Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

EX PDL: “SINDACO ATTENTO O CI DISSOCIAMO”

ex pdl

Una stilettata profonda, decisa. Un'altra. È quella che il gruppo consiliare dell'ex Pdl, con la sola eccezione del consigliere comunale Pietro Cristantielli, ha indirizzato al sindaco, Mimmo Birardi, attraverso un documento consegnatogli nei giorni scorsi e del quale sono stati messi a conoscenza anche tutti gli altri assessori e consiglieri del centrodestra alla guida del paese. In questi due fogli, sottoscritti dai componenti del vecchio Popolo della Libertà cittadino, Donato Dalfino, Antonio Episcopo, Franco Pignataro, Pinuccio Valenzano e Rino Carelli, i firmatari, esponenti peraltro del gruppo più rappresentato nell'assise cittadina, avanzano al primo cittadino sette richieste, sottolineandone il carattere di “priorità assoluta rispetto a qualunque altro argomento, pena un formale atto di dissociazione nei confronti del sindaco e della giunta”. “Ove le proposte formulate non dovessero essere accolte – fanno presente i cinque ex Pdl – i consiglieri firmatari del presente documento si riservano ogni ulteriore azione a salvaguardia delle proprie dignità politica e personale”.

Un messaggio chiarissimo, dunque, che auspica – a detta di chi lo manda – un'inversione di tendenza da parte del sindaco nella gestione delle diverse problematiche politiche, e che non esclude, se le richieste appunto non dovessero essere avallate, anche conseguenze politiche che potrebbero essere drastiche. Non è la prima volta, per la verità, che dal centrodestra che lo sostiene si alzano moniti di questo tipo nei confronti del sindaco, sollevati in precedenza sia dall'ex Pdl che da altre componenti della maggioranza cittadina. I nostri lettori, a tal proposito, forse ricorderanno gli interventi nella pubblica assise di diversi consiglieri di maggioranza appunto, in occasione della discussione della mozione di sfiducia al sindaco presentata dalla minoranza lo scorso mese di settembre. Allora il sindaco incassò la fiducia, ma non mancarono comunque malumori evidenziati anche da chi gli accordò il consenso, che non perse occasione di sottolineare appunto la necessità di un cambio di marcia nella gestione dell'attività politica e amministrativa.

E oggi, tornando adesso all'attualità più stringente, arriva questo documento condiviso da cinque ex Pdl su sei, con la sola eccezione di Pietro Cristantielli, che comunque già in passato si è ampiamente dissociato dal sindaco e dal gruppo consiliare del Popolo della Libertà, essendosi dichiarato indipendente e dunque propenso a votare i singoli provvedimenti di volta in volta e secondo quella che a suo parere è l'utilità che gli stessi provvedimenti possono comportare per la collettività.

Ma quali sono i sette punti “di priorità assoluta” che i firmatari del nuovo documento chiedono vengano adottati “pena un formale atto di dissociazione nei confronti del sindaco e della giunta”? Innanzitutto – come si legge nel documento in questione - “la restituzione al gruppo ex Pdl delle deleghe assessorili detenute dal sindaco, attraverso la nomina di un assessore indicato dallo stesso gruppo”. Poi “l'interruzione dell'inqualificabile, oltre che del vano e maldestro tentativo di trasversalismo con la minoranza, segnale di evidente debolezza politica”. Terzo: “consultazione preventiva della maggioranza su ogni (nel documento l'aggettivo indefinito è riportato proprio così, in grassetto rispetto al resto del testo, ndr) proposta di delibera, sia essa di competenza del consiglio che della giunta e sull'avvio di qualunque procedura che comporti una successiva decisione sul futuro della nostra comunità”. Quarto: “introduzione di una procedura di controllo delle determinazioni assunte dai servizi comunali, atteso il numero elevato di provvedimenti errati, incompleti, incomprensibili, imprecisi, eccetera”. Quinto punto – prosegue ancora il documento - “revisione del rapporto con i responsabili dei servizi, che ad oggi sono i veri governanti – aggiungono i sottoscrittori del testo in questione – aumentando il grado di autorevolezza degli amministratori e adottando i necessari provvedimenti disciplinari quando ricorrono palesi ed inqualificabili incapacità nella gestione ordinaria”. Sesto: “assegnazione degli incarichi professionali con coinvolgimento e valorizzazione, secondo normativa, di tutte le professionalità locali disponibili, nonché reale impiego di tutte le maestranze locali nell'affidamento di lavori di manutenzione del patrimonio pubblico”. Settimo: “prioritaria attenzione alle proposte, alle idee e alle iniziative, purché legittime, degli assessori e dei consiglieri comunali, rispetto alle richieste di persone terze, prive di mandato elettorale, e persino impropriamente presenti negli uffici comunali con assidua frequenza”. Questi sono i sette punti sull'applicazione dei quali il Pdl, a eccezione di Pietro Cristantielli, si è detto non disposto a transigere, sottolineando anche un'altra necessità. “Attese anche alcune importanti scadenze – prosegue infatti il documento – tra cui quella del bilancio, i consiglieri comunali ritengono necessario e prioritario convocare in tempi brevissimi un consiglio comunale che possa finalmente adottare i necessari provvedimenti conseguenti la perizia legale fornita dal nostro consulente e quella urbanistica a cura del nostro ufficio tecnico, circa la situazione del centro commerciale. Contestualmente è necessario che ogni gruppo acquisisca ogni documento e/o informazione che riguardi l'argomento Pip e che successivamente, prima di ogni intempestiva decisione unilaterale, si avvii un confronto sereno in maggioranza, mettendo sul tavolo tutte le opzioni possibili e addivenendo alla soluzione migliore. In riferimento alla ormai prossima approvazione del bilancio di previsione, infine, i sottoscritti consiglieri comunali, eletti nella lista del Pdl, ritengono che si debba avviare un'attenta, analitica e condivisa riflessione su ogni posta in entrata e in uscita, nel presupposto di diminuire la pressione fiscale. A tal fine – prosegue il testo firmato dai cinque – è indispensabile che la giunta approvi il piano triennale delle opere pubbliche, emani le linee guida e successivamente gli uffici forniscano le relative proposte operative, accompagnate dalle poste economiche da visualizzare sui modelli predisposti e approvati dal regolamento di contabilità. E' indispensabile, inoltre, che la maggioranza si confronti sulla manovra finanziaria complessiva per arrivare al più presto all'approvazione del bilancio. Spesso gli incontri di maggioranza – osservano ancora i consiglieri – sono viziati da confusione, ritardi, assenze tattiche, e dalla mancanza di una scaletta di argomenti chiari e rispondenti alle reali priorità del momento. E quando gli argomenti in discussione sono pertinenti, molto spesso sono anche urgenti, e in tal modo ai gruppi consiliari non è data la possibilità di approfondirne i contenuti, ma solo di ratificare per spirito di appartenenza. Le decisioni relative ad alcune grosse tematiche come il Pip poi, e tutte quelle di tale portata, vanno discusse prima in maggioranza e poi, dopo aver assunto una decisione unitaria, portate al confronto con le altre forze politiche e sociali. Confidiamo che si proceda immediatamente nella direzione descritta – così si conclude il testo -. Ove le proposte formulate non dovessero essere accolte, i consiglieri firmatari del presente documento si riservano ogni ulteriore azione a salvaguardia delle proprie dignità politica e personale”.

[da La voce del paese del 25 gennaio 2014]

Commenti  

 
#39 Uomo di dx 2014-02-15 09:16
X post. 35: leggendo il tuo post, deduco che fai parte di questo centrodetra che crede di amministrarci, e si capisce dal fatto che sai benissimo episodi e fatti che solo all' interno vostro si sanno. con quello che cerchi di fr intendere non fai altro che confermare quello che pensano oramai i cittadini di casamassima, che siete inutili e senza dignità. Se sai, parla metti al corrente tutti i cittadini, altro che sciabole e foderi, siete solo una vergogna. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA. di una cos sono sicuro, è finita la cuccagna, aspetteremo altri due anni, ma finalmente in un colpo andrete. Casa in parecchi e chi voterà più, è finta l trippa per gatti.
 
 
#38 Un panettiere 2014-02-13 18:25
Sei proprio un bel filone, caro Gengo. mi sa però che incisivo35 ha colpito nel segno, non hai risposto a nulla e francamente il più agitato mi sembri tu. Un consiglio, attento ai CANINI, pare che mordono anche i fantasmi. Ah Ah Ah!
 
 
#37 Domanda 2014-02-13 13:49
Gengo non dire cose non vere, offendi la dignità dei veri Casamassimesi anche se ormai in minoranza.Piuttosto, parlaci di quando hai appoggiato De Tommaso.
Poi che dici, Montanaro non fu voluto da nessuno dei tuoi citati, ma la storia è troppo lunga da raccontare ma non è certamente così e tu non la vuoi raccontare, in quanto appoggiasti il centrosinistra e De Tommaso.
Capisco che rosichi tanto, ma la coda con un po di acqua se si accende si spegne.
 
 
#36 Pino GENGO 2014-02-12 22:22
X incisivo
BALLE, BALLE, BALLE!!!! Sai, credo che tu sappia più di me! Tocca a te continuare a parlare....! Mi sembri un pò troppo agitato, tu! Non è che sei preoccupato????
Butta giù la maschera e facci.... divertire....Ricordati, mi sognerai anche di notte!!!
Salve, Pino GENGO
 
 
#35 Incisivo 2014-02-12 18:35
Sig. Gengo, troppe chiacchiere che finiscono per confonderti, si dice che un buon bugiardo deve avere buona memoria. Perché non racconti la vera storia del 2008 e non del 2011 come tu riporti? Meglio Montanaro o De Tommaso? per non parlare della balla su Cristantielli che avrebbe ritirato la candidatura, quando sai bene che le cose sono andate mooolto diversamente. Durbans ne fa di errori, ma in molti pensano che ha fatto una cosa buona quando vi ha dato il benservito, a te e qualche comparuccio, altro che - usciti a testa alta lasciando perdere la politica - come dice nel post 14 uomo di destra. ma quando mai, sei sempre a fare trame e conciliaboli con i tuoi amici di merenda per far cadere questa amministrazione. O mi sbaglio? Peccato non ci riuscirai. Dici che non sai il perché sei stato allontanato, parli di atti ufficiali, fai i distinguo con la Montanaro, come a voler far credere che a differenza sua, tu sei un agnellino che è stato sacrificato per chissà quale folle e oscuro disegno. Forse la letterina, forse certe amicizie, forse altro? E dai, vomita se hai da farlo visto che non lo fa chi ti ha licenziato, sennò incassa e porta a casa. Concordo invece che hai sempre avuto un progetto per il paese, un ri-fiuto particolare, sempre lo stesso, la passione per la munnezza, sin da quando eri in fasce. O mi sbaglio ancora? Coraggio sciabola scognata, con queste armi ben poco potrai fare contro Durbans e i suoi canini (i guerrieri dell'ex PDL) che non hanno nessuna intenzione di lasciarti spazio per farti riciclare (come vedi siamo sempre nel tuo ambito di competenza). A meno che non prevedi un futuro tutto nuovo, al teatro dei pupi, perché il puparo pare sia sempre in attività. Tanto, con i voti dei tuoi fans ed un paio di listarelle faresti sfracelli. Auguri a te e ai tuoi progetti per Casamassima.
 
 
#34 fedele 2014-02-12 01:47
A Pignataro il merito di aver contrastato la candidatura di Birardi a sindaco. Era il suo argomento preferito, poi ha dovuto sottomettersi.
 
 
#33 Pirotoro 2014-02-10 23:44
PER GENGO
Caro Pino, sulla dinamica inerente "l'improvvisa" candidatura dell'attuale Sindaco non mi trovi d'accordo! Questa è la storiella che tutti raccontano!
Tranne questo, concordo sul resto!
 
 
#32 norefluiinlama 2014-02-10 22:41
Signori consiglieri ed ex assessori... Sappiate una cosa... I cittadini non vedono l'ora che ve ne andate!
Guardate che facce,sentite che parole.
SIETE INUTILI
Prima lasciate l'incarico e meglio è per il paese. State letteralmente distruggendo la nostra amata cittadina
E la cosa più grave è che siete incapaci anche di badare a voi stessi e ai vostri interessi. Tornatevene a casa a non prendere ordini dalle mogli. Almeno avrete una ragione di esistere.
buona vita
 
 
#31 Schietto 2014-02-10 19:06
Pino Pino, ecco la risposta che dai a RISPETTOSAMENTE:
...DA PERSONAGGI CHE NON HANNO DATO SEGUITO ALLE DELIBERE DI GIUNTA DEL 2012 ...PENSO CHE HANNO VOLUTO PERDERE (o prendere?) TEMPO!!!!
Chi sono e perché quei personaggi hanno voluto...?
A questa domanda devi rispondere e lascia che il gregge continui a pascolare!
Tu sei persona di parola, hai ancora un onorabilità da salvaguardare.
Ciao amico.
 
 
#30 pupi colorati 2014-02-10 08:33
Quanti panni colorati nella ex-PDL, si potrebbero confezionare i sette PUPI della quarantana ed esporli appesi al balcone del Municipio visto che non c'è la sezione PDL a Casamassima. Poi uno alla volta ogni domenica se ne toglie uno. (Cominciando da tre). Ma penso che anche in questa occasione ci sarebbe disputa sulla scelta della veste e del colore. Unica certezza quella nera.
 
 
#29 Imparziale 2014-02-10 00:45
Defenestrato Gengo, leggo il post 22 e capisco la chiave di lettura del post 27. Di chi la ragione?
 
 
#28 Pino GENGO 2014-02-09 23:31
Per PIROTORO.
Caro amico, ancora una volta, per l’ennesima, racconto quello che è avvenuto nel 2011:
-premetto che con il candidato sindaco Montanaro, sponsorizzato dal dott. Pignataro e Camasta, il sottoscritto ritirò la candidatura;
-nel 2011 ero candidato con Cristantielli candidato sindaco;
-qualche giorno prima della scadenza delle candidature, Cristantielli ritira la sua e con una consultazione veloce tra i candidati si decise di appoggiare Birardi per non spaccare la lista PDL;
-chi era il personaggio, lo sapevo, ma decisi di candidarmi, perchè ,vedendo il resto della lista, mi convinsi che avrei avuto con me una squadra affidabile e di brave persone;
-la squadra c’era, ma di “affossatori”, che con i ripescati avevano deciso di “venderci per pochi danari”.
Quindi, non mi ha deluso Birardi, che per me era e rimarrà un “genio guastatore” della politica Casamassimese, ma i vari Episcopo, Pignataro, Valenzano, Carelli R., Dalfino. Adesso, devi dirmi che dovevo vedere il futuro??? Solo Pignataro cercava di bloccare la candidatura di Birardi, ma solo perché ne aveva un’altra che gli poteva travasare i suoi voti permettendogli di essere eletto e non ripescato, come poi è avvenuto.

X RISPETTOSAMENTE.
Il sottoscritto non aveva un piano, ma un progetto per la raccolta differenziata, condiviso da tutti i consiglieri e gli assessori, dico tutti, nessuno escluso!!!! Non siamo stati bloccati da una leggina regionale, che è di agosto 2012, ma da personaggi che non hanno dato seguito alle delibere di giunta (maggio 2012) e di consiglio (maggio o giugno 2012). Quella leggina era stata annunciata dal sottoscritto da un anno, non ci ha sorpreso: penso che hanno voluto perdere tempo!!!!! Ti ricordo che 14 persone (consiglieri e assessori) hanno firmato un documento per chiedere chiarimenti che non sono mai stati dati!!! Io non ci sono più con Columbo, ma tutti gli altri sono lì e nessuno ha ritenuto di insistere nella richiesta di chiarimenti che ancora oggi è attuale. Quindi, mai un piano per me, ma un progetto per il paese!!!

X SCHIETTO.
Carissimo, del documento ne già ho parlato; comunque parlo di atteggiamenti non proprio leali e che alla giustizia non interessano; prima ho raccontato qualcosa, ma non c’è nulla di segreto, se non atti pubblici sotto gli occhi di tutti. Imparate a leggerli. Non penso che le mie siano mezze frasi e non penso di essere omertoso, anzi penso che ho parlato troppo!!! Non per dirti, ma il mio allontanamento, a tutt’oggi, non è stato motivato; per capire, vedi l’ultima revoca all’ass Montanaro M.,e capirai la differenza: parlo di atti ufficiali, altro che ….viltà.
Comunque per tutti sono a disposizione, anche per leggere gli atti pubblici!!!
Un saluto
Pino GENGO
 
 
#27 Schietto 2014-02-09 22:31
Caro Pino, interrompi il tuo commento con un vile: ...allontanato dall'amministrazione perché... (non lo so...). Mah!
Assassino fu quel documento firmato dal gregge e che il lupo volle te vittima sacrificale! Hai da raccontare qualche trama al popolo o alla giustizia?
Il tuo silenzio o peggio le tue mezze frasi ti condannano: colpevole o omertoso?
 
 
#26 redazione. 2014-02-09 21:56
#25
A quale chiarimento si riferisce?
 
 
#25 Pirotoro 2014-02-09 20:21
PER LA REDAZIONE.
Perché non pubblicate le risposte a chiarimento!
 
 
#24 Stefano M. 2014-02-09 18:53
Bravi ragazzi che non lasceranno traccia alcuna nella storia politica casamassimese, tranne qualche malvagio chiacchiericcio di velenosi avversari politici nei confronti di qualcuno di loro!
Questa è... Casamassima!!!
 
 
#23 Rispettosamente 2014-02-09 08:35
Per il post 16 non è il numero di voti che fa un buon politico. Non che quelli che lei cita siano meglio di quello che da solo ha avuto la somma delle loro preferenze!
 
 
#22 Rispettosamente 2014-02-09 08:33
Pino Gengo parla perché gli hanno sfilato il giocattolo dalle mani, aveva un bel piano (per lui) e la sorte lo ha distrutto. Una leggina ha bloccato una certa gara e lui è' rimasto con il cerino in mano. Ma non temete tornerà, statene certi tornerà!
 
 
#21 Pirotoro 2014-02-08 13:51
PER PINO GENGO
Come ho mosso una critica politica per i consiglieri ex-pdl, non posso esimermi da imputarti delle responsabilità!

Nel 2011 sapevi il candidato sindaco, i candidati nelle liste e nessuno ti ha imposto di sposare questa causa. Inoltre è stata proprio la corrente ex F.I. con i suoi consiglieri e soprattutto con chi "orchestrava" in incognito a dare il placet alla candidatura di Birardi pur di portare in coalizione l'udc.

Devo invece riconoscere a Pignataro e agli ex A.N. una discreta opposizione alla candidatura di Birardi. (almeno questo ricordo)
 
 
#20 Pino GENGO 2014-02-08 12:11
Caro "FODERO CHE COMBATTE" (giusto per riprendere la battuta dell'amico, che ringrazio per la stima nei miei confronti e maggiormente nei confronti di mio PADRE), vorrei che una volta per tutte, tu e i tuoi amici FODERI, sappiate che Pino GENGO non è sparito dalla politica locale: non è stato bocciato dalla cittadinanza perchè non è stato eletto, come qualcuno di voi; non è stato ripescato, come qualcuno di voi. Pino GENGO , con l'amico Columbo, è stato allontanato dall' amministrazione perchè... (non lo so...). Forse, sono quasi certo, perchè non ero allineato con DURBANS e non permetteva e non avrebbe mai permesso, di far fare a chiunque di voi errori come quelli fatti. In sintesi il sottoscritto non avrebbe mai battuto le mani pur di rimanere attaccato a quella poltrona, non avrebbe mai pregato di rimanere perchè "servono i soldi".
Quindi, SONO PRESENTE E SARO' PRESENTE almeno fino a fine vostro mandato, il futuro non tocca dirlo perchè non ho cariche istituzionali da "rispettare".
Sempre vicino alla mia città, saluti
Pino GENGO
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI