Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

PIGNATARO: “ATTO INCREDIBILE DI DE TOMMASO”

pignataro

In molti l'hanno battezzato ecomostro. Altri si stanno mobilitando per dire di no alla sua edificazione. E intanto, a livello politico, lo scontro relativo alla costruzione in territorio di Casamassima di una stazione elettrica di conversione di corrente alternata-continuata si fa sempre più aspro e assume toni sempre più accesi. A sollevare l'attenzione sull'argomento, sul quale già nel 2009, in consiglio comunale, aveva dato vita a un vero e proprio scontro politico in aula, è l'attuale consigliere comunale di maggioranza (in quota Pdl) Franco Pignataro, quattro anni fa nelle file dell'opposizione.

Ma andiamo con ordine. Il 28 giugno scorso, nell'assemblea cittadina, è approdato uno schema di delibera, redatto dallo stesso Pignataro, tramite il quale lo stesso consiglio, con la sola astensione di Nica Lilli di Sel-Prc-Idv (motivata dalla stessa Lilli, quel giorno per la prima volta tra i banchi consiliari, attraverso il fatto di “non avere elementi di valutazione sufficienti a esprimere un giudizio, anche perché alla primissima esperienza in assoluto in aula”) manifestava la sua contrarietà alla nascita di questa centrale. Nello specifico, quel giorno di inizio estate l'assise deliberò di “rigettare in maniera assoluta e indiscutibile ogni ipotesi di costruire sul territorio di Casamassima la centrale elettrica, come da progetto depositato presso l'ufficio tecnico del Comune”, affidando peraltro al sindaco “il compito di convocare immediatamente una conferenza di servizi, da tenersi entro il mese di luglio 2013, invitando tutti gli attori coinvolti nel processo decisionale, al fine di trovare ubicazioni alternative per la centrale”.

Ma come sono andate poi le cose?

A dare risposta allo stesso interrogativo è lo stesso consigliere Franco Pignataro. “Da allora – ci dice l'esponente del Pdl – la conferenza dei servizi non si è ancora tenuta, forse perché dal 28 giugno vi è stato il successivo periodo di vacanza. Ora però le ferie sono finite, pertanto sono convinto che il sindaco darà una forte accelerazione in questo senso”.

Consigliere, questi sono gli sviluppi più recenti della vicenda. Ma la delibera dello scorso giugno rappresenta un ultimo passo di un percorso che nasce da più lontano o no?

“Certamente sì – afferma ancora Pignataro -. Cercando di rimettere un po' a posto date, circostanze e protagonisti della vicenda, non si può non ripartire dal 20 luglio 2009. Quel giorno, infatti, fu sottoposto all'attenzione del consiglio comunale il progetto, presentato dall'Enel, di una stazione di conversione corrente alternata-continua. Come si evince dai verbali di quello stesso consiglio, fin da subito il gruppo di Alleanza nazionale, di cui io stesso facevo parte, pose una serie di eccezioni al progetto stesso. Eccezioni di natura ambientale, in quanto la centrale prevista dovrebbe sorgere a ridosso della Lama San Giorgio, che oggi pertanto si vuol paradossalmente far diventare parco naturale, ma anche legate al fatto che quest'opera sarebbe molto vicina al centro urbano del nostro paese, dunque a case, luoghi pubblici e abitazioni. Un'opera – prosegue ancora Pignataro – di dimensioni impressionanti, la cui area perimetrata sarebbe di 33mila metri quadrati, l'area d'impronta degli edifici di 4.350 metri quadrati e la copertura complessiva degli edifici pari a 69.100 metri cubi, con 7 torri di dimensioni variabili comprese tra i 23 e i 36 metri di altezza. Questo è il progetto che ci fu presentato in consiglio comunale il 20 luglio di quattro anni fa, alla presenza di tecnici ed esperti dell'Enel e di un consulente del Comune, questa è l'opera di cui si discusse ampiamente in aula, con qualcuno dell'allora maggioranza di centrosinistra che quello stesso giorno cominciò a prendere in considerazione la possibilità di approvare il progetto, in virtù del fatto che avrebbe portato vantaggi di natura economica e occupazionale a Casamassima e quindi alla sua cittadinanza. Nel corso di quella accesa seduta – ricorda ancora l'attuale rappresentante consiliare del Pdl – venne poi fuori che in realtà vi era già stato un assenso di massima da parte del centrosinistra alla centrale. Come gruppo consiliare di Alleanza nazionale ribadimmo la nostra netta contrarietà alla centrale, ma soprattutto alla sua ubicazione che, semmai, si sarebbe potuta spostare verso sud-ovest in zone incolte. L'assemblea fu poi aggiornata a quattro giorni più avanti, dunque al 24 luglio del 2009, ma in quella circostanza, approfittando di qualche assenza nella maggioranza, e allo scopo di evitare l'approvazione di quel progetto, il gruppo di An abbandonò l'aula, facendo venir meno il numero legale”.

E poi, una volta saltato il consiglio che era stato aggiornato 4 giorni prima, cosa accadde?

“Avvenne che il 7 settembre del 2009, poco più di un mese dopo – racconta ancora Pignataro – l'allora sindaco Vito De Tommaso, incredibilmente, inviò una lettera alla Regione Puglia, confermando il parere favorevole della maggioranza di centrosinistra al progetto della centrale. Un atto sconsiderato, quest'ultimo, che probabilmente ha poi condizionato anche il parere della Regione Puglia”.

E poi?

“E poi – precisa ancora il consigliere – arriviamo al maggio 2013, quando sono venuto a conoscenza del fatto che alcuni cittadini avevano ricevuto una lettera di esproprio, legato appunto alla costruzione della centrale. Ho a quel punto subito allarmato l'ufficio tecnico ed è venuto fuori che questo progetto della centrale giaceva, inspiegabilmente, da parecchio tempo nei cassetti. Perché? Allora ho subito informato della cosa il sindaco e l'attuale maggioranza di centrodestra, redigendo di mio pugno lo schema di delibera, poi approvato il 28 giugno scorso, attraverso il quale si afferma di rigettare in maniera assoluta e indiscutibile la costruzione di questa centrale elettrica. Fa adesso piacere – conclude Pignataro – apprendere che oggi aumenta la sensibilità dell'opinione pubblica in merito a questo argomento, così come cresce l'interesse di volenterosi che raccolgono firme contro questo progetto. Mi chiedo però dove fossero nel 2009, quando altri si battevano contro la sinistra che voleva realizzare questo ecomostro, e dove fossero a maggio e giugno scorsi, quando altri hanno reagito con i fatti, e non con le chiacchiere, al pericolo incombente”.

Commenti  

 
#47 Stufo 2013-10-28 15:26
....e finalmente si gira pagina!
 
 
#46 deluso schifato 2013-10-27 23:06
Più comodo farsi trascinare dalla corrente che remare contro di essa!
Lontani i duri tempi del MSI, vero Laricchia e Pignataro?
Mah, forse ci vuole più coraggio a far parte di questo sistema che combatterlo!
Viva la coerenza e * a tutti!
 
 
#45 Joe 2013-10-27 16:16
Per Curiosone post 43. MOLTI NEMICI MOLTO ONORE!
O semplicemente perchè Pignataro jiè pstrgghijon!
 
 
#44 luci ed ombre 2013-10-27 12:32
Luci ed ombre sulla politica Casamassimese.
La POLITICA avrebbe ostacolato o allontanato la centrale elettrica da Casamassima, almeno ne avrebbe spostato la sede in una zona non a vista e lontana da siti ambientali e storici, e questo vale sia per la maggiortanza che per l'opposizione di allora 2009.
Il maledetto modo di fare , invece, di una politica amministrativa è stato quello o dell'INTERESSE per alcuni o del DISINTERESS per tutti gli altri, e questo vale anche per la compagine amministrativa di oggi:
La sinistra agisce o per nascondere o per minimizzare la brutta figura , il centro-destra agisce e agirà o per scaricate il fatto sulla sinistra o per risolvere al meglio che può , se può visto che la frittata è stata fatta.
I due o tre figuri ( figurine ) oggi paladini si disinteressarono nel 2009 e oggi tentano di galoppare sulla questione per farsi belli , pur sapendo che l'attuale amministrazione stà già operando al meglio che può, senza titoloni e piazzate. Un pò di serietà in più non guasta.
 
 
#43 CURIOSONE 2013-10-27 08:06
Certo che tutte le volte che si parla di Pignataro i commenti raggiungono picchi da paura. Un business.
 
 
#42 fiducioso 2013-10-25 21:48
Laricchia, ex MISSINO, dopo tanto girovagare, unica traccia che lascia in politica, il suo nome su qualche lapide!
Pignataro, assiste all'involuzione del MSI e pur di esistere, sgomita nelle varie pseudo coalizioni di destra soccombendo ad ogni tentativo di battaglia!
Speriamo che stavolta abbiano più fortuna e riescano a dimostrare quel valore finora latitante!
 
 
#41 Fatina 2013-10-25 19:56
Consigliere Pignataro e Laricchia,
risparmiateli da pelle da tamburo e' un peccato,
da naso lungo e' più accettabile.
La storia di Pinocchio e' nella mente di tutti
i bambini per il naso che cresce alle bugie.
Chissà forse usciranno qualche carta, qualche bozza di richiesta
di conferenza di servizio.
 
 
#40 Lucifero 2013-10-25 12:57
Informatissimo mi auguro che tu abbia ragione.
Ma ti ricordo che Laticchia e Pignataro non sono
Gengo e Columbo.
Il primo si è girato tutto l'arco costituzionale e a mente ricordo che lo stesso ha appoggiato politicamente anche il centro sinistra.
L'altro non mi dice nulla politicamente.
Staremo a vedere cosa succedera' e veramente mi auguro che tu non abbia ragione, non tanto per Pignataro e Laricchia che ci giocano
la loro faccia, ma per tutta la comunità.
 
 
#39 Lucifero 2013-10-25 12:48
Cosa diranno adesso i 2 pinocchi per i loro nasi che si allungano sempre di più.
Ormai sono tra i balocchi e come da racconto
Di Collodi, adesso diventeranno somari e
diventeranno due pelli da tamburo.
 
 
#38 COMUNISTA VERA 2013-10-25 07:48
Per Stranezze:

e secondo Lei, avendo criticato io nel mio precedente commento i "rappresentanti" che ci ritroviamo nel partito pseudo di sinistra e pseudo comunista sono cosi sciocca da votarli? ASSOLUTAMENTE NO!

Che poi, con tutta franchezza, mi dica Lei quale partito si salva in questa povera Patria nostra!!!

Saluti.
 
 
#37 luisa 2013-10-25 05:46
in italia i comunisti veri non son mai esistiti, al massimo socialdemocratici. comunismo e' l'esaltazione di un concetto esasperato a mo' di paravento di berlusconi che invece e' fascista vero. ed il fascismo e' sempre esistito nei fatti e nei modi in questo dannato paese.
 
 
#36 informatissimo 2013-10-24 21:29
Illuso INFORMATO del post 30, Pignataro e Laricchia "chiedono" a chi?
Sanno benissimo che se risposte avranno,saranno evasive o fantasiose, e loro saranno contenti e soddisfatti!
Purtroppo sono due cosiglieri che non hanno peso, alle loro spalle c'é il vuoto. Si ricordi, INFORMATO, che GENGO, COLUMBO e MONTANARO che pure avevano un forte peso elettorale per le preferenze raccolte, sono stati spazzati via come fuscelli, figuriamoci che se ne fanno di Pignataro e Laricchia!
Oltretutto entrambi sono due ex MSI fagocitati in questo disdicevole sistema politico e con le debolezze di chi ha perso la propria identità!
Rassegnati INFORMATO E CIAO.
 
 
#35 Alfiere Annerito 2013-10-24 19:26
questa volta i professori della sinistra, quelli che sanno sempre tutto e fanno tutto bene e giudicano tutto e tutti perchè loro hanno sempre ragione sono stati presi con le mani nella marmellata e alcuni già si vede che gli brucia assai. Questa volta gli Alfieri si sono ritirati ma lasciano a qualche Mulo il compito di ragliare. E sulla scacchiera rischia di finire la testa dei vecchi amministratori di sinistra che avevano inciuciato con l'enel.
 
 
#34 Una Mamma 2013-10-24 19:15
è difficile per me intervenire in problemi politici che non capisco ma vorrei dire una cosa. Leggo alcuni commenti, per fortuna pochi, di gente che sa solo criticare anche quando l'argomento è importante e ne va di mezzo il futuro dei nostri figli.
Possibile che esistano persone che hanno tanto odio in corpo da non saper apprezzare neanche una battaglia giusta? Gente così merita di essere chiusa in un porcile dove forse è sicuramente nata. Quanta pena che fanno.
 
 
#33 Quesito 2013-10-24 18:04
Caro informato se è vero che il consigliere Pignataro ha chiesto quanto da te affermato, cosa risponderanno Sindaco e suo caro responsabile ufficio tecnico!!!
Mi auguro che non ci troviamo due naso lunghi
come Pinocchio per le bugie.
Sapremo nei prossimo giorni.
 
 
#32 Stranezze 2013-10-24 15:09
Non posso non condividere la su idea caro comunista vero,
ma i rappresentanti che avete sono quelli che vediamo compresa
la signora Lilli.
La domanda, la faccia a Lei che si ritiene una comunista DOC, anzi DOP.
Cordialità.
 
 
#31 COMUNISTA VERA 2013-10-24 10:51
Per Stranezze:

MA MAGARI CI FOSSE STATO IL COMUNISMO VERO IN QUESTO PAESE.. MAGARI!!!!!
E TI ASSICURO CHE DA COMUNISTA L´amico NIKI NON L´ho mai votato in passato e mai lo votero´.. perche´tutto sono tranne che comunisti.... :/

In questa Regione, nel nostro Paese, sono comunisti tutti A CHICCHIERE con i macchinoni, vestiti e borse firmate e stipendi d´oro regionali per non farsi mancare nulla.

Per carita´, sarebbe anche amissibile
( INSOMMA ) non ho niente in contrario se qualcuno puo´ permettersi tutto cio´, ma non dite di essere comunisti o di essere cresciuti con quella ideologia... perche´ dovreste ritornare a studiare cosa sia stato il VERO COMUNISMO. Anzi se ne avete voglia facciamo tutti un bel giro nell´ Ex Germania Socialista.

Spero vivamente di non aver urtato l´animo sensibile di qualcuno...

" HASTA LA VICTORIA SIEMPRE! "
 
 
#30 Informato 2013-10-24 09:24
da fonte ben informata mi risulta che Pignataro ha chiesto le lettere di convocazione della conferenza di servizio e Laricchia ha chiesto una commissione di inchiesta sulla stazione Enel.
Le sorprese non sono finite
 
 
#29 Cesare 2013-10-23 22:26
Il solito, inutile polverone, sollevato da un perdente!
 
 
#28 Carlo 2013-10-23 22:22
Datti da fare Pignataro, tra qualche giorno c'è il ponte di Ognissanti, subito dopo il ponte dell'Immacolata e non manca molto alle festività natalizie!
Hai sollecitato il sindaco e Capacchione?
Oppure ne riparliamo a metà gennaio?
Assurdo, banalmente assurdo!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI