Martedì 22 Settembre 2020
   
Text Size

CASAMASSIMESI TRA I 10MILA A ROMA. VENDOLA, ORA PRIMARIE

sel casamassima a roma_02

Si è svolta sabato 1° ottobre nella splendida cornice di piazza Navona a Roma la manifestazione nazionale organizzata dal partito Sinistra Ecologia e Libertà, appuntamento al quale hanno preso parte molti dei sostenitori della sinistra che credono si possa portare avanti un progetto di cambiamento e di rinnovamento che investa l’Italia tutta.

Un nutrito gruppo di casamassimesi è partito in pullman nella mattinata di sabato alla volta della capitale per assistere a un evento emblematico della fase storica che il nostro paese sta attraversando, un momento difficile e confuso ma in cui si spera ancora in un’inversione di tendenza.

Più di 10mila militanti giunti da ogni parte d’Italia, ma soprattutto da Puglia e Sardegna, hanno assistito, armati di bandiere rosse con il simbolo di Sel, ma anche di Idv e del Pd, a un rapido e avvincente susseguirsi di interventi di personalità giunte sul posto per dire basta ai tanti problemi che attualmente soffocano l’Italia e per affermare che un’alternativa credibile al quadretto politico offerto dall’attuale maggioranza di governo sia ancora possibile.

Nel pubblico anche volti noti di personaggi dello spettacolo tra cui Riccardo Scamarcio assieme a Valeria Golino, Massimo Wertmuller, Sergio Rubini, Fabrizio Gifuni, Vladimir Luxuria e Renzo Ulivieri, presidente dell’Associazione italiana degli allenatori di calcio.

L’area del retropalco è stata invece occupata per l’occasione da grandi protagonisti della storia del passato recente della sinistra come Achillo Occhetto, Fabio Mussi e l’ex segretario del Prc Franco Giordano. Sul palco si sono dapprima alternati Leo Gullotta, Dario Vergassola e Fiorella Mannoia. Poi è stata la volta degli operai della Irisbus, in sciopero da ben 87 giorni contro la chiusura dello stabilimento nel quale lavorano, di Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, di Arturo Parisi del Pd, tra i promotori del referendum sulla legge elettorale, questione delicata che si è inserita con forza in una situazione politica già complicata per via della crisi economica e per la quale è stato raggiunto il successo della raccolta di oltre un milione di firme. Si è parlato anche di legge bavaglio con Beppe Giulietti di Articolo 21.

Sul maxischermo è andato in onda un messaggio registrato di Dario Fo e si è fatto cenno ai saluti inviati da Maurizio Landini, segretario generale della Fiom Cgil.

sel casamassima a roma_01

Quando la parola è passata all’on. Di Pietro la piazza si è infiammata. Il leader dell’Italia dei Valori ha rilanciato l’idea legata alla nascita del Nuovo Ulivo, un’alleanza costituita da Pd, Idv e Sel. Poi ha sparato a zero su Maroni ponendo alla folla l’interrogativo “Come può sciogliere i consigli comunali per infiltrazioni mafiose e poi lasciare così com’è il Consiglio dei Ministri che accoglie un indagato per mafia?”. Quanto al Pd, l’ex pm ha annunciato che il suo partito sarà presente alla manifestazione organizzata da Bersani per il prossimo 5 novembre a sostegno della svolta politica.

Accolto con un coro da stadio inneggiante “Nichi, Nichi”, ha chiuso l’incontro proprio il leader di Sinistra Ecologia e Libertà Nichi Vendola. Il governatore della Puglia ha parlato per più di un’ora facendo il punto della situazione italiana e spiegando in modo appassionato i tratti salienti del suo disegno di alternativa politica, economica e sociale. Vendola ha dedicato ampio spazio a tematiche oggetto di dibattito quotidiano come la precarietà del lavoro, il testamento biologico, le coppie di fatto. Ha sferrato duri attacchi indirizzati alle lobby economiche e finanziarie, a chi “vuole approfittare della crisi per cancellare un secolo e oltre di conquiste delle classi più povere”, a Berlusconi e al fenomeno del berlusconismo, alla Lega, a Tremonti, quest’ultimo considerato non come possibile fautore di un cambiamento ma come stessa fonte di problemi (“lui non è la medicina: è la malattia”). Vendola si è appellato a valori come il coraggio, la fantasia, la solidarietà, l’amicizia, ha sottolinea l’importanza nel mondo di oggi della cultura, dell’innovazione, della green economy, del rilancio dell’agricoltura, del riconoscimento dell’identità dei popoli.

Pensando a Casini e all’Udc, il leader di Sel si è interrogato sul perché non ci sia mai tempo per discutere di patrimoniale. Infine, in riferimento al Nuovo Ulivo, Vendola si è espresso in termini di alleanza, di diversità e soprattutto di primarie: “L’unità tra noi è una precondizione, è il punto di partenza. Abbiamo bisogno che il cantiere dell’alternativa sia grande, popolare, giovanile. Dobbiamo essere capaci di accogliere anche ciò che è diverso da noi. E a questo si arriva con le primarie”.

La manifestazione di Sel pone le basi per una riflessione di ampio respiro sull’attuale stato delle cose e a proposito delle nuove idee che si stanno facendo largo nel contesto nazionale di pari passo con l’emergere di voci in grado di fare proposte e di stimolare il popolo a risvegliarsi dal torpore nel quale appare adagiato.

Resta un mistero la motivazione per cui non sia stata data risonanza all’iniziativa in alcun TG nazionale, nemmeno dopo che si è svolta. Una qualunque manifestazione, di destra o di sinistra che sia, è sempre stata annoverata tra le notizie nei mass media. Ci si augura possano continuare ad essere ben tutelate, nell’ambito giornalistico, in un mondo progredito in cui si fa continuamente riferimento alle modernissime tecnologie dell’informazione, qualità come l’autenticità e la spontaneità.

Commenti  

 
#13 inconsapevole 2011-10-06 15:25
Caro "senza alternativa" se ti vedi il video del discorso del comizio di Vendola noterai che quello che tu dici ed auspichi corrisponde a quello che lui ha detto su quel palco! Forse non te ne sei reso conto ma sotto sotto... stai diventando vendoliano!
 
 
#12 Carlos 2011-10-06 12:06
A SENZA ALTERNATIVA
Come tu dici "i veri uomini politici non esistono più sono tutti ciarlatani che si prendono gioco di noi, con la sola differenza che loro con i nostri soldi fanno la loro fortuna,mentre noi andremo a fare i cartoni" elencami quali sono stati i veri politici italiani dal 1945 ad oggi. A mio modesto parere sono due, non faccio nomi ma uno è morto ammazzato dalle BR, l'altro è morto sul palco parlando alla gente di questione morale) Non aggiungo altro. Accontentati di Berlusconi e company.
 
 
#11 impopolare 2011-10-06 08:20
credo che generalizzare non sia mai una cosa buona, certo far riprendere la nostra nazione dal baratro in cui è sprofondata non è e non sarà cosa semplice , ma cosa è meglio? piangersi addosso o provare ad essere e a costruire l'alternativa? cosa c'è nel quadro politico nazionale attuale, cosa si profila? cosa si propone? essere critici non vuol dire essere pieni di pregiudizi... e le lamentele a prescindere sono davvero poca cosa. Proviamo ad essere altro, proviamo a credere davvero che un'altra Italia è possibile... Io ci credo e questa positività mi rende migliore, solare, non grigia e triste come tanti volti noti della politica.Per piripicchio: preferisco sapermi uno sputo nell'oceano che uno scarto nella fogna. Buona giornata a tutti
 
 
#10 Senza alternativa 2011-10-06 00:19
Nichi Vendola, a mio parere con quel modo di parlare e con il suo SCIOGLILINGUA doveva fare il poeta o il narratore di favole,avrebbe avuto un successone,se vediamo il governo di oggi sono tutti dei puttanieri che ci stanno screditando l'immagine del paese, ma se l'alternativa a questo governo e il centro sinistra con tutti quei fenomeni da baracconi bhe!! allora mi viene da vomitare;
Purtroppo i veri uomini politici non esistono più sono tutti ciarlatani che si prendono gioco di noi, con la sola differenza che loro con i nostri soldi fanno la loro fortuna,mentre noi andremo a fare i cartoni!!!!
Per "CARLOS" rispetto il tuo punto di vista però senza offesa, ti consiglio di lavarti la faccia con l'acqua fresca perché dire: non si tratta di uno sputo nell'oceano bensì di qualcosa che sta prendendo forma e che si tramuterà ben presto in GOVERNO ,evidentemente anche tu sei rimasto nel mondo delle favole ma la realtà e un'altra. Oggi mancano le persone con il sentimento di far politica per tutti e non per il proprio ego e se anche noi Italiani non ci togliamo i paraocchi e non cambiamo il modo di pensare ma sopratutto di agire la canzone sarà sempre la stessa,Il politico deve essere eletto per meritocrazia e non per favoritismo! Se i politici sbagliano devono pagare o andare via,qui finora siamo solo noi cittadini a pagare e ad essere spremuti per colmare i loro errori ed orrori.E poi la giustizia deve fare il suo corso non deve entrar a far parte di una fazione politica la bilancia deve pendere allo stesso modo sia da destra che da sinistra per l'interesse del bene del paese e non per parare il sedere ai politici.
 
 
#9 inconsapevole 2011-10-05 21:49
Caro Italiano consapevole(mah) concordo con te.... Stiamoci tutti a casa a guardare in tv reality e idiozie varie tanto i politici ci prendono in giro...
Criticare è facile ma le tue proposte quali sono! Hai solo sparlato! Prima di offendere mettici la faccia! Altrimenti nel branco di pecore ci entri tu insieme a tutti quelli che sanno solo criticare.
 
 
#8 Giulio 2011-10-05 18:50
Nuovo Ulivo? ma che nuovo e nuovo con Dipietro il giustiziere,Bersani il tassatore e Vendola l'affabulatore e questo sarebbe il nuovo? Poveri noi!!!
 
 
#7 Cacciamolitutti 2011-10-05 13:27
Capre! Questi parlano parlano parlano, ma nessuno mai fa luce sul vero problema dell'Italia, problema del mondo cosiddetto "libero" oggigiorno: la FINANZA! DOBBIAMO ANDARE A ROMA A ROMPERE IL C*** a questi banchieri e i loro servi politici (di dx, sx sopra e sotto) e riprenderci la nostra sovranità monetaria e nazionale e mandare in galera tutti dall'epoca di Craxi, finanche a napolitano..TUTTI HANNO SVENDUTO IL NOSTRO STATO SOCIALE AI PRIVATI E CONTINUANO IMPERTERRITI A SOSTENERE LA PRIVATIZZAZIONE DI TUTTO. SBAGLIATO. Prego la redazione di non censurare..
 
 
#6 carlos 2011-10-05 12:07
Credo che fa rabbia vedere crescere l'erba del vicino. E non si tratta di uno sputo nell'oceano bensì di qualcosa che sta prendendo forma e che si tramuterà ben presto in GOVERNO. Certo che non è bello sapere e convincersi che fra non molto l'attuale maggioranza và a casa(e prima lo fà e meglio è per tutti). I danni che l'Italia ha subito da questi soggetti indefinibili, sono inquantificabili in negativo. Vedere la situazione politica economica nazionale da Casamassima è poca cosa ma, per rendersi conto della gravità della situazione, basta vedere l'Italia dall'Estero. E giù risate, siamo patetici. Vogliamo il cambiamento allora non stiamo alla finestra a fare i falsi moralisti.
 
 
#5 Pino 2011-10-05 10:29
"Nichi, Nichi" dove eri quando il tuo assessore alla sanità faceva i fatti suoi? "Nichi,Nichi" cosa facevi in merito al direttore generale della Asl?Certo gli hai mandati a casa dopo che i danni gli avevano già fatti!!! Tanto alla fine pagano sempre i fessi !!! Ma ci vogliamo rendere conto che 20 anni dopo la consapevolezza dello schifo fatto della prima repubblica questi (tutti dx e sx)politici hanno continuato e fallito nel gestire la nostra nazione? Ora rievocano l'unione con l'Ulivo (esperienza fallimentare anch'essa)per continuare a fare danni!!!
 
 
#4 Spillo 2011-10-05 08:44
Quanto sarebbe bello se Vendola si occupasse di più e meglio dei problemi della Puglia e soprattutto riflettesse sui danni che ha provocato. Ma ve lo immaginate questo personaggio pieno di chiacchiere dove porterebbe l'Italia?
 
 
#3 Piripicchio 2011-10-05 07:32
Ma cosa volete chiedere con una manifestazione che ha radunato 10.000 persone e qualche radical chic intervenuto solo per il suo tornaconto.
Presuntuosi.
Siete uno sputo in un oceano.
 
 
#2 Italiano Consapevole 2011-10-04 20:54
concordo pienamente con "INCREDIBILE",
aggiungo, secondo me siamo solo un branco di pecore che insegue dei simboli politici inconsapevoli che qualsiasi politico pensa a farsi i CAVOLI propri rovinando i nostri diritti e la nostra democrazia ma sopratutto ci stanno avviando ad un futuro sempre più incerto e lo diventa sempre più giorno per giorno Il problema grave e che i nostri politici sono malati di sentimento e noi abbocchiamo come caproni alle loro promesse e spudorate ipocrisie dette sui palchi nei comizi e nelle piazze.Come dimostrano gli avvenimenti italiani,europei e mondiali politici ma sopratutto quelli economici ci stiamo sempre più impoverendo grazie all'incapacità dei nostri politici che hanno creato un sistema politico ed economico vizioso e dannoso che ci spolpa sempre di più, QUALI SONO I VANTAGGI DI TUTTO CIò ,NULLA STIAMO SEMPRE PIÙ PEGGIO Grazie politici!! siete la garanzia del nostro futuro di cacca.
Agli imbecilli che sono andati a Roma che siate di destra o di sinistra, così come adesso sventolate le bandiere di partito un domani i vostri LIDER sventoleranno tra di loro i soldi che vi rubano a differenza che loro i soldi e la pensione li avranno garantiti mentre noi tutti ma sopratutto voi che li inneggiate con le bandiere vi troverete a fare i pezzenti.
che tristezza!!! :oops: :sad: :cry:
 
 
#1 incredibile 2011-10-04 15:02
ma quando saremo capaci da distaccarci da tutte le sigle politiche nessuna esclusa come i paesi coerenti,,, andare a roma tutti solo con la bandiera italiana e riprenderci la vera democrazia,,,,,,,
oggi le forze politiche sono tutti allo stesso grado e quando lo capiremo sara' gia' troppo tardi anzi no tardissimo...........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.