Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

SCUOLA SUPERIORE, AC: QUALI BRUTTE SORPRESE ORA?

scuola superiore 21 dic 2013

Piove sul bagnato. Non bastavano le acrobazie del sindaco nella scelta del nuovo indirizzo scolastico, alberghiero E. Maiorana anziché professionale R. Luxemburg.

Non bastavano i ricorsi e controricorsi del privato proprietario del lotto di terreno compreso nella maglia P19 del Prgc, ma escluso dal procedimento di variante urbanistica dell’area coinvolta nell’intervento edilizio per l’edificazione della nuova scuola superiore.

Non bastavano le perplessità manifestate dal gruppo consiliare di Autonomia cittadina sull’iter seguito.

Adesso ci si mette pure il dirigente dell’Ufficio regionale di coordinamento per l’attuazione delle Opere pubbliche Servizio Lavori pubblici, ing. Lucia Di Lauro che, con una propria nota, mette in discussione l’iter seguito dall’ente, palesando irregolarità tali che potrebbero inficiare l’intero procedimento. Nella fattispecie, non avendo partecipato ai lavori, il dirigente ritiene che la Commissione prevista dalla L.R. n. 13/01 non si sia riunita in collegio perfetto e quindi, il conseguente deliberato, potrebbe essere invalidato in quanto non adottato all’unanimità, nonché privo delle risultanze positive di indagini geotecniche.

Riepiloghiamo brevemente gli eventi passati e l’azione di Autonomia cittadina.

Consiglio comunale del 17/11/2011. Si discute l’approvazione del progetto definitivo del nuovo edificio scolastico. Ac, tramite il consigliere Fortunato, presenta un documento nel quale dichiara che l’iter seguito dall’amministrazione non appare conforme alle norme. Si temono ritardi e richieste di risarcimento danni a carico dell’ente. Per tali ragioni il rappresentante di Ac si allontana dall’aula e non partecipa al voto. L’esito finale della votazione è il seguente: 13 presenti in aula di cui 10 consiglieri di maggioranza (assente Laricchia), 2 del Pd, 1 di Sel-Idv-Rif; 12 voti favorevoli di cui 10 della maggioranza e 2 del Pd, 1 astenuto Sel-Idv-Rif.

Consiglio comunale del 21/12/2011. Approvazione definitiva del progetto del nuovo edificio scolastico. Ac, tramite il consigliere Rodi, ribadisce la posizione espressa nel precedente consiglio, ritenendo non corretta e non aderente alle norme di Prgc la procedura seguita, in quanto priva di un Piano particolareggiato che prendesse in esame l’intera maglia, compreso quindi il lotto escluso in precedenza. Teme ricorsi del privato con spese a carico dei cittadini. A tale intervento, il tecnico comunale risponde asserendo che, non essendo pervenute osservazioni in tal senso e nei tempi previsti, non ci sarebbe nulla di cui preoccuparsi.

Autonomia cittadina, che invece non è affatto convinta dalle rassicurazioni del tecnico, si allontana dall’aula al momento della votazione, i cui esiti risultano i seguenti: 12 presenti in aula e 12 voti favorevoli, di cui 9 consiglieri di maggioranza (assenti Laricchia e Pignataro), 2 del Pd, 1 di Sel-Idv-Rif.

Il resto, come detto in premessa, è storia recente. Una storia che sembra non avere fine e chissà quali altre brutte sorprese ci riserva ancora.

Gli atti richiamati possono essere utili ai cittadini per documentarsi e comprendere l’azione politica dei propri rappresentanti.

Autonomia cittadina

[da La voce del paese del 12 aprile 2014]

Commenti  

 
#5 Principe Amleto 2014-04-24 22:49
17/11/2011 e 21/12/2011: Fortunato prima e Rodi dopo contestano a muso duro all'amministrazione Birardi la procedura seguita per la edificazione della nuova scuola superiore.
Il tempo e l'ingegner Di Lauro, responsabile regionale dei lavori pubblici, danno ragione ai due rappresentanti di A. C. .
Sorgono ora dubbi pesanti sulle rassicurazioni che il responsabile dell'ufficio tecnico dell'epoca esprimeva in consiglio comunale, affermando che nessuno avrebbe potuto presentare ricorso (sbugiardato dai fatti). Perchè ha mentito?
Come mai solo A. C. si è preoccupato di approfondire la questione chiedendo sicuramente pareri a chi non era coinvolto in prima persona
Infine perché quella scuola, voluta fortemente da tutti noi, non è stata costruita nella zona prevista dal PRG?
E il/i proprietario/i del terreno indicato nel PRG, come mai non reclama i propri diritti?
E il Pignataro, strenuo difensore dei diritti del cittadino e soprattutto del proprietario di quel terreno oggetto di estenuanti ricorsi, dov'è?
Ah, dimenticavo, lui era assente in quel consiglio!!!
E perchè non ha chiesto il parere ai preparati e seri tecnici di cordata?
Mah, speriamo che tutto finisca nel migliore dei modi!
Saluti e buona nottata.
 
 
#4 Teorico 2014-04-24 15:07
Al commento di Mastropasqua:
- Laricchia e Pignataro, avendo avvertito puzza di bruciato, hanno preferito non invischiarsi?
- L. e P. avendo atteso precedentemente notizie da quel Fortunato che abbandonò l'aula consiliare fermamente convinto di una illegittima prassi, preferirono ...?
- semplicemente assenti per fatti meramente personali e sicuramente più importanti di un semplice consiglio comunale?
Chissà se i "nominati" vorranno esprimere rimostranze e spiegazioni a queste fantasiose considerazioni!
Teorie e semplici teorie.
 
 
#3 Mastropasqua 2014-04-24 08:38
Qualcuno mi spiega come mai Laricchia e Pignataro si defilano quando si tratta di votare il provvedimento, AC si schiera contro, mentre il PD e SEL si allineano alla maggioranza di centro destra? Ho capito bene?
 
 
#2 Pecoraro 2014-04-23 13:51
Signor Cristoforo, il coraggio è una dote innata nell'uomo e difficilmente lo si può trovare durante il percorso della propria vita. Pertanto lasci che ognuno di noi viva secondo il ruolo assegnatogli da madre natura.
Anche le pecore hanno diritto al rispetto, non vanno mai disprezzate!
 
 
#1 Cristoforo 2014-04-23 00:09
Laricchia e Pignataro, assenti in quel consiglio comunale, a conoscenza di questa importante documentazione pervenuta al comune di Casamassima da parte della Regione Puglia, chiederanno chiarimenti al proprio Sindaco?
E ora verrà fuori l'animo battagliero del Pignataro? Presenterà una legittima interpellanza che servirà a tranquillizzare noi comuni mortali?
O chi fa parte della maggioranza dovrà solamente tacere?
In questi frangenti esaltarsi con i paroloni serve a ben poco.
Servono risposte reali a documenti imbarazzanti!
Fingere di non conoscere è indice di viltà!
È necessario trovare quel coraggio che contraddistingue l'uomo dalle pecore!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI