Lunedì 23 Settembre 2019
   
Text Size

CRONACA DI UN GEMELLAGGIO

Gemellaggio 4

Le Unitre di Casamassima e Oria unite nella cultura e nella storia

Giovedì 16 maggio è stata la giornata del gemellaggio tra l’Unitre – Università delle Tre Età di Casamassima e l’U.P.O. – Università Popolare Oritana “Mons. Armando Franco” di Oria (BR). L’evento, su proposta del presidente Unitre Giuseppe Emilio Carelli, approvato e deliberato dal Consiglio Direttivo, era già stato programmato all’inizio dell’anno accademico 2018/19.

Gemellaggio 2

Già sabato 6 ottobre 2018, una nutrita delegazione dell’Unitre capitanata dal presidente e accompagnata dall’assessore Michele Loiudice si recò ad Oria per incontrare il presidente Roberto Schifone e il direttivo dell’U.P.O.. L’incontro preliminare per gettare le basi del gemellaggio fu sorprendentemente allietato dalla presenza della sindaca dott.ssa Maria Lucia Carone, che volle ricevere personalmente tutti i rappresentanti delle due Università. Nella settimana successiva all’incontro venne stilato, sotto la guida della prof.ssa Nietta D’Innella direttrice dei corsi e con gli interventi dei docenti dell’Unitre il “Progetto Turistico, enogastronomico, storico, culturale Casamassima-Oria”.

L’intero anno accademico è stato quasi totalmente orientato verso lo sviluppo del progetto di gemellaggio ed era naturale che alla fine delle attività didattiche si concretizzassero gli incontri e le reciproche visite alle comunità ed alle cittadine in questione. Quindi, la mattina del 16 u.s., sotto un cielo uggioso e coperto, è arrivata con un bel pullman G.T la nutrita e gioviale comitiva dei “gemelli oritani”, amichevolmente accolta da una numerosa rappresentanza dell’Unitre guidata dal presidente.

Gemellaggio 3

Il programma prevedeva le visite guidate presso la chiesa di “S. Maria del Soccorso” (Santa Lucia), la chiesa del Purgatorio, l’ingresso monumentale al Borgo Antico con la Torre dell’Orologio, la chiesa matrice “Santa Croce”, il complesso di “Monacelle” con sosta all’interno della biblioteca e pinacoteca della Fondazione “Mons. Sante Montanaro” col saluto della delegata prof.ssa Elena M. Valentino e della Biblioteca Comunale simpaticamente presentata dai giovani del Servizio Civile Nazionale.

Il notevole gruppo oritano-casamassimese è stato cordialmente accolto e professionalmente adottato dalla dott.ssa Rosa RIZZI, unica casamassimese abilitata guida turistica, che ha illustrato con grande passione e cognizione tutti i siti oggetti della visita guidata e dedicata ai nostri graditi ospiti. I limiti di tempo e il clima incerto non hanno consentito l’altrettanto interessante passeggiata attraverso le stradine, i vicoli e i chiassi del “Paese Azzurro” con la possibilità di visionare il complesso monastico di Santa Chiara e il palazzo Ducale (detto il Castello).

Gemellaggio 5

Poco dopo mezzogiorno si è svolto il ricevimento presso la Cantina Lattavino, ove i titolari Giovanni Palmieri e Doriana Pastore in collaborazione con Angelo e Daniela Santoro (Semi di Vita), Antonio e Eligio Pugliese (FornArt) e Pasquale Cristantielli (L’apicoltore del Paese Azzurro) hanno offerto un esclusivo aperitivo con la degustazione dei prodotti delle loro giovani aziende, quale testimonianza di una imprenditoria giovanile motivata, appassionata e qualitativamente affermata nel territorio. Una leggera pioggerella ha voluto accompagnare la numerosa comitiva verso il ristorante “Mamma Richetta” (già antica e rinomata pizzeria di Casamassima) ove i titolari Vincenzo e Teresa Castellano con lo chef Luca hanno accolto familiarmente tutti gli ospiti offrendo loro un pranzo all’insegna della semplicità e bontà, frutto dell’elaborazione dei prodotti tipici locali, gradito all’unanimità.

Alle 16 e 30 in punto, si sono aperte le porte dell’ingresso monumentale del palazzo comunale che aggetta sulla apprezzata piazza Aldo Moro e mentre ci si accingeva a salire la storica scalinata veniamo sorprendentemente raggiunti dalla dott.ssa Maria Lucia Carone sindaca di Oria. L’assessora Azzurra Acciani ospite si fa carico ricevere la sindaca e insieme ai due presidenti delle Università accompagna l’intero gioioso corteo di ospiti e ospitanti all’interno della sala consiliare. Anche il sindaco avv. Giuseppe Nitti e l’intera Giunta Comunale formata dagli assessori Anna Maria Latrofa (vicesindaco), Michele Loiudice, Gino Petroni, e Maria Montanaro, coadiuvati dalla consigliera Marida Lerede, prendono posto negli scranni di loro competenza.

Gemellaggio 1

La cerimonia ufficiale del gemellaggio ha inizio con l’Inno di Mameli “Fratelli d’Italia” intonato dal coro dell’Unitre e da tutti gli astanti. Il presidente Carelli svolge le mansioni di conduttore e si fa carico di esprimere il saluto ufficiale alle autorità civili e militari – in particolare al lgt Filippo Falcone comandante della stazione Carabinieri e al dott. Francesco Prigigallo neo-comandante della Polizia Locale - e alle due delegazioni delle Università di Oria e Casamassima. Esterna i ringraziamenti nei confronti di quanti, a vario titolo, hanno contribuito tangibilmente all’organizzazione e realizzazione del gemellaggio. Narra in un excursus storico e relazionale la genesi che ha portato a concretizzare l’evento stesso ed in particolare il gemellaggio con l’U.P.O. . Seguono gli interventi del presidente della Pro Loco arch. A. Pastore, dell’Archeoclub d’Italia prof. A. Campanella, della delegata della Fondazione “Mons. Sante Montanaro” prof.ssa Elena M. Valentino. Vengono salutati i presidenti delle associazioni Arma dei Carabinieri, Arma Aeronautica, Sottufficiali d’Italia e Il Vicinato, sensibilizzati all’evento in atto.

Terminati i convenevoli e le formalità, la parola passa alla prof.ssa Nietta D’Innella che, in qualità di direttrice dei corsi Unitre e redattrice del progetto gemellaggio, illustra sinteticamente tutti i contenuti e gli aspetti salienti dell’intero progetto. Segue una esaustiva relazione sulle conferenze riguardanti la conoscenza delle peculiarità storiche, artistiche, ambientali, culturali ed economiche della Città di Oria, approntata dalla vicepresidente prof.ssa Antonella Lingria, ma esplicata con sentimento e passione dalla prof.ssa Elena M. Valentino.

La parola passa successivamente al presidente Roberto Schifone dell’Università Popolare Oritana che illustra gli interventi, le attività e gli interessi, concordati con l’Unitre e messi in atto dalla parte oritana. Ha sottolineato le concordanze ed i comuni intenti riscontrati nell’espletamento del progetto. Ha evidenziato la sensibilità e la partecipazione diretta delle amministrazioni delle due comunità oritana e casamassimese, rappresentate ufficialmente dai sindaci quali massimi esponenti dei rispettivi Comuni.

Anche gli assessori presenti hanno dato il loro contributo verbale e morale alla coinvolgente manifestazione, infatti sia l’assessore Cosimo Delli Santi per Oria, che gli assessori Azzurra Acciani e Michele Loiudice per Casamassima hanno espresso parole di compiacimento per l’iniziativa delle due Università e di apprezzamento per i valori intriseci che hanno decisamente coinvolto non solo i membri delle due associazioni, ma anche le altre componenti delle proprie comunità di appartenenza.

Dopo l’esaustiva e appassionata carrellata di interventi, atta a dare significative ed edificanti risposte all’iniziativa, è stato compito dei due sindaci dare il loro contributo personale e soggettivo a suggello di questo importante e suggestivo gemellaggio. La sindaca M.L.Carone (nonostante le sue non buone condizioni di salute) ha tenuto a sottolineare sin dal primo momento, la sua convinta partecipazione all’idea del gemellaggio che, pur pensata dalle due associazioni culturali e di promozione sociale, si è piacevolmente allargata alle amministrazioni comunali ed alle stesse comunità. Importante e particolarmente sentito il passaggio relativo alla meritoria opera di educazione sociale e civica che esprimono le due Università nei rispettivi luoghi di appartenenza.

Il sindaco avv. Giuseppe Nitti, ha invece evidenziato l’aspetto più importante del gemellaggio è cioè quello dell’avvicinamento, della condivisione, dell’integrazione e della conoscenza di tutte quelle problematiche che dovrebbero per l’appunto unire sempre più i popoli e non allontanarli o disgregarli. Ha condiviso in toto ciò che i precedenti relatori hanno espresso e ne fa proprie le finalità evidenziate.

Al termine degli interventi si è svolta la cerimonia ufficiale del gemellaggio con la sottoscrizione delle quattro pergamene da parte dei sindaci e dei presidenti che vengono consegnate due a Oria per Comune e U.P.O. e due a Casamassima per Comune e Unitre. In coda alla cerimonia protocollare segue lo scambio dei doni di rappresentanza (targhette e ceramiche) e di cultura (libri, fascicoli, giornalini).

Abbandonata la sala consiliare le delegazioni si trasferiscono nell’auditorium dell’Addolorata ove il coro dell’Unitre omaggia i “gemelli oritani” con un concerto di musica leggera sul tema dell’amicizia e dell’amore. Prima del concerto musicale, avendo appreso della coincidenza del compleanno della sindaca Carone, sulle note di “tanti auguri a te…” il presidente dell’Unitre di Casamassima a nome di tutti i componenti consegna un dono floreale alla gradita e stimata ospite fra gli applausi di approvazione di tutti gli astanti. La magnifica e indimenticabile giornata si conclude nelle sale adiacenti di Monacelle con un drink di commiato e un arrivederci a Oria.

Giuseppe Emilio CARELLI - Presidente Unitre Casamassima

Foto di Nietta D’Innella e Lillo Gargano dell’Unitre di Casamassima

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.