Sabato 20 Luglio 2019
   
Text Size

Il sondaggio "pericoloso"

Cari lettori, eliminiamo il Sondaggio, per la quiete di tutti e perchè diciamolo ai "nostri politici" proprio non piace. Tutti si attendono "di più". La cosa strana è che proprio tutti. Non c'è stata una sola lista che si attende un risultato peggiore o uguale.

Giunge in redazione una lettera e a questa rispondiamo.
______
Spett.le redazione
Pur non annoverandomi tra coloro che si allarmano facilmente, ritengo doveroso rappresentarvi una inappropriatezza  del "chi voterà Casamassima?"  che finisce, come minimo, col disorientare l'elettorato. Infatti alcuni informatici mi hanno spiegato che il proprio computer può essere in pochi secondi configurato con diverse IP e di conseguenza un singolo individuo può votare quante volte vuole. E' sufficiente un tam tam nella rete per far si che utenti non interessati al voto possano esprimere una preferenza. Infine un sondaggio ha una base scientifica nel definire il campione da esaminare per ricavarne risultati che normalmente sono (se fatti col rigore necessario) sufficientemente attendibili. Per tali ragioni vi chiedo, anche in qualità di candidato alla competizione elettorale e per le conseguenze che l'elezione dell'uno o dell'altro sindaco comporta, di fornire notizia dell'assoluta inattendibilità di quello che definite sondaggio o meglio di evitare di farlo in questo modo. Riservandomi, comunque, ogni azione presso le autorità preposte, teso a garantire l'imparzialità dell'informazione durante la campagna elettorale, vi porgo i più distinti saluti Vito Cassano
_____
Gentile candidato,
è palese che il sondaggio stesso non ha una attinenza informativa. Nessuno ha mai voluto dare una funzione "scientifica". Termine che difficilmente si può attribuire ad un sondagggio. Inoltre il sondaggio non monitora solo gli "Ip" ma anche i cookie e la tempistica.
Dunque è evidente e palese che non esisteva una funzione scientifica ma solo "partecipativa" dei lettori.
Chiaramente fra chi immagina di non andare neanche al ballottaggio e chi crede ad un risultato migliore, gli unici a "lamentare" disinformazione sono stati i protagonisti di questa campagna elettorale.
L'unico dato certo è che la somma non potrà superare il 100%.
Buon, "sereno",  voto a tutti.

Commenti  

 
#8 vito cassano 2011-05-13 10:04
Gentilissimo direttore, il sondaggio non è, di per se, né pericoloso né innocuo, è semplicemente irregolare, cioè - come si legge sul messaggio che il Cominato Regionale per le Comunicazioni - Puglia vi ha inoltrato - è stato diffuso in violazione di una regolamentazione. Il problema non era cosa ci si attendesse, ma evitare disorientamento, cioè che un elettore potesse essere influenzato nel votare l'uno o l'altro candidato in relazione all'andamento di quello che l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni definisce "sondaggi e/o manifestazioni di opinione". Le confermo che sono personalmente riuscito a taroccare il risultato in due giorni. Avrei potuto tacere facendo un gioco sporco, ma la mia coscienza civile mi ha sempre spinto al rispetto delle regole e ad intervenire per il rispetto delle regole, come ho fatto nel comizio denunciando le affissioni selvagge e i bigliettini che sporcano le strade. Se queste sono le premesse, povera Casamassima se questi candidati andassero al potere. Ho ritenuto di intervenire anche perché sin dal vostro esordio, mi sono appassionato, e collaborato, come immagino le risulti, per quella linea editoriale di grande imparzialità dichiarata, che una manifestazione d'opinione, essendo comunque una informazione trasmessa, avrebbe potuto essere letta come "inappropriata" o comunque, che ho letto come tale. Credo che la volontà popolare vera e certificata la conosceremo entro martedì, quindi ancora un po di pazienza. Colgo l'occasione per salutare Amoruso che con il suo imperturbabile candore ci fa sapere che, vivendo tra le stelle, non sapeva assolutamente niente di quanto accadeva sul Web di Casamassima. Ne prendo atto anch'io, ma non posso esimermi dall'esprimere la speranza che, avendo fatta mia la proposta di trasmettere in diretta le sedute consiliari, l'Amoruso si metta attentamente ed assiduamente in ascolto per partecipare con più consapevolezza alla vita cittadina.
 
 
#7 gino 2011-05-12 16:40
Caro Sergio Santoro,la democrazia si fonda sulle regole o no ?
 
 
#6 Martinus 2011-05-12 12:17
I sondaggio in camapagna elettorale sono vietati per legge....
 
 
#5 Sergio Santoro 2011-05-10 18:21
qualcuno ha effettivamente paura del sondaggio lanciato da casamassimaweb?
Siamo in democrazia e ritengo che un sondaggio sia la cosa migliore per capire la volontà popolare.
 
 
#4 cittadina 2011-05-09 13:08
ma perchè mai... che male c'è??

Staff di casamassima web questo non è giusto però... :sad:
 
 
#3 michele amoruso 2011-05-09 12:18
Caro Francesco,
ho saputo del sondaggio, in maniera del tutto casuale, e solo ora apprendo che sono stati pubblicati dei dati relativi all'andamento elettorale locale, più o meno condivisi.
ciò che non capisco è, perchè deve mettere "tutte, ma proprio tutte le liste" in un calderone che non risponde all'oggettività della situazione.
Come Movimento 5 stelle, noi non ne sapevamo "PROPRIO UN BEL NIENTE" di questi dati, e poichè i lettori tengono conto delle parole che si scrivono, quindi si leggono, sarebbe il caso di essere più precisi in merito a certe affermazioni.
grazie
Michele Amoruso

[ Amoruso ha ragione! Tranne la sua. Ci perdoni. ]
 
 
#2 Gigi 2011-05-09 10:13
Penoso......veramente Penoso!!!! Più si avvicina il 15 e più mi convingo che è meglio non andare a votare!!!!
 
 
#1 gino 2011-05-09 07:40
sono daccordo con il Signor Vito Cassano,i sondaggi fatti in modo empirico non servono a niente,quindi meglio non proporli.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.