Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

LILLI AL SINDACO: “CHE FAI MI CACCI?”

consiglio 29 nov sindaco urlante

Un film già visto. Stavolta però non è Gianfranco Fini a rivolgersi a Silvio Berlusconi in quella impavida (e avventata) provocazione, ma il perimetro entro il quale si svolge l’azione da ‘ciak si gira’ è nientepocodimenoché il consiglio comunale di Casamassima, tra la consigliera di opposizione Nica Lilli e il sindaco Mimmo Birdardi: “Sindaco mi sta cacciando?” aveva chiesto lei. “Se ne vada, vada a casa”, pare avesse detto lui prima.

Era da poco stato votato il bilancio preventivo – era venerdì sera scorso, da poco trascorse le 22 – e nel passaggio da un punto all’ordine del giorno all’altro (doveva essere discusso il diritto allo studio 2014) s’è scatenata la rissa verbale. Cioè un misunderstanding miscellaneo tra consiglieri e assessori visto che nella dialettica poco confacente a un’assise pubblica erano rimaste coinvolte più persone. Michele Loiudice aveva chiesto se i punti successivi al bilancio venissero discussi in altra sede (dal momento che avrebbe voluto proporre un’interpellanza); Nica Lilli aveva preparato una serie di domande a raffica da scaricare sull’assessore competente (in realtà quello alla Pubblica istruzione non c’è dopo il licenziamento di Maria Montanaro, per cui avrebbe dovuto rispondere quello ai Tributi, Franco Reginella, coinvolto nella discussione); Rino Carelli aveva incalzato la consigliera visto che si parlava di scuola e il sindaco si era lanciato nella provocazione-invito ad abbandonare l’aula. Un battibecco che si stava esaurendo - per la cronaca - tra Reginella e Lilli ("Per quella miseria che ci deve dare la Regione", aveva detto lui. "Va bene - aveva risposto lei per provocazione - se è una miseria non ne discutiamo, andiamo a casa") e che poi è sfociato in un tripudio di voci. Insomma, un teatrino in cui non è chiaro davvero cosa sia accaduto, visto che (tanto per cambiare) l’audio delle riprese effettuate del consiglio proprio in quei passaggi si è perso.

Le donne.. già, le donne. Lilli era l’unica donna presente (e unica tra consiglio e giunta), e tanto per restare in tema di sensibilità nei confronti delle donne si sarebbe vista quasi rinfacciare il ruolo (anche) di moglie e madre, oltre che di insegnante. Solo una settimana fa, nella conferenza dei capigruppo, infatti, aveva dovuto lasciare in anticipo la riunione perché a circa un’ora e mezza dalla convocazione gli altri consiglieri non si erano ancora presentati e lei doveva raggiungere la scuola elementare a Bari, dove è impegnata come insegnante appunto, di una classe di quarta. “Non posso sacrificare i miei alunni – era stato il ragionamento della consigliera e segretaria del partito di Sel – ho un dovere morale prima di tutto nei loro confronti. Poi nei confronti dell’istituzione che rappresento, e cioè quella educativa. Se io per prima prendo un impegno e non lo mantengo che cosa insegno? La battaglia che sto portando avanti è quella di tentare la politica a dimensione di donna. E chiedere di convocare le commissioni di pomeriggio, per esempio, non credo sia una mancanza assoluta nei confronti di chi – libero professionista – ha possibilità di organizzare il proprio lavoro autonomamente”.

Commenti  

 
#34 Pino Gi 2013-12-05 22:20
Ahoooo web-anonimi siete capaci di far diventare la Lilli un
fe-no-me-no... Ma v r'ndit cunt? avita sci a zappa'
 
 
#33 Gerardo B. 2013-12-04 22:53
Però il Grande, non ha mai reagito ai ceffoni ricevuti in più occasioni!
Forte con i deboli, debole con i forti? Come i vigliacchi!
 
 
#32 noproblem 2013-12-04 18:31
lilli sindaco? ahahhahahahahhahahahhhhhhhhhhhhhhhh già stam arunat...
 
 
#31 W le donne 2013-12-04 17:36
La donna deve fare la donna, deve fare i servizi, deve lavare i piatti, ecc. ecc. ecc..... Siamo nei primi anni del 900? No, siamo a Casamassima nel 2013. E da quale pulpito viene la predica?
 
 
#30 anna 2013-12-04 17:12
E per fortuna che la settimana prima c'era stata la giornata contro il femminicidio, e tutte le istituzioni avevano aderito, sindaci compresi!!!!
 
 
#29 laura2 2013-12-04 15:02
Peccato che le elezioni paiono ancora lontane altrimenti Nica sarebbe cos' sindaco ( con gli attributi). Come autogol del magnifico o emulo del celeste, non c'è male.
 
 
#28 laura2 2013-12-04 14:54
Come minimo dovrebbe rassegnare le dimissioni. Non c'è mai stato un primo cittadino di cosi elevato spessore civile umano e di una spiccata sensibilità verso le donne .
 
 
#27 cit cit menzolarc 2013-12-04 14:11
lui ha avuto il coraggio di dire alla Lilli vada a casa forse non ha capito che quando andra' lui a casa deve nascondersi in cantina e non uscire per una ventina d' anni per tutte le figuracce di * che sta' facendo !!!!!!!
 
 
#26 Regina 2013-12-04 10:02
Lo stile, la cultura, il sapere, l'umiltà, l'onestà, la serietà, la responsabilità, sono delle condizioni umane sostituite da grettezza, ignoranza, insipienza, arroganza, disonestà, pappagallismo, irresponsabilità!
Come potrebbero i suoi scolari scrivere se non conoscono l'uso della penna, insegnante Lilli?
Arduo il compito che le tocca svolgere, sopratutto se gli scolari non sono motivati o peggio, hanno altri pensieri!
In bocca al lupo, consigliera LILLI, non demorda!
 
 
#25 ancora peggio 2013-12-04 09:48
A parte la consueta gaffe del Sindaco quello che è più preoccupante è l'atteggiamento dei consiglieri di maggioranza che ancora una volta hanno perso l'occasione per distinguersi dal suo operato. Ci fosse stato uno che avesse preso le distanze dall'accaduto......!
Grande autogol, i cittadini adesso conoscono meglio Nica Lilli!
Nica for President!
Avanti così!
 
 
#24 osanna 2013-12-04 09:14
seguite i consigli da vicino e vedrete che ciò che dite non ha fondamento...se poi si è bravi a litigare, spettegolare,creare problemi...tanto la politica è questo e ci dobbiamo fare convinti.
 
 
#23 Vacca 2013-12-04 00:06
# 14 commento di Michele.
Birardi lo stile dei mazzieri?!?!? :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
Forse volevi dire del mazziato!
I mazzieri avevano due * da far arrossire un toro!
 
 
#22 poverinoi 2013-12-03 23:32
Viva le donne, brave le donne, finalmente le donne ,e poi brava Lilli che hai mostrato i c...ni , o le palle o gli attribbuti ..... siete penosi e maschilisti. Per me basta la sensibilità e la gentilezza innata della donna per disarmare gli uomini, se poi aggiungi intelligenza , caparbietà, abnegazione e competenza allora poveri noi uomini la vedo nera. L'importante però che si deve essere sinceri e questa volta la verità dei fatti non è quella riportata. Perchè non intervieni cara Lilli e dici la tua ?
 
 
#21 maria 2013-12-03 23:23
"la forza delle donne deriva da qualcosa che la psicologia non può spiegare"Oscar Wilde.Hanno una forza che le aiuta a vivere serenamente la loro esistenza,ci sono donne che hanno dovuto sacrificare la loro esistenza per riuscire ad ottenere quella stessa parità e dignità di cui ancora oggi si parla e poi ci sono donne che non hanno dovuto dimostrare nulla:RITA LEVI MONTALCINI,MARIA MONTESSORI TINA ANSELMI ECC ECC.La cosa pubblica deve essere vista come una grande famiglia in cui uomini e donne in parti uguali devono contribuire al bene comune,una donna deve sapere di essere protagonista della famiglia,della vita professionale ,della vita sociale e perchè no della vita politica.Più che di tolleranza io parlerei di rispetto e collaborazione per interpretare e comprendere i bisogni dei cittadini.Purtroppo molti a quasi tutti hanno dimenticato il vero senso della politica,intesa come andare oltre.Concludo:una donna non deve aspettarsi privilegi per il suo sesso ,ma nemmeno adattarsi a pregiudizi,deve imparare a competere non in quanto donna ,ma in quanto essere umano.Nica, se questa è la tua vocazione che ben vengano persone ermeneutiche!
 
 
#20 nicola 2013-12-03 22:10
Alla buonora è arrivato un consigliere comunale vero con attributi e argomentazioni e che gliele suona davvero e non per finta , brava Nica continua così e stanali tutti compreso gli architetti
 
 
#19 Leo 2013-12-03 21:09
Vai nica .. Almeno qualcuno che destabilizza da questo torpore ... Da questo grigiore da questa anarchia ....dell'amministrazione ...
Non MOLLARE !!!
Chi si definisce Salvatore il Sig . Burbans???
Il signor durbans deve avere l'umiltà di fare autocritica e capirà che tutto il suo mandato è stato il flop poi clamoroso degli ultimi 50 anni per questo paese ..forse ha salvato solo la sua arroganza ed il suo * curriculum ..
Siete inconcludenti .. Siete incompetenti e siede dei * ...
La gente vi odia ... Ma non lo avete capito ???
Tira a campare durbans ... NICA finché puoi dagli filo da torcere a questi buffoni !!
 
 
#18 Domanda 2013-12-03 20:04
Ma scusatemi, la consigliera sta diventando la protagonista del momento, ma quando la sentiremo parlare in consiglio?
Al momento muove carte e carte, ma noi vogliamo vedere e sentire qualcosa, almeno sveglia l'opposizione.
Non vorremmo avere adesso anche una martire in consiglio, con tutto il rispetto delle donne che sicuramente hanno tanto da poter fare.
 
 
#17 marta 2013-12-03 19:33
Un uomo solo al comando non serve a nulla. Ma miserabili appaiono tutti gli yes man che alla fine avranno tutta la colpa del fallimento di questa esperienza di governo. Forza nica
 
 
#16 marta 2013-12-03 19:25
10 100 1000 Nica Lilli . Gigantesca in meglio agli gnomi. Vai avanti così che li distruggi.
 
 
#15 armata brancaleone 2013-12-03 18:54
finalmenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.......una con le palle......finalmente un consigliere comunale con le pa..e....... grandissima nica lilli....finalmenteeeeeeeeeee complimenti nica
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI