NUOVA TANGENZIALE EST, GIA' IL PRIMO INCIDENTE

tang.est_01

Quello che avrebbe dovuto essere un gioiello (finalmente la tangenziale ovest per rendere più veloce l'attraversamento di Casamassima nella parte levantina del paese) rischia di far saltare il pallottoliere dei nuovi "casi stradali". Certamente molti sapranno della nuova circonvallazione che partendo da via di Sammichele attraversa la zona retrostante la stazione, quindi si protrae verso via di Acquaviva, terminando la sua corsa su via Bari o proseguendo verso Adelfia. Questa arteria extraurbana, ancor prima di esserre regolarmente avviata allo scorrimento del traffico, è già stata teatro del primo incidente.

Le aree già aperte al traffico sono minime, ma carenti di corrette segnalazioni in prossimità degli incroci: venerdì scorso un’auto non si è fermata al presunto stop, venendo travolta da un’altra auto che viaggiava sulla strada principale. Nell’incidente i conducenti, uno di Bitritto e l’altro di Santeramo, sono rimasti feriti e, soccorsi dall’ambulanza, sono stati trasportati in ospedale.

Al danno si aggiunge la beffa: oltre agli incroci non segnalati, la pericolosità aumenta se si considera che la visibilità è precaria a causa della vegetazione selvaggia sul ciglio della strada non ancora rimossa (o curata). Risultato: per verificare se la strada è libera, ci si deve sporgere più del normale, andando così incontro a sempliciotti e ovviabili incidenti.

tang.est_03

È il caso in particolare di via Bari, strada su cui, si sa, si viaggia ad alta velocità e pur essendo questo l’unico incrocio in cui la STOP è ben visibile, se non ci si sporge non si vedono le auto sopraggiungere.

Facendo un giro per renderci conto della situazione, troviamo un addetto ai lavori in giacca e cravatta che, molto prepotentemente, ci ha intimato di “uscire immediatamente da questa zona perché i lavori non sono ancora finiti” e alla nostra domanda: “Se i lavori non sono ancora finiti perché le auto qui circolano tranquillamente e addirittura si è verificato il primo incidente?” la sua risposta è stata: “ho detto andatevene subito” intimando gesti inconsueti.

tang.est_02

Mentre altrove gli incroci cosiddetti ‘a croce’ vengono “adattati” a grandi rotatorie, rallentando il traffico e rendendolo più ordinato, la nostra Tangenziale ovest, sconta l’anacronismo.

Repetita juvant?