Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

BILANCIO, SIAMO AGLI SGOCCIOLI

pignataro

Il 30 novembre si avvicina. E, con la fine del mese in corso, arriva anche il termine ultimo entro il quale gli enti locali dovranno approvare il bilancio di previsione 2013. La proroga, che sancisce la scadenza legata al bilancio di previsione a un mese prima della fine dell'anno, è arrivata il 31 agosto scorso, attraverso il decreto legislativo 102. Entro fine mese al massimo, dunque, anche il nostro ente municipale è chiamato ad approvare il bilancio di previsione per l'anno in corso. Ma a che punto sono i lavori che dovrebbero portare all'approvazione in consiglio comunale del documento relativo a quelle che si ipotizzano possano essere le entrate e le uscite per le casse comunali? A dare risposta a questo interrogativo è l'assessore a politiche fiscali e tributi, Franco Reginella. “Il percorso che porterà nell'assise cittadina la discussione e poi l'eventuale approvazione del bilancio di previsione – osserva proprio Reginella – è ormai a buon punto. Tra due giorni (giovedì scorso per chi legge, proprio mentre andiamo in stampa, ndr) è convocata l'apposita commissione che dovrà trattare l'argomento. Poi il provvedimento sarà sottoposto all'approvazione da parte della giunta, quindi passerà all'attenzione dei consiglieri comunali, nel corso dei canonici venti giorni successivi, e infine vi sarà l'approdo nella pubblica assemblea cittadina per il lasciapassare definitivo. Tra il 15 e il 20 novembre, dunque, l'iter dovrebbe completarsi in maniera definitiva e il bilancio di previsione 2013 dovrebbe essere approvato. Siamo ormai in dirittura d'arrivo”.

“Giovedì 31 ottobre – afferma invece il consigliere comunale di maggioranza Martino Carelli, espressione della Puglia prima di tutto – è in programma la seconda commissione consiliare che darà il via al completamento dell'iter inerente il bilancio di previsione. Al momento (martedì scorso per chi legge, ndr) non ho avuto modo di visionare con la dovuta attenzione il documento che poi dovrebbe arrivare in aula per l'approvazione, quindi preferisco aspettare di conoscerlo nel dettaglio, prima di sbilanciarmi in qualunque valutazione”.

“Tra le priorità che il bilancio di previsione dovrebbe a mio avviso fissare – dice l'assessore ad agricoltura e attività produttive, Gino Petroni – c'è quella legata al sociale. A mio parere, in un periodo di forte recessione economica come quello attuale, con molta gente che fatica ad arrivare a fine mese o che è alle prese con difficoltà legate alla conservazione del posto di lavoro, e che deve spesso fare i conti con licenziamenti o cassa integrazione, sarebbe opportuno destinare, per quanto possibile, risorse al sociale. Nei limiti di quel che si può fare, quindi, ritengo si debba dare la priorità a questo capitolo di spesa, facendo però prima un'analisi precisa per individuare i soggetti e le famiglie veramente bisognose di aiuto. E poi, per quel che concerne in senso più stretto il mio assessorato, ritengo sia da sostenere il lavoro di promozione del nostro territorio. Questo, tra le altre cose, è quel che sarebbe opportuno riuscire a fare. Ma poi, nella realtà, si devono necessariamente fare i conti con la cosiddetta spending review, la revisione della spesa a cui gli enti pubblici sono tenuti”.

“In merito al bilancio – sottolinea Franco Pignataro, consigliere comunale del Pdl ed ex delegato al bilancio, che la scorsa primavera ha rimesso il suo incarico nelle mani del sindaco – dubito che in una sola riunione (quella in atto giovedì scorso, proprio mentre le nostre rotative si stavano mettendo in movimento, ndr) si possano sciogliere tutti i nodi ancora stretti. Temo invece che anche quest'anno si andrà verso l'ennesimo bilancio predisposto dagli uffici comunali. E questo perché, se la maggioranza da diversi mesi a questa parte non si è mai riunita per affrontare la questione, tant'è vero che io non ho notizie a riguardo dallo scorso mese di aprile, vale a dire da quando ho lasciato la mia delega, adesso non vedo come si possa in quattro e quattr'otto arrivare a fugare tutti i dubbi e a risolvere tutti i problemi legati al bilancio di previsione. Fino allo scorso mese di aprile, come io stesso ho avuto in più occasioni modo di dire, il bilancio è stato scandagliato con attenzione e preso in considerazione in maniera analitica, voce per voce. Ma in seguito, da quando ho lasciato la delega, non so se questo lavoro è stato portato avanti alla stessa maniera. Adesso, pertanto, se il documento che approderà in consiglio comunale mi convincerà è bene, altrimenti, se non ci sarà chiarezza, non so se vi potrà essere un bilancio di previsione condiviso”.

“E' dall'inizio dell'anno – precisa invece il capogruppo di minoranza Vito Rodi, del movimento Autonomia cittadina – che sottolineiamo la necessità che il bilancio di previsione venga approvato quanto prima. Molto spesso, dalla maggioranza, ci è stato risposto che la cosa non era possibile, in quanto non si conoscevano quali sarebbero stati i tagli del governo centrale. Ma questa spiegazione non ci ha mai convinto, anche perché l'obiettivo del patto di stabilità era noto, e anche in caso di nuovi tagli agli enti locali imposti da Roma, nulla avrebbe impedito di decurtare le somme oggetto di questi stessi eventuali nuovi tagli dall'obiettivo del patto di stabilità. Il bilancio di previsione, dunque, arriva in consiglio comunale per l'eventuale approvazione con grandissimo ritardo, e dopo che finora si è andati avanti solo in dodicesimi. Che linee programmatiche si possono adesso disegnare a novembre? E quali obiettivi si possono indicare? Noi di Autonomia cittadina abbiamo sempre sostenuto che il bilancio non è soltanto uno strumento tecnico, ma politico. E allora ci chiediamo: senza un bilancio chiaro pensato per tempo, quale politica si fa?”.

“Quella del 30 novembre – fa sapere invece il capogruppo consiliare del Pd, Alessio Nitti – è una scadenza legata al bilancio di previsione che il governo ha considerato come possibile. Rappresenta dunque una possibilità, ma su questa stessa possibilità credo che la maggioranza di centrodestra si sia cullata. E questo perché, al di là delle difficoltà oggettive e delle norme da rispettare quando si deve elaborare un bilancio, la politica deve comunque fissare degli obiettivi riguardanti l'anno di esercizio. Poi è chiaro che, a seconda delle necessità, alcune posizioni possano anche essere riviste, ma qui mi pare che il centrodestra abbia peccato in questo caso di inerzia politica, di mancanza di idee e di capacità di raggiungere gli obiettivi. Sono ormai due anni e mezzo che l'attuale maggioranza dichiara di voler fare grandi cose per il nostro paese, ma in realtà ha fatto asfaltare soltanto due strade, peraltro grazie a finanziamenti ottenuti dalla precedente amministrazione di centrosinistra. Vere e proprie scelte di bilancio finora questo centrodestra non ne ha mai fatte, ora aspettiamo di vedere cosa accadrà nel 2014”.

[da La voce del paese del 2 novembre 2013]

Commenti  

 
#9 Stella 2013-11-17 22:47
EVVIVA, TI DISPIACE RIORDINARE LE TUE IDEE E MAGARI TROVARE QUALCUNO CHE SCRIVA PER TE IN LINGUA MADRE QUELLO CHE NON SEI RIUSCITO A FAR CAPIRE?
UN PO' DI AMOR PROPRIO PER LA TUA PERSONA, CHE *!
 
 
#8 Evviva 2013-11-17 10:27
Consigliere Pignataro, lei sapeva già da tempo e durante la campagna elettorale con chi avrebbe avuto a che fare, mi sorprendo che la suaintelligenza ed esperienza, non le hanno fatto ancora capire che il vecchio MSI e uomini dello stesso non ci sono più.
Non si è ancora reso conto che anche i suoi vecchi amici e camerati del tempo che furono e che oggi sono i primi criticoni e contestatori anche della sua persona, sono come una bandiera che sventola a 4 venti secondo le proprie necessità.
Però, se li sente e li vede, sembrano puritani usciti per protesta dopo la morte del MSI, ma pronti a chiedere qualsiasi cosa a tutti ed in tutte le circostanze.
Cosa si aspetta oggi da i suoi attuali amici di avventura in questa amministrazione.
Non sprechi fiato e tempo.
 
 
#7 Ragioniere 2013-11-16 00:15
Ancor prima di parlare di bilancio comunale, bisognerebbe fare un bilancio della propria vita per capire se si è in grado di assumere e svolgere compiti che richiedono capacità, professionalità e responsabilità!
Alla luce dei fatti, il fallimento è comprovato dall'inerzia che da mesi attanaglia il comune riguardo il bilancio!
 
 
#6 CRIstallo CeCiliA 2013-11-14 15:00
Non mi pare che Pignataro sia stato un consigliere di opposizione molto attento, se tanti scandali taciuti al popolo, vengono alla ribalta solo oggi, grazie al lavoro di una giornalista. È manifesta l'incapacità di chi avrebbe dovuto quantomeno informare i suoi elettori o con un po' di onestà, la Procura!
Come delegato al bilancio, lo stesso Pignataro (e tutta la sua amministrazione), ha mostrato i limiti che sono sotto gli occhi della gente!
Lo scaricabarile non giustifica nessuno, pertanto non sparate ridicole *!
Ok?
 
 
#5 Antonello L. 2013-11-13 16:28
Il nostro è un paese che ha preso le sembianze di una discarica a cielo aperto signor Filippo Altieri, di che si preoccupa?
 
 
#4 Filippo Altieri 2013-11-13 14:05
Ho sentito che all'interno del complesso covent garden sull'area di proprietà del comune, sarà costruita un'isola ecologica abbastanza grande che servirà quindi a deposito di rifiuti ingombranti e speciali , nonchè raccolta differenziata di ogni genere. E' vera la notizia o se non è così, cosa stanno progettando di fare sindaco e company ? La redazione è a conoscenza di qualche notizia ? Grazie
 
 
#3 Per la verità 2013-11-13 07:17
Siete uomini senza attributi, servi di un dio minore, eppure asserviti al nulla. La dignità non si compra e vende...nn si baratta....
 
 
#2 osservazione 2013-11-12 22:37
Pignataro Pignataro, solo ora ti assalgono perplessità e dubbi sull'operato della tua amministrazione? Pignataro, prima di accettare la delega al bilancio, non potevi valutare fatti e circostanze?
Ti sei fatto prendere dall'entusiasmo da quella banale delega!
Mo, non ti far prendere ancora per il culo!
 
 
#1 SBILANCIO 2013-11-12 18:00
Dichiarazioni ridicole. Siamo a novembre, l'anno è finito e parlate di priorità per il 2013 ????? ma stiamo scherzando? Vivete su Marte?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI