Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

NANNA (M5S): “A BREVE GAZEBO ITINERANTI”

m5s dambrosio a casamassima

Quella appena conclusa è stata una settimana di tensione e di contrasti nella Camera dei Deputati, in occasione dell'approvazione della discussione del disegno di legge di conversione del ddl “Imu-Bankitalia” la presidente Boldrini ha deciso di adottare la “tagliola”, interrompendo la discussione parlamentare. In questo modo il decreto è stato approvato con 235 voti favorevoli e 29 contrari, tra forti contestazioni. Laura Boldrini ha in seguito spiegato di aver preso questa decisione anche per evitare a milioni di italiani di pagare la seconda rata dell'Imu. Resta in ogni caso un precedente inedito, nella storia della Camera, che gli alti uffici di Montecitorio avrebbero voluto evitare. Per la legge elettorale si tornerà a parlare invece martedì 11 febbraio.

Per fare maggiore chiarezza, abbiamo deciso di ascoltare Gianni Nanna, portavoce del M5S Casamassima e di porgli alcune domande.

Per quali motivi il Movimento protestava contro il decreto Imu-Bankitalia?

“L'aumento di capitale della Banca d'Italia secondo noi è una privatizzazione mascherata. Inoltre non si può trattare con la decretazione d'urgenza un provvedimento che è in discussione da diversi anni. Per questo si è cercato di impedire che passasse tramite l'ostruzionismo, per arrivare alla scadenza dei 60 giorni, ma c'è stato l'intervento del presidente della Camera, il resto è cronaca”.

Cosa ne pensa della “tagliola” utilizzata dalla Boldrini?

“Per me è qualcosa di negativo. Oltre alla decretazione d'urgenza il decreto comprendeva due argomenti non omogenei (l'Imu e la ricapitalizzazione della Banca d'Italia per 7,5 miliardi di euro), che potevano benissimo avere due discussioni separate. Quella di accorpare i provvedimenti è una brutta abitudine. È già avvenuto un episodio del genere quando sono stati uniti il decreto contro il femminicidio all’abolizione della norma che aboliva le province. In quell'occasione il Movimento votò in maniera negativa e i nostri deputati sono stati fatti passare come gente a favore del femminicidio”.

Come giudica l'Italicum?

“Non è che il peggioramento del Porcellum (listini bloccati, nessuna possibilità di esprimere le preferenze ecc). A mio avviso ci sono le pregiudiziali per cui potrebbe essere dichiarato incostituzionale. Per non parlare del fatto che ancora una volta si vuole accorpare, unendo alla nuova legge elettorale la modifica dell'articolo V della Costituzione (sulle autonomie locali). Mi chiedo: quanti elettori, anche nelle file dello stesso Pd, saranno d'accordo con questa nuova legge elettorale? Noi del Movimento abbiamo avviato un processo di discussione online su una nuova proposta di legge elettorale da presentare, in cui stiamo valutando i pro e i contro dei vari sistemi proposti.

Per quanto riguarda le accuse sessiste mosse dalla Boldrini ad alcuni attivisti?

“Siamo contro ogni forma di violenza, sia fisica che verbale. Ci sentiamo offesi dalle frasi del presidente della Camera, che dovrebbe essere super partes. È stato dato fin da subito ampio spazio alla polizia postale per rintracciare chi si esprime in maniera volgare o offensiva sul blog di Grillo. I nostri parlamentari ci dicono sempre di essere accoglienti, corretti e spiegare ai cittadini tutto ciò che accade alla Camera. Mi domando come farà la Boldrini a mantenere l'imparzialità che deve avere la sua figura dopo le infamie che ha detto contro il Movimento su tutti i tg e le televisioni?”.

Dopo l'Agorà del 25 gennaio con l'onorevole D'Ambrosio state programmando altre iniziative qui a Casamassima?

Sì, a partire da venerdì daremo il via al “Quartiere 5 stelle”. Dalle 18 alle 20 saremo in strada per parlare con i cittadini, per scambiare idee ed opinioni, con dei gazebo “itineranti”. Vogliamo girare tutto il paese, perciò contiamo di realizzare queste iniziative con una cadenza periodica ancora da stabilire, ma che potrebbe essere ogni 7 o 15 giorni. A proposito dell' Agorà volevo sottolineare che in quell'occasione avremmo gradito la presenza delle forze dell'ordine in occasione della visita del parlamentare D'Ambrosio.”

[da La voce del paese dell'8 febbraio 2014]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI