Martedì 10 Dicembre 2019
   
Text Size

Le avvincenti rievocazioni storiche di Casamassima

corteo storico casamassima

23° Corteo Storico 'Corrado IV' e 2° Assalto alla Torre Campanaria

Si respirerà aria di storia e passione con la 23° edizione del Corteo Storico di Casamassima, l'unico su Corrado IV di Svevia e il primo sull’assalto delle truppe ungheresi in Puglia, in programma domenica 13 ottobre 2019. Un’edizione che ha occhio per il passato ma che si prospetta rinnovata nella struttura e negli spettacoli offerti. L’evento dallo scorso anno rievoca due episodi storici accuratamente riproposti. Il primo ricalca un avvenimento accaduto nell’aprile del 1252 documentato in una pergamena originale conservata nell’archivio storico della Biblioteca di Bari e cioè la reintegra del feudo di Casamassima da parte di Re Corrado IV di Hohenstaufen, nato dal celebre imperatore Federico II di Svevia divenendone erede. Nei suoi viaggi il Re solo, come lo ha definito la scrittrice e studiosa Bianca Tragni, attraversò la terra di Casamassima e restituì il feudo a Roberto da Casamaxima, al cui padre Giovanni era stato tolto proprio da Federico II.

Il secondo episodio rievoca l’eroica difesa del 1348 del borgo casamassimese da parte dei cittadini attraverso un grande spettacolo scenico. Un appuntamento con la crudele e spietata storia casamassimese, un gesto eroico compiuto dai nostri avi rievocato in uno spettacolo suggestivo e unico nel panorama pugliese: combattimenti con spade infuocate, avvincenti dialoghi, assalto delle truppe e incendio della torre campanaria di Casamassima. Un coraggio e un orgoglio che dovrebbero ispirare i contemporanei nella difesa del proprio territorio.

La manifestazione è promossa dall’Associazione Turistica Pro Loco di Casamassima, e si svolge sotto gli auspici della Presidenza della Repubblica, fregiandosi di due medaglie, del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali, del Consolato Onorario a Bari della Repubblica Federale di Germania, del Consolato Onorario a Bari del Regno del Belgio, del Presidente della Giunta della Regione Puglia, dell’Area Metropolitana di Bari, del Comune di Casamassima, del Sindaco e dell'Assessorato al Turismo, Cultura e Istruzione con la preziosa collaborazione delle scuole e associazioni del territorio.

Appuntamento al 13 ottobre nelle terre di Casamassima!
Info: 080 671002 – 345 0491067 – 335 8383939

 

LA STORIA: ASSALTO ALLA TORRE CAMPANARIA (1348)
Un atto di eroismo da parte dei casamassimesi

Dopo una serie di lutti, unica erede al trono di Roberto d’Angiò re di Napoli, fu la nipotina Giovanna nata nel 1326, e per assicurare la successione il re fece sposare all’età di 7 anni con il coetaneo Andrea d’Ungheria. Nel 1343 alla morte di Re Roberto, a 17 anni Giovanna divenne Regina, in un clima torbido soggetto alla influenza ungherese sino a sfociare allo strangolamento di Andrea in Aversa nel 1345 forse vittima di un complotto ordito dalla stessa Regina Giovanna, che nel 1347 sposò Luigi Principe di Taranto e riparò in Provenza. Luigi Re d’Ungheria, per vendicare la morte del fratello Andrea armò un poderoso esercito e raggiunse il Regno di Napoli commettendo atti di inaudita cattiveria nei confronti degli Angiò. Una pestilenza lo costrinse a tornare in Ungheria, lasciando però un comando in Puglia.

Assalto alla torre

Nel frattempo era tornata a Napoli la Regina Giovanna che si avvalse della fedeltà di molti nobili e comuni anche pugliesi. Alla guida del famigerato Malospirito un gruppo di mercenari assoldati dagli ungheresi depredarono e misero a ferro e fuoco numerosi paesi nell’estate del 1348, come racconta minuziosamente Domenico da Gravina nel suo Chronicon de Rebus in Apulia Gestis. Le città che vollero evitare rappresaglie ammainarono la bandiera di Giovanna e versarono ingenti somme agli ungheresi. Altre furono duramente punite e tra queste Casamassima, che rimanendo fedele alla Regina, subì un assalto cruento da parte di Malospirito con l’assedio delle mura e le due porte di accesso.

Entrati nell’abitato commisero ruberie, stupri e violenze di ogni genere. Un numero elevato di cittadini si richiuse nella Chiesa Matrice e servendosi della maestosa torre campanaria prepararono mezzi di difesa e offesa per due giorni, ma invano, in quanto gli ungheresi accumulando legna, paglia e materie grasse appiccarono il fuoco incendiando la torre e al tempo stesso aggredendo e violentando donne e bambini che si erano rifugiati in chiesa.

In questo eccidio perirono oltre 200 casamassimesi e resta l’episodio più crudele della nostra storia. Il popolo di Casamassima durante questa brutale aggressione scelse l’onore e la libertà. Rifiutò la sottomissione alla violenta ingordigia dei prepotenti e scrisse un’indelebile pagina di gloria nella Storia. Su un architrave in Vico Piccolo, nel cuore del borgo, con data 1383 si legge in riferimento all’episodio: L’autorità di chi minaccia è nulla nei riguardi degli uomini liberi.

L’evento sarà rievocato domenica 13 ottobre 2019 a partire dalle ore 19 in piazza Aldo Moro.

MARILINA PAGLIARA

Bibliografia
- Domenico da Gravina Chronicon de Rebus in Apulia Gestis, 1350
- Vincenzo Camardella Note storiche della "Terra di Casamassima", Bari, Levante editori, 2009

 

FESTA DEI SAPORI

truck

Sarà anche una domenica all’insegna del gusto e dell’ottima enogastronomia in piazza Moro dove si potranno gustare le straordinarie pietanze della ‘Festa dei Sapori’, la kermesse culinaria per eccellenza del Paese Azzurro.

La grande piazza allestita a tema medievale ospiterà i visitatori che potranno assaggiare prodotti del territorio rivisitati e presentati dai migliori truck-food del tacco d'Italia: tacos pugliesi con carne e verdurine, birra all'olio d'oliva, panini con pesce fresco, tartare 'profumo di mare', hamburger 2.0 rivisitati, patata 'twister' di Polignano, carne alla brace, porchetta con spezie selvatiche tipiche pugliesi. E per concludere la serata al meglio lo special truck con Cocktail d'Autore!

Appuntamento al 13 ottobre con il via ufficiale alla 4° edizione della Festa dei Sapori. Info visitatori e espositori: Fabio 345 0491067

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.