Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

ARMANDO GIOVE LASCIA PUGLIA PRIMA DI TUTTO

armando giove

Michele Emiliano, primo cittadino di Bari in carica, risulterebbe il sindaco più amato d’Italia secondo un sondaggio diffuso nei giorni scorsi e ripreso dalla maggior parte dei media. La notizia fa notizia, visto che giunge strategicamente alla vigilia del congresso e durante una campagna elettorale infiammata che vedrà a giugno il rinnovo dell’amministrazione cittadina, non si è capito quella provinciale (in teoria sarebbero state soppresse) e le cariche europee, se non anche quelle regionali. Sul filo del consenso si svolgono anche i congressi locali, ma non tira aria tranquilla. Per il coordinamento provinciale barese è bufera, si viaggia sulla conta delle tessere distribuite o ‘assegnate’. Anche il circolo casamassimese è interessato dal rinnovo della segreteria che, con molta probabilità, vedrà una new entry subentrare al posto di Andrea Palmieri. Ma non è così scontato. Per ora solo rumors di piazza: “È ancora presto per parlarne – fanno sapere – ne riparliamo la settimana prossima”. Intanto i nomi non mancano, tutti giovani. Uno dei quotati è Adriano Bizzoco, 27enne già coordinatore dei Giovani democratici, vicino a Beppe Civati nella campagna elettorale per la segreteria nazionale adesso e a Pierluigi Bersani alle scorse politiche. Un altro nome, speculare, è quello di Rocco Bagalà, 41enne, finora attivista ma mai impegnato in prima linea nelle cariche di partito; vicino a Renzi alle scorse primarie, di tendenza moderata. Se ci fosse un terzo candidato potrebbe essere donna, perché no? Il Pd è favorevole alle candidature rosa, anche se ad oggi nulla si sa con certezza dei nomi definitivi.

Mentre il sottobosco diplomatico locale si fa fitto, il Pd non è l’unico ad animare lo scenario politico. Armando Giove avrebbe lasciato il coordinamento cittadino della Puglia prima di tutto per approdare a Realtà Italia di Giacomo Olivieri (si starebbe organizzando con un gruppo anche su Casamassima); e i due rappresentanti del partito di Fitto in amministrazione, il consigliere Martino Carelli, e l’assessore ai Lavori pubblici Paolo Montanaro, per ora sarebbero in standby. Giove lascerebbe forse ad Antonio Pastore, in passato già operativo nelle fila della compagine politica, mentre non è ancora chiara la situazione all’interno del Pdl. Da qualche tempo si rivede in Comune durante le riunioni di maggioranza Maria Santa Montanaro, pare nelle vesti di referente del partito, dopo la defenestrazione dalla carica assessorile per mano del sindaco. Infine, il nome tanto atteso dell’assessora mancante ancora – ufficialmente – non sarebbe stato avanzato. Massimo Cassano si dice all’estero e Antonio Distaso preferirebbe glissare sulla situazione casamassimese. Secondo le gole profonde un nome ci sarebbe (e lo confermava anche il neo senatore ai nostri microfoni la settimana scorsa) e sarebbe il nome proposto dalla corrente Gengo-Columbo-Cristantielli. Ma per ora, anche qui, bocche cucite.

I giochi, come si suole dire, sarebbero ancora tutti aperti ed è possibile che le sorprese dell’ultimo secondo (dopo una stasi politica che dura da tempo) non manchino.

[da La voce del paese del 19 ottobre 2013]

Commenti  

 
#1 La volpe 2013-10-27 15:56
Ahahahah ma i tesserati sono i soliti noti?
Ciannacianna
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI