Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

MOVIMENTO SCHITTULLI SPINA NEL FIANCO?

ponte auchan via noicattaro

La rappresentanza consiliare cittadina del Movimento Schittulli spina nel fianco dell'attuale maggioranza di cui fa parte? Forse no ma il dubbio, visti gli ultimi ormai neanche tanto recenti sviluppi politici a livello casamassimese, appare quantomeno legittimo. Soprattutto in considerazione del fatto che malumori da parte della componente schittulliana verso altre forze della coalizione alla guida del paese, in particolar modo rivolte al gruppo ex Pdl ora Unione del Centrodestra Casamassima, non sono mancati. Basti pensare alla non remota richiesta di verifica politica avanzata dal movimento al sindaco, anche in maniera insistente, dopo che il centrodestra si è scisso a livello nazionale nella nuova Forza Italia e nel Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano, con il gruppo locale che ha continuato per qualche tempo a definirsi ex Pdl. E al fatto che quest'ultima denominazione non volesse dir nulla per i consiglieri locali del Movimento Schittulli, che nel frattempo hanno continuato a chiedere un'identificazione e una collocazione politica ben precisa ai rappresentanti di un altro gruppo della loro stessa coalizione. Senza dimenticare l'ultimatum di una settimana, con riserva di indicare, trascorso in maniera infruttuosa questo breve lasso di tempo, i passaggi successivi dell'azione politica, lanciato dallo stesso movimento politico locale anche dopo che gli ex Pdl avevano fatto presente in maniera ufficiale di essersi dichiarati Unione del centrodestra Casamassima. Tutti passi di un iter, questi ultimi, che se non sufficienti a far ritenere il movimento politico Schittulli – entrato nel recente passato anche in manifesta polemica con alcuni esponenti dell'attuale Nuovo centrodestra Casamassima (basti ripercorrere la cronaca riportata sulle nostre colonne nelle settimane passate, relativa elle schermaglie con il consigliere comunale Franco Pignataro e non solo, proprio in merito all'identificazione politica degli esponenti consiliari al centro della disputa) – in rotta quantomeno con una parte della maggioranza, sembrano di contro giustificare qualche perplessità.

Perplessità venuta di nuovo a galla negli ultimi giorni, con al centro della discussione, questa volta, la richiesta, avanzata da tutto il gruppo consiliare Schittulli, di un consiglio comunale straordinario e urgente da dedicare alla “controversa questione relativa all'accesso in sicurezza – si legge in un documento firmato dai tre consiglieri comunali e dall'assessore del movimento politico – di pedoni e ciclisti all'area del centro commerciale presente alla periferia comunale”.

Richiesta, quella siglata dai rappresentanti della componente Schittulli in assise cittadina, il cui contenuto è condiviso dall'intera maggioranza (del resto, chi potrebbe contrastare la proposta di fare tutto il possibile per garantire la sicurezza dei cittadini che si recano a piedi o in bicicletta al centro commerciale, attraversando i due cavalcavia di via Noicattaro e via Cellamare?). Ma anche richiesta che, al di là del suo contenuto, appunto, se non ha indisposto ha quantomeno colto di sorpresa alcuni componenti dello stesso centrodestra alla guida dell'ente municipale, primo fra tutti il presidente del consiglio, ex Pdl e oggi dell'Unione Centrodestra Casamassima, Rino Carelli. Che non ha mancato di manifestare tutto il suo stupore a riguardo, anche in maniera pubblica, per il modo e la tempistica attraverso i quali questa stessa richiesta è stata avanzata. “Visto il clamore che sta suscitando la richiesta di un consiglio comunale monotematico sui ponti che portano al centro commerciale – ha scritto su un noto socialnetwork Carelli a riguardo – voglio ricordare che il sottoscritto, in qualità di presidente del consiglio comunale, aveva già proposto la convocazione di questa stessa seduta monotematica il 20 marzo scorso. E lo aveva fatto nella sede deputata a questo, vale a dire la conferenza dei capigruppo. Ma in quella circostanza, fa fede il relativo verbale, 'la proposta del presidente, circa la convocazione di un consiglio comunale monotematico sulla messa in sicurezza dei cavalcavia che conducono al centro commerciale non è stata condivisa dai capigruppo presenti, che hanno preferito un iter differente che vedeva prima la convocazione di una conferenza dei servizi con tutti gli attori interessati, e poi la presentazione di un progetto definitivo da portare in consiglio comunale'. Tengo a precisare – ha aggiunto ancora il presidente Carelli – che il capogruppo consiliare del movimento politico Scittulli (Salvatore Nacarlo, ndr) era assente in quella riunione del 20 marzo 2014. Io evito le polemiche ma bado alla sostanza – ha poi concluso – e allora mettiamo in sicurezza i cittadini che quotidianamente percorrono i due cavalcavia e poi, chi vuole, potrà indossare una medaglia al merito. E tutto questo, solo per opportuna conoscenza”.

Sempre attraverso il web, poi, il presidente del consiglio comunale ha pubblicato lo stralcio del verbale della conferenza dei capigruppo, del 20 marzo scorso, attraverso il quale si evince che quel giorno alle 16.30, nella sala del consiglio, erano presenti per dar vita alla stessa conferenza lui stesso, in qualità di presidente, e i componenti Nicola Vallarelli, Pinuccio Valenzano, Vito Rodi, Alessio Nitti e Nica Lilli. Assenti in quell'occasione, invece, erano Martino Carelli della Puglia Prima di Tutto e, appunto, Salvatore Nacarlo del Movimento Schittulli. Un'assenza, la sua, che adesso, dopo l'ultima richiesta di consiglio comunale urgente e straordinario presentata dagli schittulliani, sta animando il dibattito interno al centrodestra. Scrivendo quello che oggi, per la verità, è solo l'ultimo capitolo di un confronto, in particolar modo tra il movimento politico e l'ex Pdl, che in maggioranza si trascina da un po'.

[da La voce del paese del 19 aprile 2014]

Commenti  

 
#3 Casamassimese DOC 2014-04-25 08:02
La riflessione la farei sull'esimeo pres del cons che si sforza di darsi visibilità "inconcludente" parlando della conferenza dei capigruppo. Così dimostra che in quell'occasione il "personaggio con cravatta", vista l'assenza (ricordiamoci che Nacarlo era assente anche in altre riunioni di maggioranza, per dissenso!)del MS ha fatto finta di tentare la convocazione di un consiglio monotematico perchè aveva già deciso con gli amici di merenda di non farlo. Nacarlo già da giorni ne parlava, quindi si anticipava qualsiasi mossa di richiesta e si giustificava l'eventuale diniego. Questa chiave di lettura (l'unica vera) fa comprendere che tutti questi signori sono d'accordo con durbans per evitare che qualcuno spenda quei 700.000 euri per i ponti e li destini ad altro (si consumerebbe meno e .....) Mi dispiace che l'opposizione non ha colto la velata possibilità che non firmando la richiesta di cons, ha fatto un piacere alla maggioranza, disinteressata dei problemi di Casamassima. A malincuore dico: bravo Nacarlo ma tutto ciò che inizi perchè non lo porti a termine? Richiesta del pres. del cons! richiesta di verifica politica! richiesta (come ripiego) dell'assessore (poi dato al'UDC)! Chi ti blocca: il Laricchia delle lapidi armene? il Cristantielli dei progetti? o l'ass. dello stipendio? Non ti conosco, ma inizi a piacermi a metà!!!
P.S. a proposito perchè eravate assenti alla manifestazione degli "armeni borbonici"? Nessuno di voi era presente, avete fatto bene!! Bella iniziativa una tantum, non tutti gli anni! Forse serve solo per le foto e mettere la giacca e la cravatta! Fra poco cureremo più quella del 24/apr. che la ns del 25/apr.
 
 
#2 Allergico 2014-04-24 14:32
Spine velenose, starci lontano é consigliato!
 
 
#1 politicamente deluso 2014-04-24 13:42
MOVIMENTO SCHITTULLI SPINA NEL FIANCO? SI, DEI CITTADINI!!!!!!!!!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI