Mercoledì 18 Settembre 2019
   
Text Size

VOTO UTILE. ALLA CASTA

prc

 

Risulta essere un gioco da ragazzi, per un comunista, criticare la formazione del governo Pd-Pdl. È dai tempi della Dc e del Pci che non si assisteva a nulla di simile ed oggi le maggiori forze politiche che hanno avuto in scacco l’Italia negli ultimi 12 anni si ritrovano unite in un governo che accomuna simpatizzanti di centrodestra e di centrosinistra della classe imprenditoriale, del ceto medio e persino di quel popolino che ha votato Pd sulla spinta ingannevole del “voto utile” per riuscire a battere definitivamente Berlusconi. Per avvalorare la propria tesi, il Partito democratico è arrivato persino al punto di chiedere che la nostra lista non si presentasse alle scorse elezioni.

Vuoi l’ironia della sorte, vuoi che il Pd non ci sta proprio a vincere, vuoi i soliti accordi sottobanco, il voto utile è servito invece per far arrivare Berlusconi a Palazzo Chigi e per affidare al segretario del Pdl Alfano due incarichi: vicepresidente del Consiglio dei ministri e ministro degli Interni. Leggendo i nomi del nuovo governo italiano, si può notare che esiste una saldatura efficace siglata Pd-Pdl. Ciò vuol dire che questo esecutivo ha tutte le premesse per durare diversi anni e per riprendere la macelleria sociale del governo Monti, iniziando dalle politiche di austerità che porteranno ad ulteriori tagli: scuola, sanità, pensioni, diritti dei lavoratori. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: disoccupazione e recessione che imperversano in Italia e in Europa. E come si intende combattere la disoccupazione? Facilitando i licenziamenti!

La farsa continua col rieletto presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che si era più volte dichiarato irremovibile nella decisione di non accettare alcuna richiesta di ricandidatura, salvo cambiare improvvisamente idea, al seguito delle orde di politici imploranti la sua permanenza sul soglio presidenziale, rappresentava un atto di estrema ed incondizionata dedizione per il nostro Paese. O almeno così volevano farci credere. I dubbi, infatti, restano. E anche questa volta, in misura sicuramente maggiore rispetto a quanto avvenuto per l'esecutivo Monti (che già aveva suscitato perplessità), non regge il teorema per cui al Pd non restava che allearsi col Pdl. L'alternativa, per quanto invisa ai vertici, c'era e si chiamava Movimento 5 stelle. Ed è inutile precisare che il popolo della sinistra e del Pd avrebbe di certo preferito un governo di questo tipo (con tutte le incertezze del caso) che un accordo con colui di cui si dice di volersi sbarazzare da decenni, salvo consentirgli sistematicamente di risuscitare. L'intento del partito di Bersani non è mai stato quello del cambiamento e l'inciucio col Pdl era già stato programmato, ben prima che il segretario dei democratici, in streaming, si facesse maltrattare (sempre secondo quanto ci hanno fatto credere) dai due portavoce del Movimento 5 stelle, per arrivare a dire che un governo col movimento di Grillo non sarebbe stato possibile a causa degli stessi grillini.

Il dubbio permane perché altrimenti non si spiegherebbe l'abbandono in massa di numerosi consiglieri regionali (di destra e di sinistra) dall'incarico in Puglia, in favore di quello in Parlamento, ben prima che si arrivasse al governo Letta. Una decisione motivabile solo in virtù della certezza, da parte di questi onorevoli, della congrua durata del nuovo Parlamento. Altrimenti perché abbandonare la sicurezza dello stipendio regionale?
Ed ancora, perché non votare come Capo dello Stato una figura autorevole come Stefano Rodotà (già presidente dei Ds), che avrebbe costituito un facile preludio per un governo del reale cambiamento? E non risulta alquanto scarno motivare il diniego col fatto che il nome di Rodotà fosse stato proposto dall'ambiente grillino? A toglierci, tuttavia, qualsiasi dubbio è bastato ascoltare le dichiarazioni di una deputata democratica, Marina Sereni, che ha chiarito che il Pd non ha mai proposto ai Cinque Stelle di governare insieme, ma ha semplicemente richiesto un mero appoggio esterno.

Una trasparenza sconcertante che fa il paio con la lucida chiarezza di chi, all'interno del Pdl, precisa che il Governo Letta andrà avanti solo laddove Berlusconi venga preservato da sentenze definitive a lui avverse (nel frattempo è stata confermata in appello la condanna a 4 anni e l’interdizione dai pubblici uffici) e con la modalità di scelta delle presidenze delle varie commissioni, caratterizzata dalla più becera spartizione di posti tra partiti e correnti di partiti, in barba alle capacità e competenze dei soggetti incaricati (si pensi alla Commissione Agricoltura del Senato, affidata a Formigoni, di cui si ignoravano conoscenze in materia, e per il quale, giusto per non farsi mancare nulla, la Procura di Milano ha appena richiesto il rinvio a giudizio per associazione a delinquere e corruzione), per non parlare di quello che è successo a Brescia: una vergognosa manifestazione di eversione fatta dal Pdl contro la giustizia prima ancora che contro chi la difende. Napolitano, insieme ad una buona parte del Pd, ha costruito le condizioni perché al governo ci fosse quel partito che sabato scorso era a Brescia ad accusare i magistrati di essere cospiratori contro l’evasione fiscale e la ladroneria di ogni tipo. Alfano era lì, in prima fila, ad applaudire le frasi eversive, ad ascoltare il leader del terzo partito d’Italia dare ordini al primo facendo palesemente intendere chi è il vero padrone del governo Letta.

Dunque, l’emergenza nel nostro paese è reale. Abbiamo un’Italia divisa tra chi stravive e chi sopravvive. Un capitolo si è chiuso, una pagina si è voltata, ma la storia resta ancora tutta da scrivere e spetta a noi donne e uomini di sinistra farlo. La ricostruzione del centrosinistra è una chimera: il Pd, con le sue scelte, ne ha cancellato ogni possibilità. Oggi abbiamo un compito: rifondare la sinistra italiana!

Dunque, riprendiamoci il Paese, ridiamo dignità alla politica, quella vera.

Smascherate le bugie, Rifondazione comunista è impegnata in questo periodo nella impegnativa opera di tessitura di un’alternativa politica seria e credibile, con i cittadini, i lavoratori, i precari, gli studenti. Perché a tutto questo teatrino inconcludente e falso, dove si spaccia per responsabilità quello che è solo personale tornaconto, si può e si deve opporre un’alternativa ampia, condivisa.

In questo periodo abbiamo avuto la dimostrazione che, in realtà, la Dc non è mai morta. Ci piacerebbe pensare che valga la stessa cosa per il Pci.

 

Rifondazione Comunista - Casamassima

Commenti  

 
#25 vito cassano 2013-05-27 07:40
Caro cittadino, intanto mi piacerebbe che tu immaginassi la reazione di Berlusconi quando aveva una sua maggioranza parlamentare, e quale è stata quella odierna – il Governo non sarà messo in crisi per le mie vicende personali! - già questa è una vittoria POLITICA!. Le vicende di Penati (ha presentato tatticamente ricorso contro la prescrizione; tradotto buono si ma fesso no!) ed altri, che tu assimili per dimostrare una uniformità di comportamento rispetto alle vicende giudiziarie, vedono il Partito Democratico sempre sulla linea del sottoporsi a giudizio (Tedesco ha dovuto cambiare gruppo quando il PD ha deciso di votare a favore degli arresti pur avendo egli stesso chiesto di votare a favore. E' noto che si è “salvato” solo grazie ai giochini del voto segreto fatto dai leghisti). O ti risulta che il partito democratico abbia difeso e ricandidato questi politici! Per quanto mi riguarda, il Caimano è senza dentiera ormai. Comunque, a beneficio del colloquio ti faccio presente che i gruppi parlamentari del PD sono stati rinnovati per oltre il 50% (con le relative difficoltà di gestione che questo comporta), ma va bene così. Sai qual'é la differenza tra me e te? È che io non mi illudo, mi batto! So per certo che gli uomini passano, la politica rimane! Negli anni '80 il partito radicale era determinante nel parlamento, negli anni '90 lo è stato la Lega, oggi gli uni e gli altri non mi pare godano ottima salute, e sai perché? Perché hanno rifiutato forme organizzative democratiche che comportano fatica di gestione e controllo e puntato sul dogma e sull'uomo, è questo che impedisce il successo. A Casamassima il M5S lo ha capito e mi risulta si stia organizzando, e questo lo metterà fuori dal movimento, vedremo. Infine: ma credi davvero che se la Liguria fosse stata governata da Grillo non ci sarebbero state frane o sarebbero state impedite? A Parma il sindaco grillino Fizzarotti ha dovuto avviare l'inceneritore che lui si era impegnato a chiudere; ha aumentato le tasse comunali per i servizi; ecc. come qualsiasi altro sindaco, non vedo diversità, semmai, una diversità dovesse esserci è con il sindaco di Pollica, Angelo Vassallo del Pd ucciso per difendere la legalità (non certo per rivendicare primati). Credo che più riflessione ed equilibrio ti porterebbe ad essere meno “credente” e più fiducioso, senza illusioni perché le disillusioni sono terribili!.
 
 
#24 Cittadino 2013-05-25 16:53
Caro Cassano, Ok, so che ti spendi con convinzione per il PD, ma ti prego risparmiaci dichiarazioni di questo tipo: - sono assolutamente sicuro che la lotta alla corruzione la vinceremo quando costringeremo Berlusconi, a votare sul tema una legge che interesserà tutti i cittadini e non solo lui-. Scusa, ma questo mi sembra troppo! Suppongo che tu conosca bene le ultime dichiarazioni di fuoco del Caimano contro la magistratura, rea di aver rigettato le sue richieste di spostare i processi Mediaset e Ruby da Milano a Brescia. Qual è stata la reazione del PD all'ennesimo attacco ai giudici? Tiepidina, con una sola voce fuori dal coro dall'emarginata Rosi Bindi. Immagino avrai anche letto le dichiarazioni del piddino Saviano sulla vicenda Penati che, nonostante avesse assicurato di rinunciare alla prescrizione, non si è invece presentato in aula, incassando così la prescrizione per il reato contestatogli di concussione. Caro Cassano, non parliamo di un pesciolino qualunque, ma dell'ex presidente della provincia di Milano, ex Sindaco di Sesto S. Giovanni, impegnato nella segreteria di Bersani. Una colonna del PD. Trovo molte analogie nei comportamenti di questi signori che, indipendentemente dalle sigle di appartenenza, davanti alla giustizia, si mostrano più o meno tutti uguali. E naturalmente si potrebbero fare tanti altri esempi senza andare lontano (vedi il caso Tedesco). Come valuti, almeno in linea di principio, il comportamento dei gruppi politici, compreso il tuo, che quasi sistematicamente hanno negato l'autorizzazione a procedere nei confronti di deputati e senatori inquisiti? Sarebbero questi i parlamentari che dovrebbero costringere Berlusconi...bla bla bla? La sostanza è un'altra, come sostiene Grillo, al PD manca solo la L, per il resto pari sono. Con buona pace per gli illusi come te. Cosa mi dici delle dichiarazioni del tuo caro amico Alfiere Nero, post 48 Pignataro replica a Rodi, quando afferma: - 15 giorni dopo frana mezza Liguria, muoiono decine di persone ed il coro degli ipocriti tace. La sinistra governa Comune, Provincia e Regione! Buffoni, andate all'inferno"- Non aggiungo altro, non sono pratico nel politichese.
 
 
#23 vito cassano 2013-05-24 08:13
Caro cittadino, il rispetto è reciproco perché si può non condividere, ma le idee altrui vanno rispettate. All'indomani delle elezioni amministrative del 2012 scrivevo su un quotidiano del mio partito, “SENZA di me il diluvio”; questo starà pensando in queste ore il tenebroso Cavaliere. Scompaiono i voti al centrodestra, ma non le “convinzioni” di centro destra, tanto da indurli qua e là all'irrazionale tanto peggio tanto meglio. (pensavo ai voti del PDL di Parma confluiti sul grillino Fizzarotti ndr)...”. In sostanza se Grillo ed il suo movimento è giusto che lo si combatta sul terreno politico e non con scorciatoie di leggi come quella proposta da Zanda, perché mai il Cavaliere lo si deve combattere sul piano di una interpretazione giuridica (differenza tra proprietario e gestore) che anche molti fra coloro che oggi sono in minoranza nel PD già negli anni scorsi hanno dato? Perché due pesi e due misure? Personalmente sono assolutamente convinto che Berlusconi sia stato ridimensionato e sia agli “arresti parlamentari” ; ne ho parlato in una nota su “la voce del paese” n° 17., dalla quale si evince come pur perdendo la sua battaglia politica (pensa è stato costretto a votare Alfano vice premier – uno che lui dice di essere senza quid! -) riesca a conservare ancora molto del proprio consenso elettorale. Non ritieni che, come per Grillo, se ne facciamo una “vittima” gli facciamo un regalo come quello fattogli da Santoro e Travaglio? Altro che specchi! Il presentarsi vittima “del sistema” è il suo terreno su cui siamo perdenti. Sono assolutamente sicuro che la lotta alla corruzione la vinceremo quando costringeremo Berlusconi a votare sul tema una legge che interesserà tutti i cittadini e non solo lui. Caro cittadino la mia non è la difesa di un partito, ancor meno anacronistica, visto che qui ed ora bisogna decidere tenendo d'occhio sempre la luna e non il dito che la indica. Non solo, ma se ha un senso logico vivere civilmente, allora permetti anche a me di essere convinto della giustezza delle mie idee, e di svolgere il mio impegno dentro e fuori il Pd per una giustizia che torni ad essere quel “potere dello Stato” equanime e responsabile e non arrogante e angherioso come in molti casi oggi viene descritto.
 
 
#22 cittadino 2013-05-23 16:05
Per Cassano, ti rispetto, ma ti prego cerca di comprendere che è inutile arrampicarsi sugli specchi. La tua difesa del PD è anacronistica e fuori da ogni logica del vivere civile. L'ultimo atto sulla posizione del PD (la maggioranza) in merito alla ineleggibilità di Berlusconi è uno schiaffo agli anni di battaglia contro la corruzione. Punto e basta. Altro che questione risolta sotto il profilo giuridico-istituzionale e non politico. Ormai la gente comune ha capito il giochetto. Possibile che tu non capisca? Possibile che tu non sappia che per molto meno nel nostro paese si va in carcere? Chissà cosa ne pensa il tuo amico Alfiere Nero!
 
 
#21 vito cassano 2013-05-23 10:59
Una premessa obbligata: Il PD da anni chiede la regolamentazione dell'art. 49 della Costituzione in modo da dare ai partiti quella veste giuridica che permetta loro democrazia interna, trasparenza e controlli finanziari. Ciò detto, ritengo anch'io essere un errore politico affrontare, in queste condizioni, la questione, ancor più in questo modo. Come principio generale, credo che le riforme costituzionali debbano sempre essere fatte con il massimo del consenso, pena il loro fallimento (vedi riforma del titolo V). Non posso quindi che sottolineare con piacere l'impegno al ritiro del DDL già annunciato da Zanda a beneficio di “razionale”. Approfitto per preannunciarle che sul DDL 393 del M5S che si propone di introdurre il matrimonio omosessuale in Italia ho inviato una nota a “la voce del paese” che dovrebbe essere pubblicata sabato 25. Per quanto riguarda l'ineleggibilità di Berlusconi voglio solo ricordare che la questione è stata risolta 20 anni fa sul piano giuridio-istituzionale ma non dal punto di vista politico, visto che è stato eletto diverse volte quale capo del governo, e coerentemente con quanto affermato prima, non è con una legge che va “eliminato” un capo politico così come non si può eliminare un movimento politico; non le pare? Detto in maniera papale papale, come non va bene la proposta di legge Zanda che lei ritiene essere contro M5S non ritiene che si debba evitare di “eliminare” un avversario politico con una legge?
 
 
#20 Razionale 2013-05-22 12:37
Il Pd è tanto democratico che vuole obbligare il M5S a confederarsi come partito, di fatto per escluderlo dalla prossima competizione elettorale. IL PD dichiara apertamente di votare per l'eleggibilità di berlusconi. Questo dovrebbe bastare ai vari piddini a capire che il pd non ha mai voluto fare altro che fingere di opporsi a Berlusconi. Tutto qui...
 
 
#19 Balls 2013-05-22 12:34
Per GiùLaMaschera, scusami tu, ero io a non aver capito che per te il giudizio universale c'è già stato! Che fine ha fatto la tua Alleanza Nazionale??? Ah, parte scomparsi e parte a leccare il c... all'INELEGGIBILE! Ma sai com'è, anche i c...prima o poi finiscono!!!
 
 
#18 GiùLaMaschera 2013-05-22 08:27
...giudizio universale....vicini ai deboli...Chiedo umilmente scusa: non avevo capito che dietro il Movimento5Stelle in realtà si celassero zelanti Missionari!!!!! P.S. Votavo Alleanza Nazionale.
 
 
#17 Balls 2013-05-21 16:39
Per GiùLaMaschera, e tu sei consapevole che per il tuo caro PD sta arrivando il giorno del giudizio universale. Cannibalizzato da dentro e da fuori. Aspetta e vedrai. Per il M5S manifestare con SEL e con la FIOM ha significato essere vicino ai deboli, a prescindere. By e grazie per le tue lezioncine.
 
 
#16 GiùLaMaschera 2013-05-21 13:48
Grillini esempio di COERENZA e CORRETTEZZA. La Gabanelli esaltata quando *** gli altri partiti ed ingiuriata quando si permette soltanto di porre domande al M5S......VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA W LA GABANELLI
 
 
#15 vito cassano 2013-05-20 19:01
Naturalmente mi riferisco alla puntata di domenica 19/5/2013
 
 
#14 vito cassano 2013-05-20 16:42
Lei ha una stana concezione della razionalità: una persona razionale è una persona che non si lascia trasportare dalle emozioni, dalle illusioni, che evita qualsiasi cosa non sia controllabile...
Guardi che farà ammenda (nel senso di restituzione dei soldi ricevuti) MPS; Le riporto quanto segue:
Da economia e finanza di R.it del 26/1/2013.
“Ieri l'assemblea degli azionisti (di MPS ndr) aveva dato il via libera all'aumento di capitale a servizio dei 3,9 miliardi di aiuti di Stato, necessari a tamponare l'emorragia-derivati; ora, col placet della banca centrale, la banca senese si è di fatto immessa sulla via di un risanamento che non sarà rapido né indolore.
Sul piano della procedura, ora Bankitalia inoltrerà il proprio parere sull'adeguatezza patrimoniale attuale e prospettica della banca al ministero dell'Economia che potrà completare l'iter previsto dalla legge e permettere al Monte l'emissione dei bond. Il passaggio successivo spetterà poi al consiglio d'amministrazione della banca che dovrà varare l'operazione. Due le riunioni del Cda in vista: la prima, attesa per i primi di febbraio, dovrà mettere nero su bianco l'ammontare dei danni provocati dal 'portafoglio titoli e derivati'. La seconda, a metà mese, dovrà procedere all'emissione vera e propria dei Monti-bond che garantiranno allo Stato un rendimento del 9% l'anno per poi salire negli anni successivi fino ad un tetto del 15%. Gran parte del rimborso è previsto nel 2015 e i vertici del Monte sono intenzionati ad evitare la conversione dei bond in azioni della banca. “
In sostanza non solo non c'entra nulla l'IMU (visto che è stato finanziato con i Bond), ma le casse pubbliche riceveranno un interesse di cui godrà anche lei. Poiché chi ha prodotto i danni a quella azienda (a qualsiasi cappella appartengano) sono sotto processo, spero che vengano condannati e paghino i loro delitti come chiunque altro cittadino italiano.
Sa io mi informo dalla Gabanelli; si proprio quella che ha rinunciato alla (inopinata) proposta M5S di votarla come Capo dello Stato e che ora (dopo la trasmissione sui soldi di Grillo e Casaleggio di sabato scorso) è malmenata da quegli stessi M5S che l'avevano votata.
Il PD? Ha fatto quello che il 48% dei 132 parlamentari partecipanti al voto sui 163 di M5S ( in 31 hanno fatto gli indiani) hanno deciso. Cioè che le diarie (quindi tutte le voci accessorie) vengano mantenute completamente, con l'obbligo di rendicontare tutto quel che si spende, ma senza dovere restituire il di più. Lo farà chi vorrà. Ad esempio, se per pasti e albergo un deputato spende in un mese 2mila euro, potrà decidere di tenersi i restanti 1.500, o di metterli nel fondo di solidarietà appositamente creato. Per la rendicontazione pura, per tenersi cioè solo quello che si può provare di aver speso come chiesto da Grillo e Casaleggio, si è espresso il 36 per cento dei parlamentari.
 
 
#13 GiùLaMaschera 2013-05-20 15:42
Cari Grillini manifestare con Sel e la Fiom non significa più essere di estrema sinistra? e da quando? il vostro Guru non è arrivato a questo capitolo delle lezioncine?
 
 
#12 Balls 2013-05-20 14:02
Per#10 GiuLaMaschera, mi dici da cosa deduci le tue farneticazioni sul M5S? E la posizione sullo Ius Soli è di estrema sinistra? E quella sulle coppie gay? Ho la sensazione che aspettavamo te per capire qualcosa di politica e altro. Copriti meglio che fai miglior figura!
 
 
#11 Razionale 2013-05-20 13:48
Cassano, pensi a fare ammenda dei 4 miliardi di euro che noi tutti abbiamo versato allo stato come IMU per rifondere le casse del mps, mentre lei scriveva prosopopee qui su internet, invece di guardare i peli nell'uovo degli altri. D'altra parte, il M5S ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali. Il PD? Il m5s ha rinunciato all'assegno di fine mandato (svariati milioni), il PD? Il M5s ha proposto di aprire un capitolo spesa alla Camera ed al Senato per metterci dentro tutti gli avanzi delle diarie dei parlamentari e dove TUTTI i parlamentari avrebbero potuto depositare. E' stata bocciata. Per correttezza, si informi e smetta di guardare ballarò e tutti gli altri programmi di disinformazione di massa.. http://www.youtube.com/watch?v=Cn2KVWUoukI
 
 
#10 GiùLaMaschera 2013-05-20 08:18
Il M5S è diventato una forza di estrema sinistra...ne sono consapevoli quelli che l'hanno votato???Non credo
 
 
#9 vito cassano 2013-05-20 07:58
2) Infine: che il mio partito non goda di ottima salute è risaputo ma lo stiamo curando con le medicine giuste; una cosa però mi chiedo: ma perché ritiene che “La ricostruzione del centrosinistra è una chimera”? I risultati elettorali sono una realtà o no? Governare questa situazione economica e sociale è una necessità o no? Ritiene che sarebbe stato più utile al cambiamento un ritorno alle elezioni per regalare a Berlusconi una nuova opportunità di rivincita? Se la proposta politica di una forza (sia pur piccola) come la vostra si contrappone, anziché stimolare e sostenere un processo di cambiamento allargando il fronte, cosa produce? a chi giova? Di sicuro la rifondazione comunista – come la rivoluzione civica – è stata già respinta da Grillo, e questa è una realtà, semplicemente perché, per Grillo, i partiti, anche il vostro, sono di ostacolo al suo neoanarchismo, e prima o poi anche i tanti che in buona fede e per fondate ragioni lo hanno votato ne prenderanno atto.
 
 
#8 vito cassano 2013-05-20 07:57
1) “risulta essere un gioco da ragazzi, per un comunista,....” - Lenin 1920 – L'estremismo, malattia infantile del comunismo – lo indico agli scettici (nel senso di dubbiosi, ricercatori ecc.) quale fonte di approvvigionamento per trovare la strada del metodo realista e quindi avvicinarsi al reale.
Accolgo volentieri l'appello di scettico che stimerei di più se solo ci mettesse la faccia. Ma qual'è la realtà? Sicuramente che “rivoluzione civile” non ha portato in parlamento alcun deputato ed i voti raccolti sulla sua proposta politica non saranno utili per alcun cambiamento. Che Beppe Grillo ha chiesto al PD di sostenere un governo M5S altrimenti niente. Che Santoro e Travaglio con un bel servizio pubblico hanno resuscitato Berlusconi, e gli hanno fatto recuperare consensi elettorali. Che chi critica Grillo viene immediatamente, con il sostegno del web, 1 o mille che siano, epurato. Che i costi della politica per i deputati 5S sono giustificati (tengo famiglia!) per gli altri no. Che un nuovo metodo di scelta del Capo dello Stato (una sorta di talent show dove i 4677 voti, delle quirinarie di Grillo, ottenuti da Rodotà sono determinanti per imporre agli italiani il nuovo Presidente) DEVE ESSERE, inopinatamente, accettato da tutti, altrimenti si è antidemocratici. Che gli accordi (“INCIUCI” per usare il suo linguaggio) per votare il Presidente della Repubblica in cambio di un sostegno al Governo SONO TALI se fatti con il Pdl e invece avrebbero “costituito un facile preludio (?) per un governo del reale cambiamento “ se fatti con il M5S? Sono realtà i voti del PD che il M5S ha ottenuto per l'elezione di Vice presidenze, questori, presenze in commissioni, ecc. . Caro il mio scettico, se rilegge il mio post, non vi è una sola riga di analisi ma una semplice constatazione e comparazione di quanto storicamente avvenuto, IN MODO DA EVITARE GLI STESSI ERRORI, almeno questa lucidità me la concederà (le confesso che non sono in possesso di un glossmetro per misurare la sua che comunque non misurerei), come mi concederà, spero, una riflessione sulla necessità che le forze del cambiamento trovino oggi motivi di unità viste le difficoltà POLITICHE di Berlusconi (ne ho scritto sul n° 17 de “la voce del paese”), piuttosto che di divisione (la politica è anche capacità di cogliere in quel tempo ed in quel luogo le opportunità e non lasciarsele sfuggire). Continua
 
 
#7 vito cassano 2013-05-20 07:44
A “per casssano”; ma da dove ricava che il PD stia proponendo la “dittatura del proletariato”? Le risulta che il Pd rifiuti programmaticamente l'azione politica per praticare esclusivamente il terreno sociale? Due sono i casi o non ha ancora fatto l'upgrading della sua rete neurale ed aggiornato i dati relativi all'evoluzione politica del Partito Democratico o non le ho reso sufficientemente chiaro il fatto che gli anarchici rifiutavano l'idea stessa di “Stato” e di “Governo”; è questa la trave che lei ritiene pagliuzza e di cui non solo non si vergogna, ma che evidentemente sostiene (nell'anonimato, tanto è gratis!)
 
 
#6 per cassano 2013-05-19 20:18
Bakunin alla fine dell'800 il quale accusava i comunisti di essere " nemici delle istituzioni politiche esistenti perché tali istituzioni escludono la possibilità di realizzare la propria dittatura " e di essere al tempo stesso " gli amici più ardenti del potere statale " Questa bellissima frase, oggi la potremmo tranquillamente dedicare al suo caro PD!! per piacere, un pochino di obiettività, vedere la pagliuzza nell'occhio dell'altro e non accorgersi della trave presente nel proprio...è vergognoso!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.