Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

PD ALLA MAGGIORANZA: “NIENTE CENSURA”

bavaglio

Il coordinamento cittadino del Partito Democratico di Casamassima ritiene che lo "stupore e disappunto", nel leggere l'articolo "Ancora in lutto" espressi da 4 delle 7 formazioni politiche che hanno contribuito all'elezione della maggioranza di centrodestra, nei confronti della redazione de "La voce del paese", siano assolutamente immotivati. La critica verso le "modalità di fare informazione" della redazione del settimanale, che si ritiene ledano "...l'interesse del lettore ad una informazione veritiera e connotata, non già da mere illazioni, ma dalla verità dei fatti riportati", si potrebbe leggere sia come affermazione di una redazione e una redattrice che pubblica "bugie e illazioni", sia come pretesa alla pubblicazione esclusiva delle proprie verità. E se questa non è censura, cos'è? Riteniamo che il "senso di sfiducia e biasimo" verso la politica non sia da attribuire a chi riporta fatti e circostanze documentate, ma a quegli amministratori che da tre anni "il clima costruttivo e di confronto" lo hanno puntualmente ostacolato e rigettato. Perfino la richiesta dell'opposizione di una più istituzionale sottoscrizione della condivisa targa intitolata a Hrand Nazariantz è stata rigettata. Del resto, non è venuta proprio da alcuni dei rappresentanti dei partiti sottoscrittori del documento una critica e una richiesta di chiarimenti nei confronti del sindaco e dell'amministrazione di centrodestra, affidata, ironia della sorte, alla redazione e alla redattrice contro cui oggi si punta il dito? Crediamo quindi che sia proprio questo modo di fare politica a generare "sfiducia e biasimo". I partiti che sostengono questa maggioranza, sarebbe più utile che si impegnassero, di più e meglio, per spingere sindaco e giunta a realizzare quanto da loro promesso agli elettori e che finora non è stato realizzato (lasciando alla redazione la valutazione del rapporto con i propri lettori). Ultima, tra le cose non realizzate, in ordine di tempo, la messa in sicurezza dei ponti che scavalcano la statale 100 e che questa maggioranza di centrodestra, nonostante il recente incidente mortale, tenta di rinviare, a tutto danno dei casamassimesi e di chiunque altro abbia la necessità di attraversarli. A tal proposito ci chiediamo: tutti i consiglieri del gruppo Ucdc si riconoscono nelle parole di Franco Pignataro, che ha pubblicamente avversato qualsiasi opera di messa in sicurezza di quei ponti? E i gruppi Udc – Mps – Ppdt, invece, come si schierano?

Pierpasquale Acito, Chelluccia Acito, Angela Ambesi, Marica Angelillo, Roberta Astolfi, Katia Azzizzi, Rocco Bagalà, Adriano Bizzoco, Antonio Busto, Vito Cassano, Paolo Cassano, Vito Cessa, Carmela De Carlo, Anna De Santis, Giuseppe Gadaleta, Claudio Langella, Fabio Nanna, Andrea Palmieri, Antonietta Spinelli, Arianna Zizzo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI