Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

ACCESSO DEI GIOVANI ALL'AGRICOLTURA: È LEGGE

francesco matarrese

Ad annunciarlo alla cittadinanza è Francesco Matarrese, neoeletto segretario del circolo Sinistra ecologia e libertà di Casamassima: presto la Regione provvederà ad emanare avvisi pubblici per la concessione e la locazione di terreni agricoli, nonché di aree "comunque libere da edificazioni ed infrastrutture, suscettibili di utilizzazione agricola". È questa una delle innovazioni previste dalla nuova legge "Disposizioni per favorire l’accesso dei giovani all’agricoltura e contrastare l’abbandono ed il consumo dei suoli agricoli", approvata all’unanimità nei giorni scorsi dal consiglio regionale.
Il provvedimento in questione, che sarà pubblicato sul prossimo Bollettino ufficiale della Regione Puglia, intende promuovere l’accesso dei giovani agricoltori ai terreni di proprietà della Regione, degli enti controllati e dei comuni, al fine di favorire il ricambio generazionale e lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, oltre che la valorizzazione delle produzioni agroalimentari tipiche e di qualità, frenando, nel contempo, in attuazione della Convenzione europea sul Paesaggio, fenomeni quali la desertificazione, l’erosione e il dissesto idrogeologico, affinché il suolo venga preservato in quanto bene comune e risorsa non rinnovabile.

La concessione o la locazione riguarderà esclusivamente l’affidamento a giovani agricoltori di età inferiore a 40 anni e dando priorità a quelli di primo insediamento. Entro sei mesi, e successivamente entro il 31 dicembre di ogni anno, la Regione individuerà l’elenco annuale dei terreni agricoli e a vocazione agricola, di proprietà della Regione e degli enti da essa controllati, idonei per la cessione in locazione a giovani agricoltori singoli o associati in forma cooperativa. Entro un anno, invece, dall’entrata in vigore della legge, previa definizione di specifici accordi con gli enti locali e gli altri enti pubblici, predisporrà un inventario, con idoneo supporto cartografico, delle aree agricole di proprietà pubblica e lo renderà accessibile tramite il proprio sistema informativo.

"Siamo tra le prime regioni d'Italia ad aver legiferato in tal senso", ha affermato entusiasta lo stesso Matarrese, segretario organizzativo di un consorzio per la tutela dell'olio Dop Terra di Bari e membro del direttivo della sezione Slow Food di Bari, ancor prima che coordinatore di Sel e membro dell'équipe di esperti della Regione Puglia che ha dato origine alle nuove disposizioni in materia agricola. "Ritengo che ora Sel Casamassima possa presentare una interpellanza in consiglio comunale - ha aggiunto - per sollecitare il sindaco e l'amministrazione tutta a procedere sin da subito con il censimento dei terreni di proprietà comunale, senza aspettare necessariamente la scadenza dei termini fissata dalla legge".

Gli elenchi degli immobili individuati, unitamente allo schema di avviso pubblico, saranno poi approvati dalla giunta regionale. Le strutture competenti in materia provvederanno all’emanazione degli avvisi pubblici per la concessione o locazione dei terreni contenuti in tali elenchi ed idonei al conferimento agli agricoltori. 

Commenti  

 
#1 Maria D. 2014-05-20 16:27
Speriamo che i nostri giovani si attivano e cominciano a creare qualcosa di buono.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI