Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

“UNA NUBE NERA” SUL FUTURO DELLA LAMA

incontro lama 19 ott 2013

“Lama San Giorgio: viva o morta?”. Questo il titolo dell’incontro tenutosi in aula consiliare sabato scorso, e organizzato dall'associazione Cieliblu.

Hanno preso parte alla riunione, oltre ai soggetti interessati al futuro della Lama, il deputato Emanuele Scagliusi del M5S (promotore di un'interrogazione parlamentare sulla Lama), Antonio Bruno, agronomo e presidente dell'Adaf Lecce e Cesare Veronico, presidente del parco nazionale dell'Alta Murgia. È stato proprio quest'ultimo a illustrare all'assemblea il percorso che sta portando il parco dell'Alta Murgia ad entrare nella Carta Europea del Turismo sostenibile, con i parchi europei che si farebbero promotori del turismo nella nostra area. Situazione questa, che indubbiamente porterà dei vantaggi anche alle altre aree protette in provincia di Bari, che a suo avviso andrebbero dirette creando una “cabina di regia” e una rete tra i parchi della provincia.

“In Senato – ha riferito Scagliusi – abbiamo presentato una proposta di legge per la ripubblicizzazione dell'Acquedotto, perché l'acqua è un bene da difendere, è una delle nostre 5 stelle. È un bene comune che deve essere gestito dalla collettività e non da Spa. Ci siamo trovati in Parlamento con un decreto per le emergenze ambientali che dà una proroga, che ormai dura da anni, a diverse situazioni critiche nella regione: come nel caso di alcuni depuratori nel Salento, in Capitanata o come qui a Casamassima, dove si sversano i reflui direttamente in falda, senza rispettare le norme. Si rischia per questi casi l'infrazione europea. Nell'interrogazione parlamentare abbiamo anche chiesto al Ministro come intende risolvere la situazione di Casamassima, ma nonostante vari solleciti non abbiamo ad oggi ottenuto risposta”. Il deputato ha poi concluso dicendo che le soluzioni devono arrivare dal basso, con la partecipazione dei cittadini.

Antonio Bruno invece, ha illustrato la situazione del depuratore di Melendugno, che secondo alcuni dovrebbe essere preso ad esempio per il caso dei comuni di Lama San Giorgio. Il presidente dell'Adaf ha anche spiegato in cosa consiste il progetto dei 100 laghi che stanno realizzando in provincia di Lecce, importante dal punto di vista paesaggistico, per ripristinare le zone umide in zone dove sono ormai scomparse. Ha infine ricordato che gli impianti di affinamento hanno un costo e che questo è coperto da un canone, che deve essere pagato dai cittadini.

Diverse le posizioni emerse nel corso del dibattito sul problema dei reflui, da quella di Mario Manzari, portavoce del comitato cittadini contro i reflui che ha affermato “la Lama è un bene comune da preservare: non si tocca! Mettere l'acqua nei boschi rende la lama e il suo letto del tutto impraticabili”, dichiarandosi contrari alla fitodepurazione nella lama (proposta avanzata da alcuni cittadini), ma non al riutilizzo delle acque che anzi, andrebbero recuperate. Borraggine, rappresentante del comitato Lama San Giorgio Rutigliano, ricordando a tutti i presenti che nonostante la presenza in prossimità di Vallone Guidotti di un parco archeologico vincolato dal ministro con un decreto, si sversa in Lama anche per effetto di un decreto firmato da Vendola il 5 agosto del 2011. Ha poi consegnato all'onorevole Scagliusi una petizione con la firma di 2000 cittadini rutiglianesi per bloccare lo sversamento dei reflui.

Il sindaco di Casamassima Birardi ha poi spiegato all'assemblea che una “nube nera” incombe sul futuro della Lama e della sua costituzione a parco regionale: la costruzione della centrale elettrica prevista nel territorio di Casamassima, che se dovesse andare in porto, renderebbe impossibile la costituzione del parco.

L'incontro si è concluso con la costituzione di un “Tavolo per la Lama San Giorgio”, con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati per creare, in modalità condivisa, la soluzione migliore per la lama e la questione dei depuratori. Sono quindi previsti, a breve periodo, 15-20 giorni, altri incontri.

Commenti  

 
#8 Pio 2013-11-01 09:07
X no reflui ??
È non lo sapevi ???
Ma li hai visti ? Hai visto le condizioni del paese ?
Ti sembrano persone interessante al bene della comunità ??.. Non servono i video di youtube .. ( anche se interessanti ) va basta farsi in bel giro in questo * di paese ....
Un gran complimento ed un grazie a chi ha votato questo buffoni !!!!
Votateli si nuovo ... Mi raccomando ....
Poi non vi lamentate !
 
 
#7 no reflui in lama! 2013-10-29 23:33
Il sindaco ed i consiglieri Laricchia e Pignataro bluffano... Mentono
A loro non interessa nulla del paese, della lama e della centrale. Forse hanno 'altri' interessi.
http://www.youtube.com/watch?v=QkdreUz4Gs0
ecco cosa accade quando i cittadini si interessano
 
 
#6 Verità 2013-10-29 08:15
Il nostro Sindaco chiaramente ha partecipato,
ma a parte la sua dichiarazione di scena non ha detto alla platea cosa ha fatto.
Noi ci aspettavamo una risposta simile e non quello che tutti sappiamo.
E vero che la * e di De Tommaso e la sua amministrazione,
ma è anche vero che il nostro attuale sindaco
nulla ha fatto.
 
 
#5 Pio 2013-10-29 07:42
Dunque ..?? Ennesimo caso parcheggiato con le 4 frecce !!!
Si fanno riunioni .. Si convocano tavole rotonde ... Si ingaggiano esperti ... Ed il risultato qual'é????????????? La Convocazione di una nuova riunione finché le questioni x forza di cose perderanno di credibilità e finiranno nel dimenticatoio come tutto !!
Immondizia .. Coltellata nella achiena dei casamassimesi ...Ne vogliamo parlare ?
Scuola superiore ?
Verde pubblico ?
Villa comunale ?
Palestrone ?
Campo sportivo ?
Fogna in via adelfia !??? Continuiamo a parlarne e qualcuno fa pure il Figo (Manzari ) .. Ma qui lo scempio e senza tempo e senza ragione di esistere ... Il depuratore costruito ed infiocchettato in via cellammare ...sta storia deve finire ...,
 
 
#4 Dario 2013-10-29 00:31
Non faccio riferimento a questa intricata storia, ma è necessario che qualcuno provi la cella per frenare gente che gioca sulla pelle di un paese intero!
Si è superato il limite dell'indecenza!
B A S T A, B A S T A E B A S T Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
 
 
#3 Giove P. 2013-10-28 20:38
Quante nubi nere ancora copriranno il cielo di questa città?
In tanti hanno contribuito a rendere cupo questo cielo, ma nessuno ha mai pagato o pagherà per le violenze regalate a pioggia ai casamassimesi!
Le denunce che qualche ingenuo ha presentato, serviranno ad aumentare le cataste di carta che invadono gli uffici!
Forse Casamassima avrebbe proprio bisogno di una "lama", ma per tagliare la gramigna che ha messo radici da tanti anni, invadendo senza contegno ogni cosa, che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!
Qualche consigliere scrupoloso ( o che si finge tale!) vada a chiedere l'accesso agli atti non solo della centrale elettrica, ma di tutto quello che è abusivo sul territorio!
 
 
#2 michele amoruso 2013-10-28 15:44
GIOVEDì 31 OTTOBRE ALLE ORE 19 ALLE OFFICINE UFO,è PREVISTO IL PRIMO INCONTRO DEL "TAVOLO PER LA LSG" . PRENDETELA COME UNA OCCASIONE UTILE PER FARE ACCETTARE ALLA REGIONE PUGLIA, UNA PROPOSTA PORTATA AVANTI DA CITTADINI E SUPPORTATA DALLE ISTITUZIONI LOCALI SE LO VORRANNO
 
 
#1 Catone 2013-10-28 15:38
Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur; lodevoli costoro che si preoccupano della Lama dal punto di vista ambientale, tuttavia ancora più riprovevole risulta la mancanza di quanti dovrebbero por rimedio alle malefatte perpetrate nei confronti di Casamassima e del suo già compromesso ambiente. Forse si vergognano ad apparire in pubblico, dopo le nefandezze che hanno compiuto alle nostre spalle, spacciandole poi in pubblico per "grandi opportunità" e "ricadute (?)occupazionali" di cui il territorio avrebbe goduto. E soprattutto facendolo dietro lo scudo della quercia del loro infame partito. Morte a costoro sarebbe niente, in confronto alle pene che dovrebbero subire.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI