Lunedì 19 Agosto 2019
   
Text Size

Il Maestro Gino Colapietro a Matera

Colapietro Gino

Il Maestro Gino Colapietro, artista casamassimese e professore di pittura all’Accademia di Belle Arti di Bari, inaugura sabato 1° giugno alle ore 18 una sua personale d’arte a Matera dal titolo “L’occhio metafisico” presso la Galleria Studio D’Imperio, in p.zza V. Veneto n.34. Nella Capitale europea della cultura 2019 l’artista del maestoso portale bronzeo della Chiesa Madre espone una selezione di opere che s’ispirano a temi mitologici e letterari fino a giungere alla stretta attualità per esprimere il senso di precarietà della condizione umana e la superficialità dei nostri tempi, insieme ad una accentuata sensualità. “Il supplizio di Tantalo”, “Amleto ha in visione il padre”, “L’Italia devastata”, “Differenziata” e “Lotta ai poteri” (con Salvini e Di Maio) sono alcuni dei titoli in mostra fino al prossimo 30 giugno. Fonte d’ispirazione per il Maestro anche la Città dei Sassi raffigurata nell’opera “L’ora metafisica di Matera”.

Gino Colapietro ha insegnato presso le Accademie di Belle Arti di Roma, Firenze, Foggia e infine Bari, dove attualmente è docente. Ha il suo atelier in via Santa Chiara, nel borgo antico casamassimese che ha dipinto giovanissimo in numerose sue tele ispirandosi al pittore milanese Vittorio Viviani che ha conosciuto e seguito personalmente. Così fin da bambino Colapietro ha coltivato l’amore per la pittura, nel corso della sua carriera ha partecipato a numerosi concorsi di pittura nazionali e internazionali e a mostre personali e collettive in varie località italiane. Nel 2011, invitato da Vittorio Sgarbi, ha esposto alla 54^ Biennale di Venezia “Padiglione Italia”. Le sue opere, in tecnica mista, figurano in pinacoteche regionali, provinciali, comunali e presso collezioni private e all’estero.

L’esposizione materana è organizzata dal Circolo La Scaletta e dalla Galleria Studio D’Imperio. All’inaugurazione, dopo i saluti del presidente del sodalizio materano, Francesco Vizziello, interverrà il giornalista Raffaele Nigro. Sarà presente l’artista. La mostra potrà essere visitata tutti i giorni presso la Galleria Studio D’Imperio nei seguenti orari: 10-13 e 18-22. Ingresso libero.

LUNA PASTORE


GINO COLAPIETRO
IL SUPPLIZIO DI TANTALO, 2018
Tempera grassa su tela, cm 200x180

Tantalo, re della Lidia e della Frigia, era un semidio nato dalla concupiscenza tra sua madre Pluto e Zeus. Assiduo frequentatore della mensa degli dei, trattato da pari, Tantalo si sentì in dovere di ricambiare tanta gradita ospitalità invitando gli dei a un banchetto tenuto nella sua città capitale Sipilo. Per misurare l’onniscienza degli dei, commise il grande delitto di offrirgli in pasto il proprio figlio Pelope spezzettato e bollito. Demetra, distratta, fu la sola degli dei a mangiare il pezzo della scapola, mentre Rea ricompose tutti i pezzi e ridiede nuova vita al giovane Pelope. Gli dei inflissero a Tantalo una pena atroce, a memoria eterna del suo misfatto contro di loro, lo condannarono ad avvertire costantemente il bisogno di mangiare e bere senza mai poter soddisfarlo. È evidente nella grande tela di Colapietro il magistero artistico di alta qualità tecnica che inserisce l’opera nella tradizione italiana che travalica i tempi e le mode.

Colapietro G‌ino

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.