Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

BILANCIO APPROVATO: I MUGUGNI

pignataro new

Undici voti favorevoli, quelli dell'intera maggioranza unita e compatta, e sei contrari, con l'opposizione a fare da scudo in maniera altrettanto coesa. È il risultato attraverso il quale, nonostante i mugugni e i malumori manifestati a più riprese nell'ultimo periodo e negli ultimi mesi da parte di diverse componenti del centrodestra locale, il bilancio di previsione relativo all'anno in corso ha ottenuto il lasciapassare dell'assise cittadina. Un via libera firmato dunque all'unanimità da parte del gruppo consiliare di maggioranza, che adesso rivendica la bontà del lavoro svolto. E lo fa attraverso le parole del consigliere comunale, e fino alla primavera scorsa delegato al bilancio (potrebbe nell'immediato futuro riprendere la delega abbandonata qualche mese fa?), Franco Pignataro. “Il bilancio approvato una settimana fa – osserva Pignataro a riguardo - pur scontando l'ormai cronico problema della tempistica, non proprio adeguata, questa volta (e forse per la prima volta) presenta un impianto di entrate e uscite che non è soltanto frutto di un semplice equilibrio aritmetico. E non è nemmeno il risultato di un lavoro 'senza anima', come spesso viene definito un bilancio a stesura esclusivamente tecnica. Il bilancio di previsione, invece, pur nel caos normativo generato da un governo nazionale in stato confusionale, trasuda di una volontà politica chiara: quella che va nella direzione della diminuzione della pressione fiscale su famiglie e imprese, attraverso l'eliminazione di sprechi e inefficienze. A tal proposito – prosegue il consigliere comunale ormai ex Pdl - già la prima bozza di bilancio approvata dalla giunta, recependo la volontà di tutto il centrodestra, conteneva una timida ma significativa diminuzione della tassa sulla nettezza urbana e un taglio dello 0,02% sull'Imu sulla seconda casa, sui terreni 'produttivi' (come quelli della zona Pip), e sulle botteghe commerciali e artigiane locali. Il gruppo ex Pdl poi, attraverso un emendamento che mi ha visto primo firmatario, ha voluto ulteriormente intervenire per ridurre ancora la pressione fiscale. Lo stesso emendamento infatti, poi approvato otto giorni fa dal consiglio comunale, ha ridotto di un altro 0,02% l’imposta municipale unica sulla seconda casa, portando la riduzione ad un significativo 0,04% complessivo. Avremmo voluto fare di più, ma purtroppo anche quest'anno lo Stato ha tagliato 540 mila euro di trasferimenti al Comune di Casamassima (che si aggiungono a quelli dello scorso anno), e anche quest’anno abbiamo dovuto prevedere spese legali per oltre 440 mila euro nella parte corrente ed oltre 150 mila euro in conto capitale. E di queste spese – spiega ancora Pignataro - ben 378 mila euro sono debiti ereditati dalle amministrazioni precedenti. Anche l’introduzione della Tares, sebbene qualcuno l'immaginasse come un salasso, sarà persino più contenuta della vecchia Tarsu, visto che abbiamo applicato aliquote basse. Stupisce, pertanto, il comportamento delle minoranze che in consiglio non sono state in grado di articolare una pur minima proposta, risolvendo il problema con il voto contrario su tutto, persino sulla diminuzione delle tasse”.

nitti alessioIl fatto che il centrodestra abbia ridotto la pressione fiscale – fa presente invece il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Alessio Nitti non è proprio corretto. E questo perché, se è vero che vi è stato un ritocco verso il basso delle imposte, per una cifra complessiva di 109 mila euro in meno, è altrettanto vero che un anno fa, sempre questo centrodestra oggi alla guida del paese, aumentò la tassazione in maniera spropositata, con un avanzo di un milione di euro che non si sapeva neppure come utilizzare. E poi, se guardiamo i numeri, la previsione delle entrate tributarie quest'anno è superiore, rispetto a un anno fa, di 300.000 euro. Se si riduce di poco l'Imu sulla prima casa e sugli altri immobili, ma poi si aumenta dello 0,12% la tassazione sui capannoni di categoria D, dunque sulle attività produttive, peraltro in un momento di crisi economica come quello attuale, non è che si possa cantare vittoria. E poi, ripeto, la previsione delle entrate tributarie ipotizza un più 300.000 euro rispetto a un anno fa. Questo è il dato, punto e basta, non c'è altro da aggiungere”.

Noi di Sel-Prc-Idv – dice invece la rappresentante dei tre partiti in consiglio comunale, Nica Lilli – avevamo sperato chenica lilli primo piano l'attuale amministrazione inaugurasse un nuovo modo di procedere e organizzare la discussione sul bilancio. Il consigliere comunale Franco Pignataro, quando era stato delegato al bilancio, aveva cominciato a organizzare incontri con la cittadinanza e le minoranze per dar vita a un bilancio partecipato, ma poi il progetto è abortito dopo solo due incontri. E' sorprendente come questa amministrazione di centrodestra, notoriamente divisa e spaccata su tutto, poi riesca a coprirsi e allinearsi quando si tratta di approvare il bilancio. Un bilancio peraltro che, a nostro avviso, risulta farraginoso e di difficile comprensione. Non è un caso – continua ancora Lilli – se oltre un anno fa la minoranza contestò aspramente il percorso che poi portò alla nomina del collegio dei revisori dei conti, rivendicando la nomina di un componente che fosse un punto di riferimento anche per noi dell'opposizione. Questo, pur tra le nostre proteste e come forse qualcuno ancora ricorderà, non avvenne, ma tant'è. In ogni caso, il bilancio di previsione che poi è stato approvato dalla maggioranza non ci pare affatto ragionato e studiato politicamente, ma ci sembra un bilancio tecnico che, sinceramente, avrebbe anche potuto redigere il commissario prefettizio, qualora questo centrodestra fosse andato a casa. Tutto qui”.

[da La voce del paese del 7 dicembre 2013]

Commenti  

 
#18 mariuano 2013-12-31 00:29
x nica lilli:il bilancio risulta farraginoso e difficile da capire perchè sei *. Non capisco cosa centrino i revisori dei conti con l'approvazione del bilancio. Forse questo giustifica il mio primo pensiero. In quanto al commissario prefettizio è venuto a Casamassima quando amministravate voi. Continua a fare l'opposizione perchè sei divertente.
 
 
#17 Indovino 2013-12-21 23:57
Facile individuare il consigliere che si nasconde con lo pseudonimo CROCIATO!
È sicuramente quello sfigato che da tempo cerca la gloria politica, ma colleziona solo figuracce!
La tragedia di un uomo ridicolo!
 
 
#16 Briccone 2013-12-19 19:02
Caro vacuo Crociato e quanta gente ti ha dato il voto per "stima, capacità e programma rappresentato"?
Quale posto occupi nella graduatoria dei migliori?
Quindi ha poco valore questa Giunta formata dagli ultimi, visto che in sei sono stati ripescati!
Se come tu dici si è eletti per capacità, stima ecc, ora capisco i tanti voti racimolati da Columbo, Gengo, Montanaro M., Valenzano e così via!
Caro Crociato, purtroppo per essere eletto ne avrai da consumare di nocche delle dita, altro che le solite chiacchiere che ti esaltano stupidamente!
 
 
#15 Lup surd 2013-12-19 18:59
@infedele
@narrator errante
@CRICCA
@libero

Vu' sit lup surd...
 
 
#14 Infedele 2013-12-19 18:40
# 12 CROCIATO.
L'espressione "VI FACCIATE ELEGGERE" non è infelice ma naturale, perchè scaturisce da una radicata abitudine che non ti consente di pensare diversamente!
È una tradizione da mantenere perchè molto divertente. Un esercito di candidati che celebra il porta a porta più pietoso che si possa immaginare!
E poi la conta di chi ti promette il voto (per toglierti immediatamente dai *!) consapevole già di prenderti per il *!
Alle prossime elezioni, con documentazione fotografica, eleggeremo chi ha più stile nel suonare al citofono di gente che si conosce appena ma che per l'occasione diventa il tuo miglior amico!
Che ridere!
 
 
#13 Libero 2013-12-19 14:49
Crociato 12. Evitare di sguinzagliare parenti ed amici a questuare il voto per "farsi eleggere", è tremendamente vergognoso, soprattutto se poi si riesce a racimolare pochi voti ed essere presenti solo grazie a riduttivi ripescaggi!
 
 
#12 Crociato 2013-12-19 14:12
@infedele
L'espressione "vi fate votare" (probabilmente infelice) stava ad indicare il fatto che, non sempre alla voglia di far bene per il proprio paese segue l'elezione che è il risultato tanto atteso da parte del candidato.
Per cui vi "fate votare" vuol significare che, dopo essersi candidati si deve essere in grado (per stima personale, per capacità' e programma rappresentato) di catalizzare sulla propria persona la fiducia degli elettori, facendosi votare/eleggere.
Siete assolutamente faziosi e nel dubbio date sempre interpretazioni in mala fede, cialtroni.
 
 
#11 Giandonato 2013-12-19 12:00
Pignataro manifesta mugugni e malumori da tempo e con giusta causa, però rimane sempre attaccato alla sua seggiola!
Inspiegabile!
 
 
#10 CaRmela cICCAroni 2013-12-19 11:55
Lettera aperta al dottor Pignataro.
Gentile consigliere Pignataro, i commenti pubblicati su questo blog indicano malessere nei confronti di questa Amministrazione e soprattutto sfiducia nella sua persona!
Non è mio intento, per la stima dovutaLe, accomunarla a personaggi estemporanei, volubili, irascibili o inidonei di questa Giunta poco credibile (onesti lavoratori!).
Non ho facoltà di analisi per comprendere il manifesto disappunto dei cittadini. Riduttivo pensare a contrasti ideologici con un Pignataro da tempo svincolato da quel MSI (inviso ai più!) e facente parte di un passato veramente tanto remoto! E di quali ideologie si potrebbe parlare nell'attuale fredda, scarna società?
Oltretutto la Sua alleanza con chi fino a ieri non avrebbe avuto manco il piacere di un suo saluto, la dice lunga sul Suo moderno pensiero politico!
Mi consenta per concludere e non annoiarLa, un appunto che deve accettare: come può approvare un bilancio, da Lei stesso stilato, con un rimborso spese (legale, ma abbastanza significativo!) dei Suoi trasferimenti che sono uno schiaffo alla povertà dilagante, ai fallimenti aziendali, ai tanti suicidi, agli ammalati privati della possibilità di cure e visite specialistiche, a gente che cerca cibo nella spazzatura, alla grama vita delle famiglie?
Mi perdoni dottor Pignataro, un consigliere a km. zero permetterebbe un piatto di minestra ad una persona meno fortunata di Lei! Se poi, dottor Pignataro, si ritenesse insostituibile, dovremmo convincerci che la nostra è una comunità di poveri idioti!
Con il rispetto dovuto ad un illustre concittadino,
cordialmente La saluto.
 
 
#9 Telespettatore 2013-12-18 23:18
Al Presidente * chiedono come mai spende 90 euro per il biglietto aereo per recarsi a Bruxelles e, come legge prevede, ne intasca 900 di euro!
Non potrebbe rinunciare a questi benefici vergognosi che gravano sulla nazione? Non si vergogna ad appropriarsi di soldi che potrebbero sfamare poveri cristi meno fortunati di lui?
Questo è l'esempio del nostro grande vecchio?
E, per concludere, si rifiuta di rispondere al giornalista straniero minacciando di chiamare la polizia! Grande bell'esempio presidente!

Pignataro questo non lo fa, ma presenta lo scontrino e chiede il vero rimborso spese. Anche se questo mi sembra assolutamente inconcepibile! Credo che Pignataro possa essere sostituito da qualsiasi residente e magari faccia il consigliere nella sua città di residenza.
Tutto sempre più incredibile e pazzesco!
 
 
#8 filosofo 2013-12-18 13:31
Mai la teoria del Lombroso fu così evidente!
 
 
#7 Federico A. 2013-12-18 13:29
"MUGUGNI E MALUMORI MANIFESTATI" da bocche parlanti disegnate su crani decerebrati, sinapsi scollegate dall'intero organismo!
Medesimi Interpreti di vecchi films visti e rivisitati.
E smettetela, un po' di amore verso se stessi!
 
 
#6 Narrator errante 2013-12-18 11:04
UN FIABESCO RACCONTO NATALIZIO PER UN "CROCIATO".

Non penso che il più vile dei Crociati avrebbe sposato la causa di amministrazioni che hanno violentato la propria cittadina!
E non si fa riferimento al professor C. o qualche Sindaco passato a miglior vita che hanno lasciato comunque una indiscutibile impronta di galantuomini!
Un territorio svenduto al miglior offerente, che da padrone incontrastato ha sepolto il futuro e le ambizioni dei cittadini a vantaggio di poche e avide iene! E si taccia su quei quei cani randagi che hanno banchettato con i rimasugli di tali affamate belve!
E il tutto avviene sotto gli occhi di opposizioni assenti o compiacenti?
O gli sciocchi sermoni di pseudo crociati hanno preso il sopravvento sui fatti?
Pertanto imbelle Crociato, evita di elargire consigli e rispetta chi da tempo disprezza questo rozzo mondo politico (leggi del "disonorevole" G.!) e che a differenza tua almeno non pesa sulle spalle degli onesti contribuenti! A buon intenditor...
Nella speranza che questa irriverente fiaba ti aiuti a meditare e a migliorarti, ti auguro un sereno buon Natale!

P.S. Riferimento a persone o fatti è puramente casuale e rivolto esclusivamente al commento dell'improbabile Crociato!
 
 
#5 Infedele 2013-12-18 01:25
Crociato # 4.
Le persone serie, a differenza tua, non "si fanno votare", ma vengono votate! Lasciano piena libertà all'elettore di scegliere il proprio candidato, evitando sgradevoli imbarazzi!
Per il risanamento del disastro compiuto anche da te, sicuramente, bisognerà iniziare a tagliare le tante, costose e inutili spese, tra cui i mortificanti rimborsi spese dei consiglieri (ripescati!) fuori sede, e poi...ecc. ecc.
 
 
#4 Crociato 2013-12-17 07:49
Carissimi Alfiere Nero e M. R., o voi che ben sapete cosa e come fare, voi sempre attenti ed innamorati di Casamassima, ora, dopo aver dato ampia prova delle vostre ineguagliabili capacità, se non siete solo "chiacchiere e * sulla poltrona" DOVETE CANDIDARVI.
Già lo dovete al vostro paese, bisogna che Vi facciate eleggere e poi cominciate il "risanamento" di Casamassima.
Sono più che certo che voi, in controtendenza rispetto alla quasi totalità delle amministrazioni locali, riuscireste a trasformare il piombo in oro.
Ma se continuerete a mostrare saccenza da sterili editoriali che nulla cambiano nel mondo reale, se non "vorrete metterci le mani", beh allora fateci un favore... il 6 gennaio fatevi prestare la scopa dalla Befana e scegliete tra il volare via o mettervi a ramazzare (provando un vero lavoro). Un estimatore.
 
 
#3 Lunga memoria 2013-12-16 23:50
PIGNATARO DIMENTICA DI AVER RIMPROVERATO AL SINDACO L'ILLEGITTIMITÀ DEI PROVVEDIMENTI PRESI DA UNA GIUNTA SENZA QUOTE ROSA E DIMENTICA DI AVER CHIESTO A MUSO DURO LE DOVUTE DELEGHE AL PDL (ma mai riottenute!) E CHE LA SUA PAZIENZA ERA MESSA A DURA PROVA? Leggete l'intervista su "la voce del paese".
STRANO CHE DECIDA DI ALZARE LA MANINA, IN UNA GIUNTA SEMPRE ILLEGITTIMA (argomentazioni del Pignataro stesso), APPROVANDO IL BILANCIO!
ANCORA UNA VOLTA IL FURBO BIRARDI LO RICONDUCE ALLA RAGIONE E PIGNATARO ANCORA UNA VOLTA È ALLE CORDE!
Una semplice e legittima curiosità: abbiamo viaggiato anche stavolta con la compagnia di bandiera? Quanto ci è costato quest'altro viaggio? Ma per Natale lo organizziamo un altro consiglio comunale?
BUON NATALE E...COMODI VIAGGI AEREI.
 
 
#2 Alfiere Nero 2013-12-16 19:38
Ma questo è anche il Paese di Paolo Borsellino e dei tanti come lui, dei quali andare legittimamente fieri. E so, per parlare dei fortunatamente vivi, che Paolo Colangelo sta mettendo la Campania sottosopra per "la terra dei fuochi".
Ma aspetto sempre la buona notizia che tarda a giungere, il progetto di riscatto e ripresa che nessuno illustra, le parole di speranza che solo il Pontefice sa pronunciare.
E però il Pignataro vecchia edizione mi impedisce di chiedere, sconsolato: questo Getsemani, quando avrà fine ?
 
 
#1 Alfiere Nero 2013-12-16 19:38
Pignataro continua a tenere la “testa fresca” e, invitato a non alzare più il gomito (non solo durante le sedute consiliari, ma verosimilmente anche prima) dalle sagge riflessioni di Rodi sul Bilancio, non demorde: sono uno spettacolo che traduce, in sedicesimo, la vicenda irresistibile dell’illustre condannato a quattro anni, che pretende la grazia ma si ostina a non chiederla. In mezzo a tanta pena diffusa, si avverte la necessità di momenti di sano cabaret. Per giunta, a costo zero.
Mi faccio del male a ironizzare sul degrado del paesaggio paesano e nazionale; dico sempre a me stesso che i pochi anni (o forse mesi, o forse giorni) che mi rimangono da vivere li dovrei dedicare alle mense della povera gente, ad ascoltare (ed a far ascoltare) i brani del Clavicembalo ben temperato o le suite per violoncello eseguite da Rostropovich (che riesco ormai a ricordare soltanto quando le riascolto; il bene perduto, che ricompare per la malia di una immagine, di un accordo, di un profumo, dimenticati nel monte di pietà della memoria).
Per insipienza, per il desiderio colpevole di novità, per la voglia di distogliere lo sguardo e la mente dallo spettacolo raggelante offerto dall’Amministrazione Comunale e dal Paese Italia nella loro rappresentanza istituzionale, mi rifugio in qualche decente editoriale o nei famigerati "dibattiti" della televisione di "prima serata".
E mal me ne incoglie, perché i protagonisti dello scontro quotidiano hanno pensieri "di superficie" e di prossimità; l'idea della fine, del conseguente obbligo di serietà concludente, del bilancio definitivo, che non attende l'intervento della Corte dei Conti, non li sfiora affatto. Si azzannano, con l'incoscienza puerile delle anime perse che, forse, sono, lasciando echi di rissosità scomposta, che contribuiscono a rendere più triste la serata, dopo un giorno dedicato al lavoro e all'ascolto degli altri.
Quanto alla telefonata di Vendola ad Archinà ( e adesso mi rivolgo alla Lilli ), so benissimo che Vendola non irrideva ai morti per mesotelioma. E però so che anche lo sventurato cronista televisivo, duramente strattonato dal potente di turno, meritava condivisione e solidarietà, non risate compiacenti con il potente strattonatore, ora agli arresti domiciliari. Ho difeso Vendola, in ambienti a lui epidermicamente ostili, elogiandone il coraggio "minoritario", l'ostinazione coraggiosa contro il pregiudizio provinciale e meschino, le letture, il frasario elevato. Non mi sarei mai aspettato quel conciliabolo avvilente. Mi sarebbero bastate, per il nulla che conto, scuse pubbliche e sincere. Ho letto invece che la pubblicazione delle frasi da lui dette è giudicata "lurida" e che partiranno le querele. Questo evento mi ha amareggiato parecchio: i miei ultimi riferimenti erano il Governatore, Landini, l’Anpi.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI