Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

RODI: “LA SCUOLA REGALO DELLA REGIONE”

vito rodi

“Il sindaco oggi si sta mettendo una coccarda al merito per aver ottenuto la scuola superiore: ma nel 2007, mentre in Provincia si decidevano le sorti di Casamassima lui dov’era? All’opposizione, eccerto: ricordiamolo per favore. Ma va bene, evitiamo polemiche perché sono uomo equilibrato. Ma guarda caso, la settimana scorsa quando la Regione ha chiesto al sindaco di condividere con tutte le forze politiche la scelta della scuola, il sindaco Birardi chi ha chiamato per primo? Vito Rodi. E come mai? Se io fossi una persona che non sceglie, come dice lui stesso, possibile che sempre lui stesso avrebbe chiamato uno che non sceglie? Suvvia sindaco, diciamo le cose come stanno: nel 2007 – e l’amministrazione precedente lo sa bene – il sottoscritto si è fatto promotore e facilitatore di relazioni istituzionali, avendo conoscenze ampie nelle istituzioni, che mi onoro di aver rappresentato per oltre 40 anni senza macchia. Quindi accusare me significa accusare se stesso di aver scelto l’interlocutore sbagliato. Sindaco, un po’ di umiltà: la scuola superiore è un regalo della Regione quest’anno, lo ammetta. Per quanto mi riguarda possiamo chiudere la questione qui, perché per ora esultiamo per aver incassato la scuola superiore. Tra una settimana o forse due o quando sarà, discuteremo più dettagliatamente dei soldi che l’amministrazione ha dichiarato di avere e di poter spendere per la scuola superiore: 300mila euro. Domanda al sindaco: lo sa che non può impegnare quei soldi perché il bilancio comunale non prevede una spesa facente capo a edifici scolastici superiori perché sono di competenza della Provincia? Forse è per questo che il parere contabile non c’è sulla delibera? E se quei soldi non si potessero investire? Insomma sindaco, amministrare significa gestire soldi pubblici, non fare annunci pur di raccogliere consenso. Se Autonomia cittadina ha sottolineato questo aspetto finanziario le pare la posizione di un gruppo di pazzi? Lei stesso si è lamentato di aver dovuto coprire i buchi lasciati dagli altri: ora lo fa lei? Un’altra domanda sindaco: le altre scuole di Casamassima, la cui competenza è del Comune, mi risulta che cadano a pezzi. Quanti soldi ha deciso di investire per pulire le muffe nelle scuole materne? E quanti soldi spenderà per risolvere i problemi alla scuola media? Dobbiamo aspettare sempre i genitori che vadano a pulire? E infine, a proposito di medaglie: sindaco la smetta di appendersi anche le medaglie degli altri, ai quali riserva solo colpe. Per la realizzazione di questo progetto ci sono voluti anni di impegno e di lavoro al quale lei non ha per nulla partecipato. E se non ci fosse stato quel lavoro, la prima pietra non l’avrebbe mai posata. Uno sportivo quale lei dice di essere sa bene che nella staffetta la medaglia viene data alla squadra e non all’ultimo che ha tagliato il traguardo”.

Commenti  

 
#11 Autonomia Cittadina 2014-02-07 15:01
Caro Rispettosamente, premesso che di cittadini stanchi di questa politica ce ne sono tanti, e il presupposto per cui è nata AC, un movimento locale e non nazionale, è proprio questo.
E’ importante distinguere i due livelli perché al momento, e mi spiace sinceramente per questo, a livello locale il M5S non è rappresentato, per cui con quali fatti e cosa potrebbe dimostrare?
E per fatti non si possono intendere i gazebo, le manifestazioni ecc., che pure servono e costituiscono un notevole impegno civile. Credo sarà d’accordo che, per fatti, si deve intendere altro, cioè risolvere i problemi della gente, cosa che non si può fare gridando soltanto e perennemente nelle piazze o dai banchi dell’opposizione.
Che il M5S sia contro il sistema non c'è alcun dubbio; che a livello nazionale lo stia dimostrando è più che acclarato (e qui evito di esprimere giudizi sui metodi), altrettanto quanto, però, abbia rifiutato di sporcarsi le mani, assumendosi le responsabilità di governo del paese, in un momento particolarmente difficile, pur in condivisione.
Urlare contro il sistema, inveire contro tutti (politici, giornali, tv, Unione Europea, banche e..) per le inefficienze, ruberie e via discorrendo, è sicuramente cosa giusta, ma non credo efficace quanto potrebbe esserlo per un gruppo o una classe politica che governa.
La certezza di molti è che Grillo questo lo sappia molto bene, non a caso ha rifiutato di determinare le scelte del Paese, non a caso continua a sognare di raggiungere il 51% per decidere il nostro futuro tutto da solo. La sensazione è che, al netto di tutto, per ora sia soltanto la riedizione di un fenomeno già visto, che vive e si alimenta sulle “schifezze” di questo o quel partito e degli uomini che hanno prodotto questo sistema marcio.
Quanto al nostro piccolo Movimento ed al nostro modo di “esprimerci e fare politica come i vecchi partiti”, gradiremmo riferimenti meno generici, confronti diretti e perché no, qualche buon consiglio per migliorare.
Noi comunque siamo presenti con i nostri rappresentanti, con il nostro consenso elettorale siamo all’opposizione e facciamo tutto quanto è nelle nostre possibilità, per dare un contributo attivo. Abbiamo probabilmente un modo diverso di intendere la politica, cerchiamo di concentrarci un po’ di più sul fare (quello legittimo e possibile), che non sul dire.
Naturalmente lei come tutti, con la libertà di pensiero e di valutazione propria di ogni cittadino, può scegliere il movimento o partito che meglio ritiene le dia garanzie.
Cordialità
 
 
#10 Rispettosamente 2014-02-07 07:43
Scusate ma perché un cittadino stanco di una certa politica, con tutto il rispetto, dovrebbe votare la vostra lista che a parole e' contro certa politica ma si esprime e si comporta come i vecchi partiti e non dovrebbe rivolgersi al M5 stelle che con i fatti e' contro il sistema?
 
 
#9 Vincenzo C. 2014-02-04 20:34
Rodi Pastore e Fortunato continuate con coerenza sulla vostra strada, sarà il popolo a giudicare le vostre azioni. Franco Pastore, non perdere tempo e fiato a rispondere a certi commenti che arrivano da chi vi invidia o vi teme. bene Rodi, sempre preciso.
 
 
#8 Franco Pastore 2014-02-04 17:03
Caro mister x del post 6, qui si parla delle scelte sulla scuola superiore, delle procedure seguite, degli impegni finanziari a carico dei cittadini e non di profili personali. In ogni caso, siccome non temo di scendere sul suo terreno, quello delle provocazioni utili solo a cambiare discorso, le risponderò educatamente per le rime.
La mia storia politica è molto semplice: giovane simpatizzante, tesserato e per alcuni periodi segretario locale del Partito Repubblicano Italiano; una componente politica poco influente, un partitino del 3% o giù di lì, tuttavia importante per le origini legate al pensiero Mazziniano, ispiratore della nostra Carta Costituzionale. Un’ideologia che mi affascinava e che era rappresentata da uomini di notevole spessore culturale e indiscussa dirittura morale quali Ugo La Malfa, Bruno Visentini, Spadolini, l’ultimo Valiani ed altri. Poi la bufera del 1992 (tangentopoli) che coinvolse tutti i partiti e spazzò via soprattutto i più deboli. Tagliai in minuscoli frammenti la mia tessera e promisi a me stesso che non avrei più aderito ad alcun partito.
Intanto nascevano nuovi movimenti, partiti e aggregazioni politiche nelle quali confluivano e si riciclavano coloro che della politica ne facevano e ne fanno ancora un mestiere.
Io sono stato per oltre dieci anni tranquillo a casa, ad occuparmi del mio lavoro, della mia famiglia e del mio hobby, cose che peraltro faccio ancora. Finché nel 2001, sollecitato a dare un contributo per cambiare lo stato delle cose, ho partecipato alle amministrative e sono stato eletto come INDIPENDENTE nella lista di centro destra. Esperienza fugace che è durata poco più di un anno.
Quanto alla mia presunta papabile candidatura a sindaco nell’ultima tornata elettorale, credo di averne già parlato abbastanza. In ogni caso rimanevo un possibile candidato in rappresentanza della società civile, nell’ambito di una coalizione di centro destra; mai fatto tessere, né adesioni a partiti. Oggi continuo ad essere INDIPENDENTE in un gruppo autonomo che rappresenta soltanto la società civile. Questo è stato il mio percorso. Se le sembra incoerente, pazienza, ma è un problema suo.
L’insinuazione di dubbi, i tentativi delatori, se non supportati da elementi concreti, talvolta possono produrre l’effetto contrario. Chi conosce sa pesare e valutare. Chi ha coraggio sa confrontarsi a viso aperto. Lei non mi sembra appartenere a nessuna di queste categorie.
Cordialità.
 
 
#7 controcanto 2014-02-04 09:02
x Franco P.
Ogni uomo e partito si giudica per il proprio passato, certo con occhio critico ma benevolo perchè vogliamo sperare che si redenti e inizi a operare al meglio e questo l'unico augurio per la tua nuova azione politica, ma il passato prossimo è meglio lasciarlo stare.
 
 
#6 x Franco Pastore 2014-02-03 20:56
Dopo essere stato segretario del partito repubblicano, consigliere comunale nel centro destra, papabile candidato sindaco alle ultime amministrative di Casamassima parli di coerenza come segretario di un movimento politico e dici di essere contro i partiti. Maaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
 
 
#5 Franco Pastore 2014-01-30 18:01
Caro post n. 2, il futuro si costruisce partendo dagli errori del passato, e questo non vale solo per la politica. Noi ci siamo posti l'obiettivo di contribuire a migliorare la nostra città e intendiamo farlo con gente coerente, onesta e di buona volontà, indipendentemente dalla casacca che indossa. Quanto alle voci ed alle simbiosi, la invito a leggere il prossimo comunicato stampa di A.C. sull'argomento scuola superiore. Ma per gentilezza, lo legga attentamente e senza pregiudizi. Un saluto.
 
 
#4 brocco 2014-01-30 12:09
Bravo Vito. Cominciamo a dire le cose cosi come stanno. Poi le medaglie di latta se li possono anche appendere ma, alla fine, guardandosi nello specchio, sapranno cosa fare.
 
 
#3 Siete noiosi 2014-01-30 10:09
Sempre polemiche inutili. In questo paese si distrugge sempre tutto quello che gli altri fanno solo perché l'ha fatto qualcun altro. Ma quanto siete noiosi e inutili con i vs. discorsi vuoti.
Bravo Mimmo un altro traguardo raggiunto.
 
 
#2 Autonomia? 2014-01-30 07:28
Ma autonomia cittadina non era contraria ai partiti tradizionali?
Non è per questo che ha intercettato molti voti?
I voti ricevuti, conoscendo la storia dei candidati, non erano di gente del centro/destra?
Quindi mi spiegate ora la simbiosi con la sinistra ed le voci ricorrenti secondo cui si vorrebbe fare un accordo elettorale con chi ha svenduto e massacrato la dignità di questo paese?
Capisco si possa non gradire i personalismi ed i difetti caratteriali di Birardi, ma non avete più negli occhi il DISASTRO fatto dalla sinistra?
 
 
#1 Meravigliato 2014-01-29 23:31
Signor Rodi, ma che fa, Lei persona seria e equilibrata fa polemica con l'aria? Ma lasci che una bocca dia sfogo alla sua inutilità!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI