Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

MOVIMENTO SCHITTULLI: “ASPETTIAMO CHE SI DICHIARINO”

pietro cristantielli

“Noi del gruppo consiliare Schittulli stiamo aspettando che i consiglieri comunali ex Pdl rispondano alle nostre domande, indicando una denominazione politica precisa nella quale identificarsi. Attendiamo quindi da loro una risposta, tutto qui”. È il pensiero del consigliere comunale ex Pdl, da poco confluito tra gli aderenti al Movimento Schittulli, Pietro Cristantielli, che attraverso queste parole spiega il documento tramite il quale il suo nuovo gruppo consiliare ha avanzato la richiesta agli ex Pdl di dire chi sono adesso politicamente. “Quando il consigliere Franco Pignataro – osserva ancora Cristantielli – sostiene che dobbiamo avere pazienza e non possiamo pretendere di sapere subito con chi si riconoscono oggi gli ex Pdl, perché io ci ho messo un anno prima di prendere la mia decisione, dice una cosa errata. E questo perché io non ci ho messo affatto un anno prima di passare al Movimento Schittulli. La mia piuttosto è stata una presa di distanza dal gruppo consiliare ex Pdl, che si è tradotta nel mio essermi dichiarato indipendente dallo stesso gruppo, ma tale allontanamento è stato già da me ampiamente motivato ed è riconducibile al fatto che ho sempre chiesto spiegazioni al gruppo consiliare ex Pdl del perché fossero state bruciate cinquecento preferenze elettorali, quelle degli ex assessori Pino Gengo e Ninni Columbo. Il mio dichiararmi indipendente è derivato dal fatto che io ho chiesto al gruppo questo chiarimento, poi il Pdl si è sciolto a livello centrale e da quel momento, nel giro di un mese, quindi non di un anno come dice Pignataro, ho preso la mia decisione riconoscendomi nei valori e negli ideali del Movimento Schittulli. Mai, in ogni caso, mai ho fatto mancare il mio apporto al sindaco e all'amministrazione, portando avanti responsabilmente il compito conferitomi dagli elettori due anni e mezzo fa. E questo per il bene di Casamassima e della sua cittadinanza”.

pignataro new“Come ho già avuto modo di sottolineare – osserva invece il consigliere Franco Pignataro – non capisco affatto il significato del documento a noi rivolto, sottoscritto dai rappresentanti del gruppo Schittulli nell'assise cittadina. Io e il mio passato e presente politici siamo riconoscibilissimi. E lo siamo da almeno trentacinque anni, molto più di alcune persone in cerca d'autore che prima di chiedere a me chi sono dovrebbero mettersi di fronte a uno specchio e interrogarsi sulla loro identità politica. Sono loro a dover spiegare chi sono e da dove vengono da un punto di vista politico, altro che chiedere a me e a noi ex Pdl di identificarci. Comunque quello sottoscritto dal gruppo consiliare Schittulli mi pare un testo di nessuna importanza, soprattutto non del peso che i suoi firmatari vorrebbero attrabuirgli”.

Sulla stessa lunghezza d'onda di Franco Pignataro si sintonizza anche il pensiero di Antonio Episcopo, pure lui episcopo antonio lucioconsigliere comunale eletto alle ultime amministrative nella lista del Pdl. “La nostra identità politica – fa presente Episcopo – è chiara e perfettamente individuata e individuabile. Non si capisce quale recondito fine ci sia dietro il peraltro maldestro tentativo di spaccare il gruppo ex Pdl. Preferisco piuttosto pensare ad altro, non ritengo ci sia da aggiungere altro”.

“Il documento del gruppo Schittulli? Nella vita – così liquida l'argomento il consigliere comunale Donato Dalfino - tutto e niente hanno un senso. La decisione sul nostro futuro politico la dobbiamo prendere noi ex Pdl, e a breve comunicheremo la nostra posizione. Ma nessuno deve fare pressioni a riguardo. Presto chi da donato dalfinonoi aspetta o desidera risposte sarà accontentato, e nel giro di poco tempo anche la questione del prossimo nuovo assessore che dovrà entrare in giunta sarà risolta. Noi del Pdl siamo sempre convinti del fatto che l'assessorato ci spetti, ma io personalmente, ma questo è un mio soggettivo punto di vista, ritengo che per il bene del paese il mio e il nostro partito possa anche fare un eventuale passo indietro in tal senso, lasciando ad altre forze politiche di maggioranza le deleghe assessorili ad oggi ancora nelle mani del sindaco. Comunque adesso tutti insieme faremo le opportune valutazioni, per sciogliere anche questo nodo”.

“La richiesta del gruppo Schittulli – mette in evidenza il consigliere comunale della Puglia prima di tutto, martino carelliMartino Carelli – è lecita e corretta. Non mi pare invece altrettanto corretta la fretta con la quale si vuole che gli ex Pdl decidano il loro futuro politico. Si deve dare il tempo ai consiglieri di valutare con attenzione il da farsi, perché agire troppo rapidamente potrebbe indurre chiunque a prendere decisioni cadendo magari in errore. E poi, al di là delle sigle e delle bandiere di partito, gli ex Pdl hanno sempre detto di voler proseguire uniti e compatti il loro lavoro all'interno dell'amministrazione, dunque non vedo dove sia il problema. Per quel che mi riguarda, invece – prosegue ancora Carelli rispondendo a una precisa domanda su quel che sarà il suo futuro politico alla luce dei nuovi scenari che si stanno delineando – sono stato eletto nella Puglia prima di tutto e di quel partito rimango espressione, dato che esiste ed è ancora in piedi”.

vallarelli nicola“Il testo sottoscritto dai consiglieri del Movimento Schittulli – sottolinea Nicola Vallarelli, voce dell'Udc tra i banchi dell'assise cittadina – è giusto. Il Pdl come partito non esiste più, pertanto è più che opportuno che i suoi vecchi rappresentanti si dichiarino e ci dicano da che parte e con chi stanno. Noi dell'Udc – e ora il consigliere fornisce chiarimenti a un'apposita domanda sul suo futuro politico – siamo parte dell'Unione di centro e quello restiamo, non avendo peraltro ricevuto nessuna comunicazione a riguardo dai nostri rappresentanti provinciali circa eventuali cambiamenti. Per quel che riguarda gli ex Pdl – continua ancora Vallarelli – è strano che loro firmino un documento avanzando delle precise richieste al primo cittadino, in maniera peraltro arrogante come ho già detto, senza tener minimamente conto del fatto che nel frattempo gli equilibri sono cambiati. Ecco perché ritengo che il Movimento Schittulli abbia presentato una richiesta di chiarimento e di verifica politica più che legittima”.

“Gira e rigira – afferma invece il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Alessio Nitti – la storia è sempre la stessa. nitti alessioIl Pdl o ex Pdl di Casamassima, mi pare evidente, non esiste più, perché in caso contrario farebbe ben altro rispetto a quel che fa. Ecco perché, visto anche il clima nel quale gli ex Pdl operano, un clima politico fatto di cose dette e non dette, sussurrate e non fatte, che poi si traducono in un finto rimproverare e tirare le orecchie al sindaco, le domande che poi al vecchio Pdl cittadino vengono rivolte sono più che comprensibili, soprattutto se partono da un'altra forza di maggioranza. Tutto qua: questa classe politica – conclude Nitti – a mio avviso sta recando molto danno alla nostra Casamassima”.

[da La voce del paese del 15 febbraio 2014]

Commenti  

 
#11 Donato ce 2014-02-24 07:22
Ma questi insignificanti peones della lista Schittulli piuttosto che fare chiacchiere facendo la sponda non si capisce bene a chi, non possono pensare a risolvere i problemi di Casamassima. Ma fatevi una passeggiata a piedi e godetevi lo * che c'è ad ogni angolo di strada, lo avete mai visto o girate solo in macchina, peones!
 
 
#10 Pedone 2014-02-23 22:56
Grazie Alfiere Nero, invidio la tua cultura che viene esaltata, però,
da un gruppo nutrito di gente che offre il fianco grazie ad una macroscopica ignoranza.
Con reverenza, Pedone.
 
 
#9 Alfiere Nero 2014-02-22 14:59
Per "Pedone"

La traduzione è: "Così non cominciare come quel poeta ciclico: 'La sventura di Priamo canterò e la guerra famosa'. Cosa mai potrà offrirci il millantatore che stia all'altezza di un esordio tale? La montagna ha le doglie e, ridi, nasce un topolino."

La citazione viene usata tra chi ha STUDIATO LATINO per dire che la montagna ha partorito il topolino ( come qualcuno per esempio ( a ragione ) oggi ( 22/02/2014 ) dice del governo Renzi, o qualcuno non ha rispettato le attese ecc ecc.

Per il bimbominkia ( per usare un simpatico eufemismo )"Risposta"

Sono sicuro che non ci crederai perchè te lo impone il tuo Q.I.: tra 20 e 30 ( cioè quello di una capra ). La citazione, come tantissime altre o brani interi, li posso declinare a memoria senza copia incolla.

Purtroppo la tua testa di capra non concepisce che per fare un copia incolla pertinente dovrei avere tutto il web in testa. E anche questo sarebbe di per sè e in astratto un merito. Ma sarebbe una mostruosità inconcepibile.

Chiama a raccolta tutti i tuoi neuroni e chiediti: "Forse certe cose bisogna già saperle prima di fare ( eventualmente )il copia e incolla. Perchè se non le so, vagherei tutta la mia vita ed oltre nel web senza trovare quel che cerco. Sempre che una capra sia in grado di cercare qualcosa nel web....Se non ci arrivi sei appunto una capra.
 
 
#8 risposta 2014-02-21 16:49
Pedone vai su internet e traduci.
Secondo te questo enio di Alfiere da dove pensi che faccia i copia ed incolla di quello che scrive.
 
 
#7 Pedone 2014-02-20 23:18
Chiedo ad alfiere nero la traduzione di quella frase in latino, tutto fa cultura! Grazie.
 
 
#6 canzonissima 2014-02-20 20:08
Sanremo temo che l' amico Pino Daniele abbia proprio, proprio ragione.
Purtroppo questa è la vera realtà della nostra ex Casamassima.
 
 
#5 olmo 2014-02-20 15:37
poveretti non sanno ancora cosa fare perche' vogliono vedere come finisce a roma.......rinviano e rinviano, vogliono vedere se alfano e berlusconi tornano amici e vogliono vedere se "IL FAMOSO CETRIOLO DELL'ORTOLANO" FACCIA COLPO.............come se ai casamassimesi tutto questo interessasse!!!!!!!!!!!!!!
----------------e forse ,dico forse per fare un po di pulizia in questo paese e'giusto che ci siano degli stranieri (napoletano, barese ecc...) cosi tolgono un po' di casta!!!!!!!!!!!
 
 
#4 Sanremo 2014-02-20 14:55
x Pino Daniele: prova ad incidere una canzone invece di dire *
 
 
#3 Alfiere Nero 2014-02-20 12:36
Il movimento Schittulli

..."Nec sic incipies, ut scriptor cyclicus olim: 'Fortunam Priami cantabo et nobile bellum'. Quid dignum tanto feret hic promissor hiatu? Parturient montes, nascetur ridiculus mus." (Orazio, Ars Poetica, vv.136-39)...

PS: Chi desidera la traduzione la può chiedere.
 
 
#2 Pino Daniele 2014-02-19 23:40
Ma da un napoletano, un barese, un geometra legato a doppio filo agli ex ed un Borbone ( alcuni senza alcun legame reale al ns paese ) cosa vi aspettavate? Una * conta per ottenere una poltrona! Del resto cosa ve ne farete? Se il massimo che riuscite ad esprimere per questo paese sono... targhe!?!
 
 
#1 Circe 2014-02-19 23:13
Ma scusate perchè date la fiducia e poi criticate l'operato del Sindaco? In effetti il primo ad aver posto il problema politico sul PDL fu il consigliere Cristantielli che fu lasciato solo a suo rischio e pericolo adesso lui stesso se li è giocati ed è diventato il consigliere fidato del Sindaco.
Una vera telenovella che terminerà male per qualcuno
Chissà per chi? il Sindaco..oppure i consiglieri firmatari ? si accettano scommesse...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI