Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

ALBERGHIERO, LA PROVINCIA BOCCIA IL COMUNE

scuola superiore 21 dic 2013

Un percorso irto di difficoltà. Con la strada che, ancor oggi, sembra continuare a presentarsi in salita. È quello che ha portato alla costruzione, tra via Cellamare, via Sandro Pertini e via Grazia Deledda, della nuova scuola superiore cittadina, il cui edificio è finalmente pronto, ma che ancora continua a far parlare di sé in merito all'indirizzo di studi che avrà il nuovo istituto d'istruzione. La Provincia, ente deputato a farlo una volta ascoltati i dirigenti scolastici, i Comuni interessati e le rappresentanze sindacali, recependo l'ipotesi di proposta del piano provinciale di dimensionamento scolastico e di programmazione dell'offerta formativa presentata il 29 novembre scorso (e pubblicata sul sito ufficiale dell'ente), si è di fatto espressa sull'argomento. Decidendo – come si legge nell'allegato C della deliberazione di giunta numero 117, inerente la questione – “di optare per l'apertura a Casamassima di una sede distaccata dell'istituto 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva”. Il 29 novembre scorso – come si evince dagli atti – nella sala giunta del palazzo della Provincia si sono riuniti l'assessore provinciale a pubblica istruzione ed edilizia scolastica, Stefano Diperna, il dirigente del servizio pinacoteca, pubblica istruzione e patrimonio artistico, Clara Gelao, il funzionario dello stesso servizio, Grazia Dalfino, oltre a esponenti delle rappresentanze sindacali di categoria Uil scuola, Anp e Gilda, per discutere della proposta del piano di dimensionamento e dell'offerta formativa, relativa all'anno scolastico 2014-2015, per le scuole secondarie di secondo grado. Dal verbale di questo incontro, che costituisce appunto l'allegato C della deliberazione di giunta 117, emerge che “dopo una panoramica generale che ha trovato i presenti sostanzialmente concordi, si è approfondito il caso generato dal Comune di Casamassima, che ha rappresentato l'esigenza – si legge nel documento – di istituire la sede di un istituto alberghiero nel proprio territorio; i contatti presi dal Comune stesso, sono stati sia con l'istituto 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva che con l'istituto 'Angelo Consoli' di Castellana, orientandosi definitivamente su quest'ultimo. Le rappresentanze sindacali, tuttavia, fanno presente che l'apertura di un'ulteriore sede dell''Angelo Consoli', istituto che con la sede associata di Polignano raggiunge già i 1.707 iscritti per l'anno scolastico in corso, accrescerebbe a dismisura il numero di iscrizioni, e quindi si è deciso di optare per l'apertura a Casamassima di una sede distaccata dell'istituto 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva, che si presenta comunque più dimensionato con 730 iscritti per l'anno scolastico in corso”. Questo è quanto emerge dal verbale della riunione del 29 novembre scorso, poi la giunta provinciale, tenendo presente – come detto – gli esiti dell'incontro di fine novembre, ha deliberato in merito al piano di dimensionamento della rete scolastica e della programmazione dell'offerta formativa, in vista dell'anno scolastico 2014-2015. E ha stabilito, tra le altre cose, “di porre in particolare all'attenzione della giunta regionale le richieste di cui all'allegato A, affinché possa esprimere le opportune valutazioni per quanto di competenza” e “di adottare la proposta di 'Piano provinciale di dimensionamento della rete scolastica e di programmazione dell'offerta formativa per l'anno scolastico 2014-2015' illustrata nell'allegato elenco (allegato A), che costituisce parte integrale e sostanziale del presente provvedimento”.

scuola superiore all provincia 2013

Nella proposta di piano che costituisce l'allegato A, in particolar modo, quando si arriva a trattare la situazione dell'istituto servizi sociali, agrario, economico aziendale e turistico 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva (del quale, come ormai si sa da tempo, qui in paese dovrebbe essere attivata una sede distaccata) si legge che il Comune di Casamassima ha dato parere positivo alla nascita di questa succursale, ma che tale parere è stato “successivamente revocato”. I nostri lettori più affezionati, probabilmente, ricorderanno che di recente il preside del 'Rosa Luxemburg', Francesco Scaramuzzi, ha espresso disappunto, e lo ha fatto attraverso una lettera, per come il Comune di Casamassima ha affrontato la questione. E avranno a mente, alla stessa maniera, il fatto che la maggioranza – sebbene non sia mancato chi, come il consigliere ex Pdl Franco Pignataro, avrebbe preferito una gestione diversa del problema – abbia difeso l'operato del primo cittadino del nostro paese, mentre la minoranza lo abbia aspramente criticato. Al di là di questo, però, e delle schermaglie politiche tra i vari partiti e movimenti cittadini, a emergere è un dato: quello, riportato sempre nel già citato allegato A, secondo il quale la Provincia ha ritenuto accoglibile il punto relativo “all'istituzione di una sede distaccata a Casamassima di un istituto di servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera, purché senza oneri aggiuntivi per la Provincia”. In pratica, l'alberghiero potrebbe anche essere attivato qui a Casamassima, come sede distaccata sempre legata al 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva, ma a patto – questo emerge dall'allegato A della deliberazione di giunta provinciale sul piano di dimensionamento della rete scolastica – che la cosa non comporti ulteriori costi per la Provincia che sulla scuola superiore cittadina ha già investito 5 milioni di euro. Resta adesso da capire, fermo restando che la parola definitiva adesso spetta alla Regione, che entro il 31 dicembre potrebbe approvare, emendare o modificare in maniera sostanziale il piano di dimensionamento della rete scolastica e la programmazione dell'offerta formativa proposta e approvata dalla Provincia, se di fatto l'idea di portare qui in paese un istituto alberghiero sia percorribile o meno. Le casse del Comune, come è noto e come avviene negli enti locali un po' di tutta Italia, non sono floride, ora bisognerà vedere se si potrà trovare una soluzione in grado di permettere l'apertura di un alberghiero o meno. In ogni caso, lo ricordiamo, dovrà essere la Regione, entro fine anno, a scrivere l'ultima parola sulla questione del dimensionamento scolastico e ad approvarlo in via definitiva. Al momento, le difficoltà legate alla nuova scuola e alla sua apertura sembrano non essere ancora state del tutto superate.


[da La voce del paese del 21 dicembre 2013]

Il dirigente: "Non ho sentito più nessuno"


Commenti  

 
#14 Neos 2014-01-15 10:30
Si parlava delal scuola superiore e si è finiti a tutt'altro argomento.... :(
 
 
#13 leo 2014-01-10 00:15
x cortedelconte.. non mi ha detto niente nessuno... vedo semplicemnte.. passi anche lei e veda...
in un istituto del genere dove si devono formare i talenti di domani.. un fallimento di 1 forse 2 amministrazioni..
VERGOGNA!!!! E VORGOGNA VALE PER TUTTI!
per mariuano... SEGNZA PAROLE!
 
 
#12 mariuano 2014-01-09 08:30
x leo. forse i marciapiedi della scuola sono pieni di cacche perchè ci passi tu? Cane, cane, cane,
 
 
#11 cortedelconte 2014-01-08 22:28
#6 Leo, chi ti ha detto che ".... questa amministrazione non è stata nemmeno in grado di espropriare la terra che rimane al centro del complesso della scuola"? * il Grande, con il suo "commando", è riuscito a completare, con esemplare esproprio gratuito, un complesso scolastico che racchiude persino il verde pubblico che non è di proprietà della sua famiglia o dei Consiglieri di maggioranza, ma di terzi! Ti pare poco?
 
 
#10 Leo 2014-01-07 00:31
X mauriano ... A me dispiace veramente x te ... Forse sei l'unico sulla faccia della terra a credere ancora che esistono i comunisti...!!!
Sei ridicolo .... E comunque tutti sanno a casamassima che la tua amministrazione disastrosa e disastrata e inefficente non ha avuto nessuna voce in capitolo sulla progettazione/realizzazione della struttura ... È tantomeno ne avrà nella scelta dell'indirizzo !!!! Capre capre !!! Capre !! Capre !!!!!!
Andate a lavorare !!
Approfitto anche per sollecitare gli organi preposti a fare una bella passeggiata sul marciapiede principale della suddetta scuola .... pieno pieno di escrementi di cani !!!
Altro che eccellenza ...!! Questo è il bigliettino da visita che proponiamo agli studenti ,.... E poi non date la colpa sempre ai cittadini ....
Bisogna farsi un nell'esame di coscienza !! Tutti!! Ma soprattutto voi che lo rappresentate sto paese !!!
CAPRE !! Capre !!!
 
 
#9 Neos 2014-01-06 15:29
Citazione:
il numero di iscrizioni aumenta poiche' questo indirizzo di scuola, checche' se ne dica, e' l'unico che oggi offre qualche chance ai nostri ragazzi di poter lavorare.....ma che ci vuole a verificare quanti sono i ragazzi occupati e quelli disoccupati che si sono diplomati presso i due tipi di Scuola Superiore negli ultimi 2/3 anni?
Sono completamente d'accordo con l'utente Casamassimese, magari in Provincia (o al Comune) ci fosse gente così pratica...
Per quanto io per ragioni "professionali" potrei votare un istituto scientifico, onestamente riconosco che un Alberghiero ai nostri ragazzi non farebbe che bene!
 
 
#8 mariuano 2014-01-05 21:40
x leo: caro comunista mi dispiace per te ma devi rimanere all'opposizione perchè non sapete amministrare. nei lunghi anni di amministrazione di sinistra avete fatto solo danni
 
 
#7 mariuano 2014-01-05 21:36
x franca: e tu cosa avresti fatto? E' facile criticare il vero problema è la risoluzione dei problemi.
 
 
#6 Leo 2014-01-05 13:43
La provincia ... Posto che sarebbe ora di chiuderla ...ha capito che casamassima non è in grando di prendere una decisione del genere ... Effettivamente è anche giusto così ....
Sulla base di quali criteri un'amministrazione disastrata ed incompetente come * può influire su questa scelta ??
Nessuno..!!
Vorrei anche complimentarmi con il sindaco ... Veramente una faccia di bronzo a farsi intervistare davanti al complesso scolastico pavoneggiamdosi .. Perla sia realizzazione ..
Vorrei ricordare che questo progetto è stato vagliato dalla precedente amministrazione .. Si tratta di un progetto provinciale e questa amministrazione non è stata nemmeno in grado di espropriare la terra che rimane al centro del complesso ... Veramente un neo x questa splendida struttura ...
Dunque caro Mimmo non ti devi esaltare ... Ma ti devi solo VEROGNARE !!!!
VERGOGNA E VATTENE !
 
 
#5 Casamassimese....... 2014-01-05 13:28
Le rappresentanze sindacali, tuttavia, fanno presente che l'apertura di un'ulteriore sede dell''Angelo Consoli', istituto che con la sede associata di Polignano raggiunge già i 1.707 iscritti per l'anno scolastico in corso, accrescerebbe a dismisura il numero di iscrizioni, e quindi si è deciso di optare per l'apertura a Casamassima di una sede distaccata dell'istituto 'Rosa Luxemburg' di Acquaviva, che si presenta comunque più dimensionato con 730 iscritti per l'anno scolastico in corso”
MA CHE SIGNIFICA QUESTA PRESA DI POSIZIONE??
il numero di iscrizioni aumenta poiche' questo indirizzo di scuola, checche' se ne dica, e' l'unico che oggi offre qualche chance ai nostri ragazzi di poter lavorare.....ma che ci vuole a verificare quanti sono i ragazzi occupati e quelli disoccupati che si sono diplomati presso i due tipi di Scuola Superiore negli ultimi 2/3 anni? La Provincia, nella sua panoramica ha verificato questo? I mezzi per farlo potrebbe averli, iscrizioni Camere del Lavoro, Inps, sondaggi telefonici, etc. .......
e poi chi viene chiamato a pagare le tasse, anche per mantenere il "carrozzone" della Provincia, non ha voce in capitolo per decidere che tipo di Scuola Superiore avere a Casamassima per i propri figli?
Potreste Voi Redazione pubblicare un elenco con i vari tipi di istituto....in modo che ogni lettore che lo voglia possa scegliere........? Un sondaggio giusto per avere un idea di cosa vogliano i cittadini di Casamassima....una sola scelta per ogni IP da cui la scelta proviene onde evitare ripetizioni ad oltranza......
Grazie.
 
 
#4 Carla 2014-01-05 10:26
Un istituto superiore nato sotto una cattiva stella!
Colpa dei detrattori paesani, come blatera il deficiente di turno o di amministratori...lungimiranti?
Anche il presepe vivente ha avuto i suoi detrattori di turno, ma il successo è stato eclatante!
Intelligenza, capacità, lavoro, passione, onestà e lealtà la miscela vincente per ogni cosa!
 
 
#3 Neos 2014-01-05 09:22
(parte 2)
Più professionisti preparati potrebbero anche significare nuove aperture di ristoranti anche in Casamassima, con un livello di professionalità molto più alto degli attuali standard (non me ne vogliano gli operatori attuali) e quindi nuovi posti di lavoro, ma non per proporre "un menu a 5 euro" che lasciano il tempo che trovano... (e infatti chi ha proposto queste formule effimere ha chiuso).

Questa, esemplificata, è la realtà dei fatti.
Ora torniamo al nostro disastrato e incapace Comune: saprà mettere mano al portafoglio e INVESTIRE nel futuro della scuola (alberghiera a Casamassima, con un ritorno economico da qui a 6 anni?
Saprà essere lungimirante?
Saprà fare i sacrifici non a carico della popolazione casamassimese per donare ai nostri concittadini un modello di efficienza e professionalità scolastica (altro che la LUM dei De Gennaro al Baricentro, tutto fumo negli occhi...)?
Temo di no, il Comune sta costruendo una succursale di un indirizzo professionale che crea solo disoccupati e amen...
E poi dicono che il paese si svuota e arretra e muore...
Conclusione: che hanno voluto a fare una scuola? Per una questione di prestigio o cosa? Chi ci ha guadagnato dalla costruzione di questa scuola? Chi ha avuto le idee più confuse su che indirizzo dare a questa tormentata scuola?
 
 
#2 Neos 2014-01-05 09:21
Ricapitolando.
Il Comune costruisce, dopo espropri se ho ben capito, una scuola ma non sa che indirizzo darle (idee chiare: zero).
Poi arriva un accordo per dare indirizzo sociale ("Rosa Luxembourg").
Poi ci ripensa e pare che sconfessi questo indirizzo per l'Alberghiero.
Poi è la Provincia a fare confusione: sì al "Rosa Luxembourg", no all'Alberghiero... anzi adesso l'Alberghiero si potrà fare ma la Provincia non vuole rimetterci un euro.
Palla rimbalzata e tornata al Comune: che cosa farà il Comune adesso?
Sono capaci codesti Signori di effettuare una programmazione?
Studio semplice, nulla di fantascientifico: quanti ragazzi di Casamassima (e Adelfia, Rutigliano, eccetera) si spostano dal loro paese per recarsi ad un Istituto Alberghiero?
Troppo difficile?
No, Signori, basta chiedere gli elenchi stessi ai 3 Istituti Alberghieri più vicini.
Se sono 80 è chiaro che c'è una potenzialità di minimo 80 NUOVI alunni che potrebbero iscriversi in futuro a questa scuola.
Ottanta alunni significa fare lavorare l'indotto casamassimese (focaccerie, cartolerie, biglietterie, tasse scolastiche, eccetera).
Significa anche che i professori alberghieri casamassimesi (tre, mi risulta) potrebbero tornare in loco.
Una scuola con un numero esiguo iniziale come quella di Casamassima avrebbe un altro vantaggio: i professori potrebbero seguire meglio i loro alunni e quindi preparare grossi professionisti del settore.
Con una fama del genere (e con la fame di posti di lavoro) in cinque anni la scuola, se ben diretta, potrebbe triplicare - nella peggiore delle ipotesi - i suoi alunni, con tutto quello che (economicamente) ne consegue.
(parte 1)
 
 
#1 Franca 2014-01-05 01:23
Un problema affrontato in maniera disastrosa quello della scuola superiore, fin dai tempi di De Tommaso.
Hanno completato l'opera i nostri attuali sapientoni!
E ancora una volta Casamassima perde un bella occasione per deficienza, approssimazione...o altro!
Chissà quali sorprese ci riserva il futuro!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI