FABIO VASCO, DOPO RUBINI OMAGGIO A CASAMASSIMA

vasco_teatro_01

Iniziare ad avere successo non è sempre un buon motivo per abbandonare le proprie origini, il proprio paese e le vecchie amicizie.

Ne ha dato dimostrazione Fabio Vasco, giovane attore di 24 anni, casamassimese che, pur iniziando ad avere successo a livello nazionale (studia, vive e lavora a Roma), ha portato qui a Casamassima uno spettacolo teatrale nel quale recita con altri quattro colleghi.

È la fine del mondo, questo il nome dello spettacolo, che è stato rappresentato ieri sera nella tenuta Monacelle, riscontrando successo dai più anziani ai più giovani, che ascoltavano con attenzione riflessioni impegnative e ridevano di gusto durante scene più leggere.

Lo spettacolo, come suggerito dal titolo, tratta della fine del mondo che, secondo i Maya, avverrà a dicembre 2012: quattro ragazzi che credono in questa profezia, decidono di trascorrere le ultime ore insieme e tra confessioni, risate, equivoci e riflessioni attuali, restano anche loro, come tutti noi, in attesa di vivere quel che accadrà.

vasco_teatro_02

Fabio interpreta la parte di Bernardo, colui che più di tutti crede alla profezia e che confessa agli amici di essere malato di cancro; si apre un momento di riflessione, da lui trattato: che importanza ha se la fine del mondo è realmente arrivata o meno? Prima o poi tutti moriremo anzi, c’è chi, per malattia o altro, morirà comunque prima degli altri, quindi perché affannarsi tanto?

Questo è uno spettacolo molto attuale, che inserisce tra le sue battute anche riferimenti alle difficoltà politiche ed economiche che l’Italia sta affrontando.

I quattro interpreti, tutti molto giovani, hanno regalato a Casamassima un momento culturale per certi versi anche molto divertente oltre che riflessivo.

Fabio continuerà a studiare recitazione con i suoi amici, strada che oramai ha capito essere la sua vita e ci auguriamo di averlo qui con altri spettacoli, anche oltre il 2012.vasco_teatro_03

[foto di Luna Pastore]