ALESSIO NITTI, GOVERNO STABILE E DURATURO

speciale_elezioni_2011

Alessio Nitti, candidato sindaco per il Pd e la lista civica Libera Casamassima, prova a chiarire alcuni punti, dopo che il suo discorso pubblico ha lasciato in sospeso le aspettative degli elettori.

La sinistra stavolta si presenta divisa, perché?

Perché una parte della sinistra ha scelto di correre da sola, rinnegando la sua responsabilità nella scorsa amministrazione, mentre l’altra parte e cioè il PD, nell’ambito del centrosinistra, unitamente a forze riformiste, socialiste, liberaldemocratiche, ambientaliste e a singoli cittadini, tutti rappresentati dalla lista civica Libera Casamassima, hanno scelto la pienezza della responsabilità nel voler garantire un governo stabile e duraturo nella prossima legislatura.


Molti vi accusano di aver riproposto molti degli uomini che hanno "fatto" la politica degli ultimi anni e gli elettori affezionati avrebbero gradito (probabilmente) volti nuovi. Qual è stato il metodo di scelta dei candidati? E chi sono questi candidati?

Il rinnovamento, invece, è stato di oltre l’80%. In sostanza su 32 candidati complessivi solo 7 hanno avuto l’esperienza amministrativa nelle due scorse legislature, e di questi, 3 soltanto negli ultimi due anni. Se non è rinnovamento questo? La scelta è stata operata sulla base delle disponibilità manifestate, della rappresentanza sociale ed economica, una presenza delle libere professioni e, cosa più importante, sono state candidate tutte le donne che hanno dato la loro adesione. Un giusto equilibrio generazionale ha completato i criteri di scelta. Le liste sono state pubblicate ed è quindi facile verificare quanti candidati, invece, appartengono al vecchio ceto politico nelle altre liste, sia attraverso la propria presenza, sia come parenti prestanome.


Perché una lista civica collegata al Pd? Qual è la filosofia di creazione di questa lista?

La lista civica rappresenta quella parte di società civile che pur non identificandosi in una precisa organizzazione di partito, ha inteso impegnarsi nell’ambito del centrosinistra. Non a caso ha partecipato alla formazione di un programma unico.


Il programma è assai ambizioso, e in alcuni casi è pensabile che abbia bisogno di qualche anno in più per essere attuato..

Più che ambizioso è un programma che tiene i piedi per terra, senza elicotteri, e parte dalla consapevolezza che i mezzi e le risorse a disposizione possono permettere la sua realizzazione.