBANO”

nacarlo

Una voce fuori dal coro. È quella del consigliere comunale indipendente, ex Movimento Schittulli, Salvatore Nacarlo. Il quale, riguardo l'ultimo consiglio comunale, fa delle considerazioni. “In merito all'ultima assise cittadina – ha sottolineato Nacarlo – e al progetto di variante che avrebbe dovuto portare alla realizzazione del parco urbano in sostituzione dell'ampliamento e della pedonalizzazione dei ponti di via Noicattaro e via Cellamare, con tanto di piste ciclabili, posso dire che per quel che mi riguarda questa idea non mi trova affatto d'accordo. La sistemazione e la messa in sicurezza di quei ponti per me rimangono una priorità, tant'è vero che quando ero ancora parte del gruppo consiliare Schittulli avanzai la richiesta di convocare un consiglio monotematico sulla questione. Nessuna delle componenti della maggioranza, però, ritenne opportuno offrire sostegno alla mia stessa richiesta e non se ne fece più nulla. Poi sono arrivate la seduta consiliare del 16 giugno scorso e le parole rivolte da Pignataro al sindaco. Ora – ha proseguito ancora Nacarlo – io non sono nei panni di Birardi e non posso dirgli ciò che deve o non deve fare. Quel che posso dire, però, è che se mi trovassi io nella sua posizione, dopo le parole di Pignataro e la richiesta di dimissioni, io sarei andato a casa. Ma io sono Salvatore Nacarlo e la penso in un modo, gli altri sono liberi di agire come meglio credono”.

Poi il consigliere comunale ormai indipendente ha fatto anche un'ulteriore precisazione. “Per quel che riguarda il manifesto del centrodestra – ha aggiunto sempre Nacarlo – fatto affiggere per le vie cittadine il 31 maggio scorso, mi preme evidenziare il fatto che io non ero al corrente né del fatto che sarebbe stato realizzato, né tantomeno di quelli che sarebbero stati i suoi contenuti. Il sindaco infatti, sebbene mi avesse assicurato che dopo il mio essermi dichiarato indipendente mi avrebbe comunque informato di volta in volta di quelle che sarebbero state le attività della maggioranza, non mi ha messo al corrente dell'idea di realizzare quel manifesto. Né mi sarei mai aspettato di trovarvi sopra il simbolo di Fratelli d'Italia. Ora pertanto mi chiedo: perché il simbolo del movimento politico? Chi ne è rappresentante a Casamassima? E da quando? Queste sono alcune delle domande che mi sono posto. E che credo dovrebbero trovare risposta non tanto davanti a me, quanto davanti ai cittadini di Casamassima”.

[da La voce del paese del 28 giugno 2014]

Commenti  

 
#4 Vota Grillo 2014-07-05 13:48
Una domanda: ma la maggioranza è iscritta a Fratelli d'Italia? Se così, povera Fratelli d'Italia.... sembrava avere una dirittura politica diversa! Vota Grillo, vota Grillo, vota Grillo
 
 
#3 Capitan Nemo 2014-07-03 09:48
Il consigliere Nacarlo è sempre all'oscuro di tutto, lui non vede non sente non parla e quando lo fa è solo per sottolineare che non era a conoscenza dei fatti. Ha deciso di lasciare, apparentemente la maggioranza, salvo poi incontrarsi spesso con il sindaco in bar nelle vicinanze di casa sua, per discutere di chissà cosa, decide di non presentarsi ai consigli comunali e poi e daccordissimo con l'opposizione. Allora ci si chiede perchè non ha il coraggio e la determinazione di dar fine a questa farsa e apporre una firma o votare una mozione di sfiducia. Il coraggio è di pochi, non sarebbe un suicidio politico, anzi, la gente ha bisogno di persone che si assumono responsabilità.
 
 
#2 Il nulla 2014-07-02 23:30
Nacarlo chi?
Ma adaver, adaver, adaver stonn sti soggiett a fa' r conziglir...
Uaglio' datti all'ippica che è' meglio, per tutti, compreso te!
 
 
#1 M. T. C. M. 2014-07-02 23:19
Meglio tardi che mai.
Signor Nacarlo non dia troppo peso alle "parole rivolte da Pignataro al Sindaco", di parolai il mondo ne è pieno e di questo lo scaltro Birardi ne è a conoscenza, pertanto "a casa non se ne va"!
Signor Nacarlo, alla luce di tanti strani comportamenti, delle tante denunce piovute da ogni parte e che hanno coinvolto pesantemente qualche suo collega, al di la delle sue considerazioni personali, cosa pensa di fare? Agisca, ne basta uno di parolaio!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI