Domenica 20 Ottobre 2019
   
Text Size

FEDERAZIONE DELLA SINISTRA LANCIA LA RICONCILIAZIONE

federazione della sinistra

In un momento storicamente delicato per la politica italiana - e il significato che si riesce ancora ad attribuire a questa somma unione di valori universali - il fermento che avvertiamo in Italia prende consistenza man mano che le ore passano. Sta accadendo che un referendum (proposta di consultazione popolare sottoscritta) ieri sera, alle 22.00 a chiusura delle urne, portasse a casa il "bottino" del 41% di partecipazione nazionale. In ogni dove si comincia a fare la conta dei risultati e si comincia a guardare al futuro con una sensazione diversa, quella che evoca una qualche vittoria.

Ma forse, semplicemente, il popolo italiano s'è un po' stancato delle trasgressioni istituzionali, della supponenza che certi modi di fare portano con sé, del qualunquismo con cui viene trattato. Gli italiani si risvegliano dal torpore, ci vien da pensare.

Ma il popolo italiano è un po' popolo di bandiera, dove soffia il vento oggi?

Intanto, dopo la sconfitta elettorale alle ultime amministrative, anche il centrosinistra casamassimese, che raccoglie i cocci di una disgregazione straordinaria per le proprie abitudini, avvia la riorganizzazione. E se Vendola lancia l'idea di un partito unico, la Federazione della sinistra manda chiari messaggi di riconciliazione: solo l'unità potrà salvare la coalizione. Dalla stessa una lettera aperta al Pd, che pubblichiamo integralmente.

***

Caro PD,

questa lettera è indirizzata a Te, al Tuo gruppo dirigente, ai Tuoi iscritti, ai Tuoi elettori. Cosa hai combinato ancora? Dove Ti hanno portato le “dimissioni irresponsabili” da Te denunciate con tanta indignazione? Dove Ti hanno portato quei tronfi del Tuo gruppo dirigente? Quelli che conoscono bene la “geografia politica”, quei magniloquenti che credevano di risolvere tutto con una pacca sulla spalla, quelli che credevano che tutti avessero un prezzo e che tutto potesse essere acquistato, anche il consenso che il responso elettorale Ti ha negato? Dov’è ora la Tua boria nell’indicare l’avv. NITTI Alessio quale elemento di DISCONTINUITA’ con il passato?

Quale che sia la riflessione che hai avviato al Tuo interno, caro PD, una piccola vittoria l’hai ottenuta: un uomo dell’UDC, partito da Te corteggiato in tante occasioni, è riuscito a sedersi sullo scranno più alto. Dovresti essere soddisfatto, caro PD, ma NOI NO, NOI NON LO SIAMO AFFATTO.  Hai voluto decidere, ancora una volta, in splendida solitudine, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: ed è per questo motivo che le RESPONSABILITA’ della sconfitta SONO SOLO ED UNICAMENTE TUE. Anche stavolta, come ci hai abituato ormai da tempo, e non solo a Casamassima, Tu solo puoi essere l’artefice delle innumerevoli sconfitte che accompagnano la Tua storia. SEI L’UNICO Partito che riesce a perdere anche quando si vince: NAPOLI ne è un esempio! Ora la campagna elettorale è finita, gli attacchi dal palco, quelli che abbiamo subito in silenzio nei vari blog con vari pseudonimi e quelli che Nostri iscritti e Nostri simpatizzanti hanno subito in continuazione, sono finiti, ed è ora di chiarire alcuni punti.

Noi non siamo quelli che “SI DISSOCIANO”, Noi non siamo quelli a cui tendere una mano con la promessa di assessorati o cariche speciali create ad hoc affinché si salgano le scale del Comune e si occupino i posti di rilievo dell’Amministrazione, ingannando i Cittadini promettendo una politica nuova, diversa, per poi non cambiare nulla.

Questa volta dovrai dire a chiare lettere al Tuo popolo che le responsabilità sono da ricercare solo ed unicamente al Tuo interno e che la sconfitta non è stata causata dai soliti COMUNISTI, che hanno preferito prendere le distanze dal Tuo candidato Nitti, che di nuovo, forse, aveva solo l’abito della campagna elettorale. Se hai ancora il coraggio, poi, di sostenere che il Nostro smarcamento dalle tue posizioni abbia potuto favorire la destra, Ti ricordiamo che la corte al “capo” di Birardi sono i Tuoi esponenti più in vista a praticarla (o un certo Massimo D’Alema non è più un vostro dirigente nazionale?): inseguite il “moderatismo” di Casini, Voi dite, perché al Centro si vince e perché l’Italia è un paese di destra; preferite queste fumisterie che vi/ci portano alla sconfitta e disdegnate la “chiarezza” della sinistra di classe, cioè dei comunisti.

Il voto utile non è servito, caro Walter, e tu caro Massimo cerca di  ritornare a guardare alla Tua sinistra, perché Ti stai perdendo il futuro. Perché avremmo dovuto seguirti in questo cammino? Perché non hai ascoltato il grido che il Popolo della Sinistra ha lanciato? Perché vi siete intestarditi nel praticare una politica che ha contribuito, e non poco, al degrado di Casamassima? Perché avete permesso che venisse violentato il territorio attraverso “logiche” di bottega, le quali continueranno nella stessa politica, ma solo da schieramenti diversi?

Caro Pd, dovevi mettere in conto che la candidatura che proponevi alla Coalizione serviva solo ed unicamente a tenere in equilibrio gli assetti interni al Tuo partito. Tuttavia quella candidatura non avrebbe garantito una sana politica del territorio, cioè una politica fatta per le cittadine e i cittadini di Casamassima, che si aspettavano una rinascita civile  e culturale della città, e che questa destra attualmente trionfante – e certamente non per suo merito – NON SARA’ IN GRADO DI REALIZZARE. Hai ostacolato (per supponenza, jattanza o inettitudine?), una candidatura condivisa che potesse sconfiggere tutte le destre, anche quelle che si nascondono all’interno del Tuo Partito; una candidatura che avesse la forza propulsiva che l’IdV e la Federazione della Sinistra PRC di Napoli hanno messo in campo, e che Tu, con tutti i mezzi che avevi a disposizione hai autolesionisticamente boicottato. Come interpretare i Tuoi “interventi” presso il candidato condiviso dalla Coalizione di Ricomincio da 3!, perché  si facesse gentilmente da parte per spianare la strada al Tuo, e solo Tuo, avv. NITTI Alessio? Chiariamo, Noi non abbiamo nulla contro Nitti in quanto persona, ma per quello che politicamente rappresenta SI. Rappresenta un modo di fare politica che non ci soddisfa e non soddisfa neanche il Tuo elettorato, visto che i consensi ricevuti al primo turno e al ballottaggio non raggiungono quelli storici del Tuo Partito. Un candidato sindaco che riesce a perdere ai punti nel confronto con Birardi, diciamo Birardi, un uomo politico che anche un bambino sarebbe in grado di affrontare e combattere, come minimo dovrebbe chiedersi se in quel confronto non ci fosse anche una difficoltà oggettiva nel giustificare le inerzie e le inefficienze degli ultimi sette anni di governo del Comune. Ma Voi NO, testardamente pensavate che alla fine il fronte si sarebbe ricompattato! Speriamo sia finita la boria che Vi ha accompagnato fino ad oggi. Il Vostro è un modo di fare politica stantio e lontano anni luce dal Popolo della Sinistra, che immancabilmente Vi abbandona, giacché comincia a non riconoscersi più nelle Vostre parole d’ordine. Abbiamo bisogno di una politica nuova per il territorio e per le famiglie. Abbiamo bisogno di una politica che sappia intercettare i bisogni reali e le aspettative delle città che Vorremmo governare. Non bastano i proclami e gli annunci su quanto avete messo in cantiere e che una destra disfattista ha impedito di realizzare per le famose “dimissioni irresponsabili”. Chiediamo che anche Voi abbandoniate quel centro di potere che Vi ha costretti in un angolo al pari della destra in questa Città. “Cosa farai con l’Ufficio tecnico?”, questa è una domanda che con grande acutezza l’avv. Nitti ha posto al suo contendente Birardi, ricevendo come risposta un sonoro sberleffo. È grave pensare che le responsabilità siano solo ed unicamente da ricercare all’esterno, e non soprattutto al proprio interno. La Tua classe dirigente vuole vincere sempre e comunque: ma vincere senza voler cambiare realmente lo stato delle cose esistenti non porta molto lontano. Ma, per somma disgrazia, ci sono I COMUNISTI, questo sì che è il male supremo, vero, caro PD? In realtà, il vero problema non siamo noi comunisti. Il vero problema è una politica, quella vostra, che ha perso la bussola e anche l’anima. Mentre i giornali, tutti i giornali, titolano della grande sberla del centrodestra in Italia e annunciano un nuovo vento di primavera, mentre le città annunciano la propria Liberazione, Tu a Casamassima ci costringi a guardare i volti dei Birardi,  degli uomini con le sopracciglia folte folte, che si apprestano ad un nuovo “sacco” della Città. I suv impazzeranno per le nostre strade e gli affari andranno a gonfie vele: si costruiranno altri dieci, cento, mille alloggi e la malavita potrà appropriarsene per stabilire le sue nuove “basi logistiche”, e non importa se non vi saranno giardini, se le fogne non saranno sufficienti, se i servizi non saranno adeguati, l’importante sarà che i soliti noti saranno pieni di denaro, che di certo non spenderanno nei Nostri piccoli negozi, molti dei quali in affanno e in via di chiusura. Sembra che non ti importi se i nostri giovani non possano scendere in strada per festeggiare il ritorno al governo della Sinistra, come i loro coetanei in arancione di molte altre città italiane. I nostri giovani purtroppo non sanno cosa significa avere delle scuole superiori nella propria Città; non sanno cosa significa avere delle biblioteche fruibili; non sanno cosa significa potersi riunire in luoghi in cui possano incontrarsi per parlare, discutere e divertirsi. Che importanza ha per Te, caro PD, aver trasformato questa Città in un enorme dormitorio dove tutti preferiscono andare a mangiare la zampina a Sammichele e prendere il gelato a Mola o Polignano. Cosa vuoi che ti possa interessare di quegli anziani che trascorrono il loro tempo in Piazza, nelle strade seduti alle loro seggiole senza che il resto della società valorizzi la loro storia, la loro cultura. Il tempo dei proclami è finito, il tempo di dire avremmo fatto ma non ne abbiamo avuto il tempo perché siamo stati bloccati dalle “dimissioni irresponsabili”, E’ FINITO. Hai imparato la lezione? Ti sei accorto della Tua classe dirigente? Hai visto le Tue “geometrie politiche” dove Ti hanno portato? Ti sei reso conto, caro PD, che la Tua classe dirigente, sempre la stessa da decenni, ha fallito miseramente? Non sono bastati cento incarichi a fare dei tuoi uomini, uomini migliori; non sono bastate le pacche sulla spalle, le fontane abbandonate a se stesse, i palazzetti dello sport chiusi. Non è bastato il Tuo disimpegno in campo edilizio per ampliare i tuoi consensi.

Se tutto quello che abbiamo denunciato possa rappresentare la base di partenza per un Progetto Nuovo per Casamassima, Ti diciamo sin d’ora che siamo disponibili a riprendere il dialogo che hai interrotto bruscamente e Ti ricordiamo che Casamassima ha bisogno dell’impegno di tutti Noi che abbiamo voglia di metterci oltre che la faccia anche il cuore. Saremo vigili nei confronti dei Tuoi rappresentanti in consiglio comunale, e Ti ricordiamo che non faremo, come Nostro costume, sconti a nessuno e che le cittadine e i cittadini di Casamassima saranno tempestivamente informati circa la politica intrapresa.

In attesa di un Tuo sollecito e positivo riscontro,

Distinti saluti.

Federazione della Sinistra, Partito della Rifondazione Comunista

Circolo P. Massaro , Casamassima

Commenti  

 
#34 modalita proteta 2011-06-20 10:25
La legge regionale (pugliese) sull'urbanistica lascia ai comuni un arco temporale molto largo per adeguarsi alle nuove diposizioni. Per il momento quindi si puo continare allo stesso modo...questo avrano pensato i poteri forti. Certamente il controllo dei vigili sarebbe un gran bene per garantirsi che i progetti vengano realizzati come dovrebbero ma non è sufficiente per tutelarsi sulla realizzazione delle opere di urbanizzazione. Un conto sono le lottizzsazioni e un conto è l'edilizia che riguarda singoli fabbricati. Lo schema di convenzione sulle lottizzazioni non faceva altro che anticipare alcuni concetti della legge urbanistica regionale di Vendola....legge che troverà grandi difficolta per essere attuata in tempi rapidi a Casamassima. Ne passerà di tempo ..e porcate.
 
 
#33 inquilinadiArcore 2011-06-19 12:45
un'ultima cosa: l'incontro con i cittadini fu organizzato insieme all'ufficio stampa del comune. Si ricercarono gli elenchi di tutti i lavoratori del settore ( imbianchini, muratori, artigiani ecc), tutti i tecnici, tutte le imprese, tutti coloro che si possono definire portatori d'interesse e si inviarono gli inviti. Oltre ad invitare più volte tutta la cittadinanza. Le cose sono state fatte bene e credo che, tralasciando le polemiche riguardo al professore, il nuovo schema ( da lui redatto ) potrebbe essere un ottimo prodotto perchè scaturito dalla sua professionalità e dalle esigenze riportate dai cittadini negli incontri che si tennero a Monacelle.
Se, come lei sostiene, i tecnici potevano influenzare i lavori del laboratorio, potevano essere queste influenze negative recepite al di fuori delle disposizioni di legge?
 
 
#32 inquilinadiArcore 2011-06-19 10:57
insista pure, ma lei non ha ben chiaro il problema.
la convenzione è un atto che si è sempre stipulato e che anche se esiste uno schema, può essere sempre modificato ed adattato alle circostanze.
non è sicuramente la panacea per tutti i mali dell'edilizia. quello che bisogna auspicare è un maggiore controllo da parte dei vigili e siccome questo non avviene da anni, coinvolgendo i cittadini e portandoli a conoscenza di quali sono i loro diritti, si potrà ottenere la loro collaborazione, anche e soprattutto per il controllo.
iò discorso che lei fà sul contemperare l'interesse pubblico con l'interesse privato è una delle ragioni della partecipAZIONE, NON UN DETERRENTE!
e MI SCUSI lEI SE INSISTO!!!
 
 
#31 modalità protetta 2011-06-18 10:37
I porttori d'interesse,..ha detto bene..ma qui si discute di un interesse privato che in qualche modo doveva essere ridimensionato per farlo coincidere con quello pubblico.
Cosa impossibile da ottenere se non esiste una conscenza civica su un territorio. Mi scuso se insisto.
 
 
#30 inquilinadiArcore 2011-06-18 00:21
@modalità protetta lei dovrebbe conoscere, se ho capito la sua identità, il significato di stakeholders. Sono i portatori di interesse che danno vitya al processo partecipativo. Chi è più portatore di interesse, nel caso specifico, dei tecnici ecc. E poi quando si avvia il processo partecipativo non si manda la raccomandata a tutti i cittadini e inoltre, non si conosce chi parteciperà. Io non potevo sapere chi sarebbe intervenuto. E ora basta con queste deduzioni fuorvianti!
@ Rabbits Ma lei era presente ai comizi di Nitti? Guardi che sono pubblicati sul sito del PD. Vada a leggerli e si renda conto di chi ha attaccato la sinistra definendola zavorra ecc. E poi siamo bravi ad incolpare gli altri. La colpa è sempre di qualche altro. BERlUSCONI DOCET!!!!!
 
 
#29 inquilinadiArcore 2011-06-17 23:53
HO LASCIATO IL PD PER FATTI MOLTO GRAVI CHE NON STO QUI A RACCONTARLE!!!!
 
 
#28 Rabbids 2011-06-17 20:53
Signora inquilina di arcore, mi chiedo, come mai nei vostri manifesti cosi discriminatori contro l'amministarzione passata non si trova traccia alcuna di apprezzamenti in tal senso. Nessun apprezzamento solo accuse, accuse, accuse. E' mai dico mai una parola conro le destre. Alessio Nitti ha fatto una campagna elettorale disturbata da voi che lo avete accusato ingiustamente. Molto imbarazzante. Queste cose non si possono dimenticare. Almeno io non le dimentichero. I responsabili di quelle scelte devono prendersi le responsabilità anche perchè oggi governa il centrodestra e chissà cosa ci combinerà.
 
 
#27 modalita protetta 2011-06-17 20:37
Visto che è ormai chiara la sua identità le chiedo come mai ha lasciato il Pd nonostante tutti i premi che l'amministrazione ha ricevuto ?

Ritornado a quanto sostenuto sulla partecipazione credo che una progettazione partecipata, per assicurarsi una buona riuscita, deve garantirsi la partecipazione dei soggetti interessati e tra questi i principali sono i cittadini. Questi non si smuovono con un semplice manifesto. Quindi anche se la partecipazione non vincola, come lei afferma, da cmq un indirizzo. E se mancano i cittadini l'indirizzo è dato solo dalle imprese e dai tecnici.. non crede?
Probabilmente l'indirizzo che è emerso nel confronto è quello che lo schema delle lottizzazioni era troppo vessatorio per le imprese del cemento. Eppure Alessio Nitti è stato definito l'assessore del cemento nonostante questo schema cosi vessatorio e nonostante il blocco di tutte le lottizzazioni che non erano conformi alle leggi urbanistiche. C'è qualcosa che non torna non crede? Credo che sia stato fatto fuori solo perchè voleva la legalità.
La sua richiesta di un processo partecipato su uno schema di convrenzione che si rifà ad una legge urbanistica regionale, nonostante credo alla sua buona fede, ha inevitabilmente contribuito al blocco e alla degenerazione del processo di approvazione dello stesso schema. Questo permettera all'edilizia locale di continare a costruire come si fa da sempre. E'chiaro no. I poteri forti voglino questo e quindi hanno optato per la caduta della giunte detommaso
 
 
#26 inquiulinadiArcore 2011-06-17 18:24
Scusate se sono prolissa, mi preme sottolineare che molte cose sono state fatte e rappresentano dei fiori all'occhiello della vecchia amministrazione. Alcune di queste sono in ambito sociale. Non dimentichiamo che il nostro Comune ha ricevuto un premio a livello nazionale classificandosi davanti a Comuni come Milano e Roma. IL premio Amico della FAmiglia, il progetto Bioedil ( che ci ha portati a Strasburgo e ad essere esempio per la Comunità Europea), l'avvio della Casa della Salute sono espressione di come il settore dei Servizi Sociali a Casamassima ha lavorato bene e non ultima La Scuola Regionale di Partecipazione che siamo riusciti a portare a Monacelle. Questi sono argomenti che si potevano cavalcare tranquillamente in campagna elettorale, invece di toccare, quasi maniacalmente, un settore in cui siamo stati deficitari.
 
 
#25 inquiulinadiArcore 2011-06-17 18:09
E come disse l'assessore alla partecipazione del Comune di Valencia ( città che ha fatto miracoli con la partecipazione e che ho avuto l'onore di visitare con la Scuola CAST ( Cittadini e amministratori per lo sviluppo del territorio): LA PARTICIPATION NON VINCULA ( la partecipazione non vincola). GRAZIE PER L'ATTENZIONE:
 
 
#24 inquiulinadiArcore 2011-06-17 18:02
cara modaslità protetta, dove ha attinto tutte le sue convinzioni sulla partecipazione?
Inoltre le devo sottolineare che lei, in barba a quanto specificato, continua con la solite affermazioni senza fondamento alcuno.
IL RITARDO C'E' STATO ED E' STATO CAUSATO DAL VOLER METTERE UN PROFESSORE A REDIGERE LO SCHEMA CHE ERA GIA' PRONTO. LA PARTECIAZIONE, IN OGNI CASO E FATTA BENE O FATTA MALE, AVREBBE RITARDATO SOLO DI UN MESE L'APPROVAZIONE DELLO STESSO. SE LO SCHIAFFI BENE NELLA TESTA!!!!!
E RIPETO QUESTO TEMA HA PORTATO MALE ALLA CAMPAGNA ELETTORALE; NON LASCIAMO CHE ROVINI ANCORA LA SINISTRA. PENSIAMO A COSTRUIRE L'UNITA' DEL CENTRO-SINISTRA, MAGARI FACENDOCI UN PO' DI SANA AUTOCRITICA. LE PROSSIME ELEZIONI SONO ALLE PORTE, VOGLIAMO PERDERLE DI NUOVO?
 
 
#23 modalita protetta 2011-06-17 10:23
La partecipazione dei cittadini va sensibilizzata è non si puo avviare una progettazione partecipata su un tema inportante se non si ha la garanzia che i cittadini partecipino. E' ovvio che una seduta del genere risulterebbe strumentale se non si garantisce l'apporto del contributo cittadino.
Mi sembra d'aver capito che hanno partecipato solo i soggetti interessati che non intendevano dar seguito a questo schema di convenzione.
Non si fa cosi la progettazione partecipata e non si puo invalidare un percoso di questa importanza quando non si sono acquisiti tutti i metodi per farlo. Mi sembra una "strunzat".
Casamassima oggi non ha uno schema di convenzione che avrebbe fatto il bene del paese. Il resto son chiacchere che non portano a nulla o a poco.
 
 
#22 inquilinadiarcore 2011-06-16 23:29
gentile Rabbits, vede o si crede nella partecipazione e si cerca di sensibilizzare anche una cittadinanza scarsamente attiva oppure si calano, come sempre, provvedimenti dall'alto, con la reale possibilità che non vengano condivisi. In secondo luogo, il coinvolgimento dei cittadini non prevede una selezione a monte degli argomenti da discutere. E ancora, Lo schema di convenzione, pur dovendo recepiore una legge regionale, lascia ai Comuni la possibilità di adeguarlo al territorio. Altrimenti si applicherebbe pari pari la legge e basta.
Quanto a propporre la partecipazione perchè, come dice lei, fà figo, le dico sinceramente che c'è stata solo la volontà di mettere in atto gli insegnamenti della Scuola regionale di partecipazione( CAST ), che si è tenuta a Monacelle e che l'unica consigliera che ha ritenuto di dovervi partecipare è stata l'inquilina di Arcore( CHe ha dovuto fare avanti e dietro Arcore-Casamassima) sebbene la stessa si tenesse a due passi dal Comune e cioè a Monacelle.
Devo, anche, dissuaderla dal pensare che tutto fosse organizzato per far cadere la Giunta perchè la quesdtione in oggetto si è svolta molto tempo prima della caduta dell'amministrazione. La saluto cordialmente e la prego di informarsi meglio prima di fare affermazioni azzardate. Anche perchè, pur abitando ad Arcore, non abbiamo ancora avuto il dono della veggenza e premonizione, anche se ci spetterebbe di diritto!!!! AHAHAHAHAH Gente allegra, il ciel l'aiuta. Non siate tristi, presto le cose cambieranno!!!!
 
 
#21 inquilinadiArcore 2011-06-16 16:55
Gentile Rabbits, le sottolineo che o si crede nella partecipazione e quindi si affrontano decisioni importanti con il contributo dei cittadini, oppure non si possono fare selezioni su basi illogiche. Recepire una legge, da parte di un Comune, presuppone l'opportunità di dare un contributo alla stessa adeguato al proprio territorio. Altrimenti si applicherebbe semplicemente la legge ed i suoi principi generali.
E' vero che chiedere la partecipazione fà figo e non nascondo che, in virtù della frequenza alla Scuola di Partecipazione, CAST, ed essendo l'unica consigliera a cogliere questa enorme possibilità , sebbene si fosse svolta a Monacelle ( gli altri non hanno ritenuto frequentarla), mi sono sentita in obbligo di iniziare un percorso diverso basato sulla partecipazione.
E' stato casuale che l'argomento fosse lo schema, anche perchè avevo subdorato un pò di malumore in giro e pensando di migliorare l'immagine della sinistra, l'ho proposto. Il resto, quello che lei afferma, riguardo ad un disegno per perdere tempo e far cadere la giunta è assolutamente infondato, oltre che falso: la proposta è stata fatta in consiglio molto, ma molto prima che si potesse configurare l'ipotesi di caduta della giunta ( sempre documentato) e il tempo è stato perso proprio da coloro che oggi rivendicano tale provvedimento ( anche questo rilevabile dAI DOCUMENTI E DA MOLTEPLICI TESTIMONI TRA CUI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO,il quale chiese di rispettare i tempi ma non fu ascoltato).
Come vede, non bisogna esprimere giudizi affrettati, in base a pochi elementi non collocati nel tempo.
Un'altra cosa, se il paese non partecipa, credo che piuttosto che arrendersi, come lei sembra consigliare, è opportuno educare e sensibilizzare i cittadini. Ci vorrà un pò di tempo, ma i risultati non si faranno attendere, micreda. La saluto
 
 
#20 Rabbids 2011-06-16 11:24
Sig Inquilina di arcore, lei meglio di me, sa bene che in politica è tutto contorto e non è facile conprendere la verità..molto peggio della vita. Lo schema di convenzione non è altro che l'attuazione della legge urbanistica regionale di NICHY. Una legge innovativa che impedisce ai palazzinari di continuare a fare il proprio gioco fatto a scapito della comunità.
Perchè chiedere un processo partecipato su una convenvenzione che si rifa ad una legge che prima o poi dovrebbe adeguarsi anche il nostro paese? perchè chiederlo in un paese dove la cittadinanza non partecipa ancora.
I soggetti interessati sono stati ostili a quel provvedimento che invece dava molte garanzie ai cittadini. Certo dietro ogni cosa si puo vedere il marcio. Credo però che questa volta la richiesta di partecipazione dei cittadini (che rende figo) ha avuto solo lo scopo di temporeggiare per poi far cadere la giunta...cosa che di fatto è accaduto. Adesso vedremo quali saranno le nuove decisioni su tale argomento....un bel figo secco. Continuerà tutto come prima ..come sempre. Questa è la verità.
 
 
#19 inquilinadidiArcore 2011-06-16 08:50
Quello che non riesco a capire, sinceramente, è il perchè si è montata una storia diversa dalla realtà ( i documenti parlano , ripeto sono a vostra disposizione; verbali di consiglio contenenti la proposta di partecipazione, delibera illeggittima e delibera revocata, nuova delibera, incarico della responsabile AAGG e anche i verbali della Commissione ) sulla quale si è incentrata la campagna elettorale, andata poi malissimo. Non credo che il candidato sindaco non avesse fiori all'occhiello più reali e veritieri svolti durante il suo mandato di sette anni e mezzo. Forse c'era alla base una precisa volontà, è evidente!!
 
 
#18 per la verità 2011-06-16 07:12
condivido con Rabbids che la base di rifondazione comunista insieme al segretario e a Stalin è gente onestissima di tutto rispetto.Gente di grande passione, che ci crede e la lavora per il bene comune. Le cisti sono altre...il tempo li aiuterà a comprendere, penso che già qualcosina sia stata svelata!
 
 
#17 inquilinadiArcore 2011-06-16 02:26
LA DELIBERA VIENE REVOCATA E NON PER FAR CONTENTA LA ARCORIANA, MA PERCHé ILLEGGITTIMA. Ne viene fatta una successiva, su cui si potrebbe discutere, che conferisce alla Responsabile di dare incarico ad un professore di regere il nuovo schema. Cosa alquanto strana, la resp,. conferisce allo stesso professore e alla stessa cifra l'incarico. Ma finalmente Il comune incontra i cittadini insieme al professore che esprime subito perplessità su quello schema ed in seguito dopo aver raccolto le istanze poste in due incontri da tecnici ecc. redige un nuovo schema che nessuno ha potuto leggere perchè è stato consegnato dal Professore molto tempo dopo LA CADUTA DELL'AMMINISTRAZIONE. Solo per questo lo schema non è stato approvato, anzi sw il professore avesse rispettato i tempi forse sarebbe stato già approvato. Cosa c'entra la lotta alla legalità del suo caro amico , non si riesce a capire, ANZI!!!! In ogni caso i documenti sono a sua disposizione e se vuole anche della redazione che potrà pubblicarli quando vuole perchè per fortuna colei che abita ad Arcore, ha una casa anche a Casamassima
 
 
#16 inquilinadiArcore 2011-06-16 02:24
A questo punto, l'inquilina di Arcore organizza l'incontro con i cittadini, ma il suo caro amico decide che il termine di un mese dato dal Consiglio non è perentorio e manda all'aria l'incontro perchè, nel frattempo ( alcuni mesi) decide con una delibera di giunta di conferire incarico ad un professore di diritto urbanistico di redigere lo schema di convenzione e di partecipare agli incontri. La domanda sorge spontanea: se lA COMMISSIONE AVEVA LAVORATO BENE, CHE MOTIVO C'ERA DI CONFERIRE L'INCARICO ESTERNO AL PROFESSORE ESAUTORANDO DI FATTO IL LAVORO SVOLTO? Perchè presentarsi ai cittadini con un avvocato? Non sono mica la controparte del Comune, giusto? E perchè, in un momento di crisi, spendere 7800 euro di parcella per il professore , quando quei soldi si potevano destinare alla povera gente? A questo punto, colei che abita ad Arcore, per salvaguardare i soldi dei cittadini e perchè si rende conto che la delibera di incarico è illeggittima, in quanto in conflitto con il regolamento per il conferimento degli incarichi ( Bassanini)e con altre norme, chiede di revocare la delibera in oggetto. Succede il finimondo e l'inquilina di Arcore, che si occupa della povera gente, viene aggredita violentemente da gente che si dichiara di sinistra e finisce in ospedale con la pressione a 220 ( da allora è costretta a fare una terapia).
 
 
#15 inquilinadiArcore 2011-06-16 02:23
Caro Nik, credo proprio che neanche tu hai letto i documenti che citi. Tanto per cominciare l'assunzione di un nuovo ingegnere non era altro che la sostituzione dell'Ing. Quartulli, già dipendente dell'ufficio tecnico e trasferitasi altrove per motivi famigliari. Nessun nuovo inserimento, quindi voluto dal tuo tanto decantato amico. In secondo luogo due persone della Giunta non furono daccordo su quell'inserimento per motivi soppravvenuti di indirizzo da parte di Brunetta sul contenimento della spesa, vista la particolare congiuntura economica. Per quanto riguarda, invece, lo schema di convenzione, la storia è ben diversa, altro che difesa della legalità! E' stata già raccontata, ma proprio non vi entra nella testa. Allora è meglio ripassarla: la I commissione lavora??? a lungo per redigere uno schema di convenzione, che qualche congiunto ingegnere di un consigliere del Pd ( probabilmente per ringraziare di un incarico ricevuto per la questione Barialto ) invia e a quello schema si aggiungono norme stringenti a danno dell'imprenditoria locale ( alcuni sostengono per favorire grossi imprenditori forestieri )e una serie di garanzie persino su ciò che il codice civile dispone ( alcuni dicono per favorire qualcuno vicino alle assicurazioni ). Questo schema non convince nessuno, neanche l'assessore al ramo, ma viene portato in Consiglio. In quella sede, l'inquilina di Arcore, seguendo le linee dettate dalla Regione Puglia in materia di partecipazione dei cittadini alle scelte della pubblica amministrazione ( linee di sinistra ) chiede che lo schema venga discusso con i cittadini, i tecnici, le maestranze, le imprese e tutti gli stakeholders ( portatori di interesse) per evitare l'insuccesso dello stesso e coinvolgere i cittadinanza. Quella che abita ad Arcore ottiene che entro un mese si discuta con i cittadini e si ritorni in Consiglio.( la proposta è accolta dall'intero consiglio tranne che dal PD).
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.