Il sondaggio "pericoloso"

Cari lettori, eliminiamo il Sondaggio, per la quiete di tutti e perchè diciamolo ai "nostri politici" proprio non piace. Tutti si attendono "di più". La cosa strana è che proprio tutti. Non c'è stata una sola lista che si attende un risultato peggiore o uguale.

Giunge in redazione una lettera e a questa rispondiamo.
______
Spett.le redazione
Pur non annoverandomi tra coloro che si allarmano facilmente, ritengo doveroso rappresentarvi una inappropriatezza  del "chi voterà Casamassima?"  che finisce, come minimo, col disorientare l'elettorato. Infatti alcuni informatici mi hanno spiegato che il proprio computer può essere in pochi secondi configurato con diverse IP e di conseguenza un singolo individuo può votare quante volte vuole. E' sufficiente un tam tam nella rete per far si che utenti non interessati al voto possano esprimere una preferenza. Infine un sondaggio ha una base scientifica nel definire il campione da esaminare per ricavarne risultati che normalmente sono (se fatti col rigore necessario) sufficientemente attendibili. Per tali ragioni vi chiedo, anche in qualità di candidato alla competizione elettorale e per le conseguenze che l'elezione dell'uno o dell'altro sindaco comporta, di fornire notizia dell'assoluta inattendibilità di quello che definite sondaggio o meglio di evitare di farlo in questo modo. Riservandomi, comunque, ogni azione presso le autorità preposte, teso a garantire l'imparzialità dell'informazione durante la campagna elettorale, vi porgo i più distinti saluti Vito Cassano
_____
Gentile candidato,
è palese che il sondaggio stesso non ha una attinenza informativa. Nessuno ha mai voluto dare una funzione "scientifica". Termine che difficilmente si può attribuire ad un sondagggio. Inoltre il sondaggio non monitora solo gli "Ip" ma anche i cookie e la tempistica.
Dunque è evidente e palese che non esisteva una funzione scientifica ma solo "partecipativa" dei lettori.
Chiaramente fra chi immagina di non andare neanche al ballottaggio e chi crede ad un risultato migliore, gli unici a "lamentare" disinformazione sono stati i protagonisti di questa campagna elettorale.
L'unico dato certo è che la somma non potrà superare il 100%.
Buon, "sereno",  voto a tutti.