Casamassima sfila al carnevale del San Paolo

carnevale san paolo

Iniziativa nata dalla collaborazione con Comune e Università di Bari

Casamassima sfila al Carnevale barese nel quartiere San Paolo. È in programma domenica 3 marzo ‘Carnevale al San Paolo’, la sfilata con carri e gruppi mascherati organizzata dall’associazione ‘Regala un sorriso’, presieduta da Francesco Ferrante, con il patrocinio dei Comuni di Bari e Casamassima e dell’università degli studi di Bari. L’iniziativa è stata presentata mercoledì scorso a Palazzo di Città, nel capoluogo pugliese, alla presenza, tra gli altri, del primo cittadino di Bari, Antonio Decaro, del sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti, dell’assessore barese al welfare Francesca Bottalico e del delegato del rettore dell’università di Bari, Piero Totaro.

Casamassima, in particolar modo, parteciperà all’appuntamento con i gruppi mascherati organizzati e ideati dalle classi seconde della scuola primaria del secondo circolo didattico, Gianni Rodari, e dall’Acca, l’associazione casamassimese che si occupa di teatro. Tema della manifestazione è l’integrazione, che i piccoli casamassimesi tratteranno anche travestendosi da pedine degli scacchi, ma non da classici pedoni – bianchi e neri – ma colorati. Pedoni che a loro volta non si muoveranno su spazi rigidamente segnati, ma liberamente in una scacchiera senza confini, simbolo del mondo.

“Portiamo il Carnevale al San Paolo – ha detto il sindaco Decaro – grazie a un’iniziativa dell’associazione ‘Regala un sorriso’, che ha raccolto la collaborazione del nostro Comune, dell’università di Bari e del Comune di Casamassima. L’area metropolitana è composta da 41 Comuni che lavorano insieme per far crescere il nostro territorio, e questi appuntamenti vanno proprio in questa direzione".

"Questo evento – ha detto il sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti – è ispirato quest’anno a temi come la solidarietà e l’integrazione, argomenti di grande attualità. Casamassima ha apprezzato molto la tematica, tant’è vero che prenderà parte alla manifestazione con gruppi mascherati che rappresenteranno le pedine degli scacchi. Pedine però che porteranno i colori dei continenti del mondo. Noi riteniamo che il mondo non possa essere considerato una scacchiera su cui giocare, con le persone divise tra bianchi e neri, ricchi e poveri, emarginati e benestanti. Questo Carnevale è un momento di festa, ma anche un momento di educazione, soprattutto per i nostri bambini”.

Il primo cittadino ha poi ringraziato l’assessore alla cultura del nostro Comune, Azzurra Acciani, assente a Bari per motivi di salute, per il lavoro fatto a sostegno di questa partecipazione alla festa del San Paolo, e ha colto l’occasione per invitare i presenti anche alla nostra Pentolaccia, in programma il 9 e il 10 marzo prossimi.