Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

CONSIGLIO COMUNALE: DI TUTTO UN PO’

consiglio_30112009

Schermaglie post-anatra zoppa, test antidroga e approvazione della variazione di assestamento generale al bilancio di previsione 2009. Menù dai sapori vari, quello dell’ultimo Consiglio Comunale.

PICCANTE, INNANZITUTTO - Già avevamo in bocca il sapore delle polemiche scaturite dalla mozione di sfiducia dello scorso 13 novembre nei confronti del presidente del Consiglio Paolo Montanaro, da parte dei consiglieri di opposizione Dalfino, Birardi, Ferri, Columbo, Carelli, Mirizio ed Episcopo. Nell’ultimo Consiglio, mirino puntato sul consigliere indipendente Maria Santa Montanaro. Dopo la lunga serie d’interpellanze presentate dal consigliere Dalfino (Casamassima Prima di Tutto), il consigliere Birardi (UDC) ha soffermato la sua attenzione su quei membri del consiglio che “continuano ad astenersi ad ogni votazione, non permettendoci di comprendere se fanno parte di maggioranza o opposizione. Forse sarebbe ora di far chiarezza sulla posizione di chi continua a trincerarsi, ad ogni provvedimento, dietro lo scudo dell’astensione”. Accuse, che, ha risposto il Sindaco De Tommaso, sono “le ennesime chiacchiere che sentiamo ripetere da oltre un anno. Sembra di ascoltare un disco rotto. L’amministrazione, che ha la maggioranza in Consiglio, prosegue per la sua strada”. E, in effetti, si è continuato.

TEST ANTIDROGA PER TUTTI? - Particolare interesse ha destato nel folto pubblico della sala consigliare, la proposta del consigliere Birardi in merito ad un test antidroga volontario per consiglieri, assessori e sindaco, sul modello della proposta presentata al Consiglio comunale di Roma dal sindaco Alemanno.  “La trasparenza per la classe politica locale è un punto fondamentale per promuovere la lotta alla droga” ha dichiarato Birardi. ”I cittadini hanno il diritto di sapere se gli amministratori hanno la piena lucidità per amministrare, poiché un politico drogato non è in grado di svolgere il suo ruolo. Si tratta di una battaglia seria, un esempio da dare per disincentivare i ragazzi che vivono una situazione di pericolo“. “Sono completamente in disaccordo” ha tuonato il sindaco De Tommaso. ”La mia esperienza di educatore nella scuola mi dice che un giovane ha bisogno di percorsi ben diversi per tenere lontano lo spettro delle droghe”. “Piuttosto” ha chiosato l’assessore alle politiche giovanili Antonio Manzari “promuoviamo una campagna d’informazione sul tema della droga, per raggiungere direttamente i giovani e le loro famiglie”.

PORTATA FINALE CON RISERVA– Dulcis in fundo, si è passato all’approvazione della variazione di assestamento generale al bilancio di previsione 2009. “In tempi difficili come questi, riusciamo a garantire a Casamassima una serie certezze” ha dichiarato l’assessore alle politiche finanziarie Fabio Nanna. “Anzitutto, il rispetto del patto di stabilità. Sembra un’ovvietà, ma, visti i tempi che corrono, e le difficoltà che vivono anche grandi Comuni, non è poco. E poi, abbiamo la possibilità di entrare nell’ottica di intervento con un piano urbano del traffico che tenga conto delle nuove esigenze del paese”.

Il piatto più gustoso, però, è riservato al prossimo appuntamento. Si discuterà della patata bollente delle “quote rosa” in Giunta. La mancata presenza di un assessore donna è in pieno contrasto con lo statuto del Comune di Casamassima, nel quale è garantita “la presenza di entrambi i sessi nella nomina dei componenti della Giunta e dei rappresentanti del Comune attribuiti alla sua competenza”. Problema antico, di cui si discuterà nel prossimo Consiglio Comunale.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI