Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

PROMESSE ELETTORALI: E POI? LA NOSTRA RISPOSTA

casamassima palazzo comunale

Gentili firmatari lo stupore dovrei rappresentarvelo io, vedo quattro firme che non corrispondono ai “partiti politici tutti” della maggioranza. In ogni caso, eccoci.

Grazie per il vostro contributo, mi offrite opportunità per commentare insieme a voi l’operato della coalizione di governo che nel maggio 2011 ha vinto la competizione elettorale e che oggi ha inteso nelle mie parole dell’articolo in questione “puntare il dito sull’immobilismo”. Signori, la lingua italiana è assai ricca e vivace, ma – perdonatemi – non ho mai scritto la parola ‘immobilismo’, né tanto meno ho “sparato nel mucchio”, né ho fatto “illazioni”, né ho ritenuto “inetto” alcun politico locale (scagli la prima pietra chi è senza peccato, potrei inciampare nell’inettitudine anch’io: tanto che ‘inettitudine’ – in lingua italiana – significa “mancanza di attitudine a un determinato ufficio, lavoro o esercizio”), come voi carinamente riportate. Avete diritto di replica e vi è concesso, per carità, ma per lo meno sarebbe assai carino che vi atteneste alle mie parole, non alle mie intenzioni di comunicazione. Quello è processo alle intenzioni, lo sapete, no? Detto questo, e chiarito che in quell’articolo ponevo una serie di domande, mi chiedete di restare sui fatti. Or dunque, facciamolo. Restiamo sui fatti.

Cominciamo dal programma elettorale, se consentite. Procederò a spot, giusto per non appesantire il lettore.

In quel documento depositato presso il Comune di Casamassima leggo una serie di obiettivi: “Potenziare l’attività della Polizia municipale, di prevenzione e di controllo del territorio, ponendo particolare attenzione ai punti strategici quali Piazza Moro, il centro storico, le strade principali di penetrazione nell’abitato, i nuovi quartieri”. Ora, lascerò perdere rapine e assalti al bancomat nel cuore di Casamassima, e mi concentrerò sull’attività di detta Polizia municipale sulla vigilanza della pulizia delle strade. Mi pare che i cittadini abbiano a lamentarsi non poco.

Volevate uno staff del sindaco (altro punto) che “curi la ricerca dei finanziamenti, la ideazione, progettazione e realizzazione delle opere, anche con una completa informazione ai cittadini sui modi e sui tempi dei lavori che saranno realizzati”. Dove e quando? Mi sforzo di trovarne traccia.

“Pubblicizzare – altro punto – l’attività amministrativa tramite il Bollettino informativo comunale dando voce anche alle minoranze consiliari; non si vuole seguire il comportamento dell’amministrazione uscente che con maniere arroganti ha soffocato il pluralismo, occupando tutte le pagine del periodico comunale, quasi fosse un giornale di partito”. Mi sono persa anche questo, sorry.

“Introdurre – altro punto – un metodo di verifica periodica del lavoro amministrativo”. Cioè?

“Cercare – altro punto – e stimolare forme di integrazione tra Il Baricentro, centro commerciale Auchan, Barialto, residenti in nuove lottizzazioni e Comune di Casamassima”. In che senso?

“L’accoglienza degli ospiti nella città e nel Municipio – altro punto – dovrà svolgersi in locali dignitosi, eleganti e coinvolgenti oltre che facilmente raggiungibili, accessibili e percorribili (attualmente il Municipio è un labirinto in cui il cittadino ha difficoltà ad orientarsi)”. Che mi sono persa?

“La manutenzione delle infrastrutture esistenti (strade, illuminazione, rete acqua e fogna con impianto di depurazione da terminare) occuperà certo un posto di rilievo nell’attività amministrativa” (avete scritto). Tranne la sistemazione delle strade (finanziamento ottenuto da voi? No, per sapere) aspettiamo anche il resto.

“Sarà – scrivevate ancora – compito della prossima amministrazione affrontare, sul piano urbanistico, il problema delle ineguaglianze concessorie oggi esistente, nel rispetto della legalità, della corretta utilizzazione degli oneri introitati per la realizzazione di servizi di prima necessità nelle zone sprovviste, della ridistribuzione degli standards”. Cioè??

E poi la commissione urbanistico-edilizia formata dai tecnici locali; il partenariato pubblico-privato, la società di trasformazione urbana, i piani integrati di intervento, il recupero delle periferie, lo sviluppo sostenibile del territorio, il risparmio energetico, la bio-architettura, la progettazione e riqualificazione delle aree verdi e attrezzate, i controlli delle acque, del suolo, dell’aria, “l’introduzione obbligatoria, con sanzioni pecuniarie in caso di inadempienza, di raccolta differenziata possibilmente porta a porta, in quanto l’inefficienza della raccolta e smaltimento dei rifiuti è sotto gli occhi di tutti”, le piste ciclabili, la “creazione di un servizio di pullman urbano di piccole dimensioni, necessario per la crescente estensione orizzontale con zone isolate e prive di servizi. Si ritiene utile anche una navetta stazione Casamassima-centro-Auchan-Baricentro”, la sorveglianza notturna e diurna, il vigile di quartiere, i prodotti locali a km zero, l’istituzione di “un fondo di rotazione con il contributo finanziario delle banche locali per finanziare la nascita di nuove attività imprenditoriali”, il sostegno alla famiglia e alle donne, il rispetto della Carta europea della partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale (cioè!?), il coinvolgimento dei giovani alle decisioni politiche (ma a Casamassima!?), il “sostenere finanziariamente i progetti educativi delle scuole e delle associazioni che intendono sensibilizzare ai problemi ambientali, in particolare, fornendo un sostegno alle attività e ai progetti che favoriscono lo sviluppo sostenibile e la tutela ambientale”.. etc. etc.

Non cito, poi, il programma anziani-sanità e cultura-sport. Soprattutto quando – nel vostro programma – scrivete (riferendovi alla scuola dell’obbligo) che “l’amministrazione futura si impegnerà a mantenere l’efficienza delle strutture con una pronta e costante manutenzione ordinaria e straordinaria; realizzare interventi di riorganizzazione degli spazi per una migliore fruibilità; garantire l’efficienza dei servizi di supporto, trasporto e mensa scolastica”. Le condizioni delle strutture è sotto gli occhi della cittadinanza.

Un programma di 13 pagine molto interessante! Tanto che invito i casamassimesi a richiederne copia all’ufficio elettorale del Comune.

“L’impegno amministrativo – così concludete – se riflettiamo, è un modo per servire la propria Comunità, e quindi deve essere compiuto con spirito di servizio”.

E allora, cari firmatari, noi cittadini aspettiamo di vivere questo paese in continuità con quanto promesso. Concordate?

[da La voce del paese del 19 aprile 2014]

Commenti  

 
#6 Effettivamente 2014-04-30 18:21
*.....un paese che galleggia nella ...a. Vqualsiasi apostrofare questi amministratori di tutte le classi politiche non c'è reazione...parlano parlano parlano, alla fine e' sotto gli occhi di tutti, decenni con un paese alla rovina.
Alle prossime elezioni il primo che si avvicina.........
 
 
#5 politicamente deluso 2014-04-30 14:01
chiedo scusa ho scritto bel esempio invece di bell'esempio. cmq il significato non cambia. grazie
 
 
#4 politicamente deluso 2014-04-30 12:13
Ho ribattezzato il nostro Sindaco "Pifferaio inconcludente" xrchè ha incantato tutti con le sue false promesse elettorali. Ho detto tempo addietro che questa è la peggiore Amministrazione che Casamassima abbia mai avuto. Ora comincio a chiedermi e a chiedervi: Ma Casamassima ha un' Amministrazione? Questo scempio temporale (come io definisco i 3 anni del pifferaio) è il frutto, avvelenato, che la Sinistra, arrogante, ha lasciato al Paese. L'unica cosa chiara, in questo * acquitrino, è la consapovolezza che in questo paese non abbiamo, purtroppo, una classe politica all'altezza. TUTTA LA CLASSE POLITICA!!!!!!!!!!!!
 
 
#3 uomo di dx deluso 2014-04-30 09:18
una sola parola "VERGOGNA"
 
 
#2 Gregorio 2014-04-29 22:56
Mantenere le promesse elettorali è molto difficile quando mancano obiettive capacità e qualità intellettive e morali; soprattutto quando non si è liberi di agire perché costretti a delle regole perverse dettate da una misera politica che annovera tra i suoi attori principali diversi *. Vedi gli indagati, i condannati e gli arresti giunti a livelli inaccettabili.
 
 
#1 staffan de mistura 2014-04-29 18:18
Purtroppo penso che i politici della nostra era vivono in un mondo tutto loro, a tutti i livelli, egregia dottoressa Rodi , le promesse fatte da questa amministrazione sono un'infinità , ci vorrebbero pagine e pagine per riassumerle , tutte disattese.
Questa amministrazione , passerà alla storia , per essere la peggiore che questo Paese abbia mai avuto.
Il Sindaco senza dubbio in buona fede , ha messo su una squadra totalmente sbagliata,( dirigente U.T.) e penso che se ne stia avvedendo , .
Il campionato volge al termine , oramai è troppo tardi per rimediare,
Casamassima retrocederà in serie B
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI