Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

BIRARDI E PIGNATARO: ARIA DI ROTTURA?

pignataro

Dissapori tra il sindaco Mimmo Birardi e il consigliere comunale del Pdl, Franco Pignataro? È questa la domanda sulla quale, ultimamente, in molti si stanno interrogando, siano essi comuni cittadini o rappresentanti del mondo politico locale. Ma quanto c'è di vero in tutto questo? A dare risposta all'interrogativo è proprio l'esponente del Popolo della Libertà, ed ex delegato al bilancio (ha rimesso il compito nelle mani del primo cittadino la scorsa primavera), Franco Pignataro. “Qualche frizione tra me e il sindaco – spiega a riguardo Pignataro – ultimamente c'è stata. La differenza di vedute, in particolar modo, è inerente all'agenda politica. A tal proposito, ormai da tempo, sto ripetendo che a mio avviso la stessa agenda politica andrebbe rivista in base a quelle che sono le priorità sulle quali si intende concentrarsi. Molto spesso però, e questa è la causa dei dissapori, le priorità fissate dal primo cittadino non sono coincidenti con quello che è il mio pensiero a riguardo e, soprattutto, con quello che è il pensiero del Pdl. Sulla questione relativa alla centrale elettrica, per esempio, io e il sindaco abbiamo avuto degli screzi, ovviamente di natura politica, ma al di là di questo, e più in generale, non sono molto contento di quello che è l'andamento della maggioranza. Da parte di tutti, quindi anche da parte mia – prosegue ancora il consigliere comunale – prima che si arrivi a prendere qualsiasi decisione, sarebbe opportuna una maggiore partecipazione, una maggiore condivisione dei temi e degli argomenti. Non si può approvare qualunque cosa arrivi in consiglio comunale senza che prima vi sia stata la giusta partecipazione da parte di tutti. Ognuno di noi, dunque, dovrebbe prestare maggiore attenzione a tutti gli aspetti che la meritano, al fine appunto di giungere a decisioni condivise. Adesso però, troppo spesso, si sta arrivando al momento di votare i provvedimenti senza avere il tempo di studiarli con la necessaria calma e attenzione. E io non sono abituato a votare così, facendo le cose all'ultimo momento. Ecco dunque la mia richiesta di partecipazione e condivisione”.

Consigliere, cambiando adesso argomento, come è andata l'ultima commissione sul bilancio di una settimana fa?

“In realtà – ha osservato Pignataro – la commissione nella quale si sarebbe dovuto discutere del prossimo bilancio di previsione non si è tenuta. Nel senso che, in quella circostanza, l'incontro c'è stato, ma non c'erano le carte relative al bilancio. L'assessore a tributi e finanze, Franco Reginella, ha parlato della Tares, ma non del rendiconto e delle entrate e uscite che si prevedono per l'ente municipale. Ad ogni modo, dopo questo appuntamento, abbiamo concordato in maggioranza quali debbano essere le linee guida da seguire in merito a Tares e bilancio: il presupposto del Pdl, in tal senso, è che si vada verso una riduzione della pressione fiscale relativa alla stessa Tares e, più in generale, verso un'impostazione complessiva che vada nella direzione dei tagli a tasse e tributi, in particolar modo per quel che riguarda la seconda casa. Queste sono state le indicazioni date dal Popolo della Libertà, anche se al momento – come detto – di fatto il bilancio di previsione non c'è ancora. Verosimilmente, pertanto – ha concluso Franco Pignataro – adesso la giunta procederà all'approvazione del bilancio di previsione per poi far quadrare il cerchio in sede di consuntivo”.

[da La voce del paese del 9 novembre 2013]

Commenti  

 
#9 Santina 2013-11-22 16:26
CITTADINO, PIGNATARO SA FAR TUTTO, MAGGIORANZA E MINORANZA, NON HA UGUALI!
 
 
#8 cittadino 2013-11-22 14:50
Scusate ma Pignataro fa parte della maggioranza o della minoranza? Non si capisce.
 
 
#7 gratis 2013-11-21 21:00
a chi non comprende i motivi(quelli veri) per cui qualche politico e' contro la centrale elettrica gli basterebbe dare uno sguardo a quella casa che sorge in via turi in aperta campagna a ridosso della zona in cui dovrebbe nascere la centrale. Chi sono i proprietari?
 
 
#6 CURIOSONE 2013-11-21 07:33
Per 5# quindi Lei è d'accordo con me.
 
 
#5 Natale Sante 2013-11-20 23:09
X CURIOSONE # 4.
All'informazione continua e incessante propinata dal blog e dalla "voce del paese", è seguito un naturale interesse per le vicende amministrative da parte dei cittadini! Conseguenza logica che coloro
che "oravano" a chi non sapeva, "ora" non possono più "orare" e siccome era la sola ed unica cosa che sapevano fare, "ora" è giunta "l'ora" di meditare sul nulla che hanno dato al paese standosene a casa propria!
Anzi, gli approfittatori del sistema, della inefficienza , inettitudine e sterili discorsi di quegli inutili personaggi, ne hanno fatto un comodo passepartout. Lo dimostrano le denunce in Procura, le denunce al NOPE, i fatti strani riguardo la centrale elettrica, e tanto, tanto altro, a partire dall'allontanamento del capo UTC che ha dato vita ad una telenovela ancora senza epilogo! Tanto espongo se tutto ciò è realtà e non fantasia di giornalisti e informatori!
Salve.
 
 
#4 CURIOSONE 2013-11-20 18:33
Questo articolo ha solo tre commenti e' il segno del declino di Pigantaro, fino a qualche mese fa i suoi articoli avevano minimo quindici commenti. A casa Franco, e' giunta anche la tua ora, esci con dignità.
 
 
#3 Precisina 2013-11-18 20:56
La signora precisina dimentica che il "gruppo Pignataro" ha regalato alla città la migliore amministrazione e il miglior sindaco dal dopoguerra fino ad oggi!
Non le basta questo?
Qualcuno provi a sbugiardarmi!
 
 
#2 Puntiglioso 2013-11-18 00:11
Intervista a Pignataro, pag. 6 della VOCE DEL PAESEl n. 43.
Riflessioni sulle dichiarazioni di Pignataro:

1 - Pignataro parla del PDL ignorando che il nostro partito non esiste
più!

2 - "se qualcuno sollevasse eventuali problemi di legittimità in merito ai
provvedimenti adottati in questi mesi dalla giunta, legati al fatto
che sia mancata la quota rosa nell'esecutivo, la cosa risulterebbe
sgradevole". Quindi se il sindaco restituisse la delega al PDL (?),
il consigliere Pignataro sarebbe disposto a chiudere un occhio sui
provvedimenti illegittimi finora adottati? Questa dichiarazione è
da sottoporre all'attenzione degli organi competenti!

3 - "nel caso di Montanaro, l'allontanamento dalla giunta è avvenuto
per ragioni abbastanza soggettive da parte del sindaco...",
E l'allontanamento di GENGO e COLUMBO come mai ha lasciato
muto il pur loquace Pignataro?

4 - per la centrale elettrica, Pignataro è proprio certo che si sia trattato
di un semplice "pasticcio delle date"? Ingenuità o che?!?!?

5 - la battaglia politica sposata nel 2009, bisognava affrontarla in
modo più incisivo all'epoca dei fatti e comunque è bene
temporeggiare per la solita stolta autocelebrazione!
Il mandato conferito all'amministratore va svolto con umiltà!

Pignataro potrebbe illuminare la cittadinanza sulle "cose buone" fatte
dal suo gruppo (sic!)?
Stop.
 
 
#1 Pinuccio D. 2013-11-17 21:03
Caro Dott. Pignataro perché non dice chiaramente quello che pensa del sindaco e della sua politica?
Continua a tergiversare non serve a niente.
Lei e la sua cricca parlate di cose insignificanti per i cittadini, e di certo non parla delle problematiche della gente che paga regolarmente le tasse!
A metà novembre non avete ancora presentato il bilancio di previsione 2013, quando dovreste già presentare quello del 2014!
Ma visto che ha concluso poco in questo anno, rimanga più spesso nella sua laguna!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI