Martedì 23 Luglio 2019
   
Text Size

Gli alunni di Stefano Ottomano vincono a Pesaro

Stefano Ottomano

Perché a Casamassima manca l’indirizzo musicale nelle scuole medie?

Lo ha firmato un casamassimese l’ottenimento del primo premio da parte della scuola media “Tommasone-Alighieri” di Lucera alla 6° edizione del concorso ‘Giovani in Crescendo’ che si è svolto lo scorso weekend al Teatro Rossini di Pesaro. Le scuole partecipanti provenivano da tredici regioni italiane, oltre a San Marino e ad un istituto della Bielorussia, per un totale di circa 80 istituti e oltre 1000 partecipanti di età compresa fra 6 e 25 anni, presenti come solisti e organizzati in orchestre, cori ed ensemble. Non è solo un talentuoso musicista, ma un ‘Personaggio casamassimese” (2011) per essere esatti, stiamo scrivendo del M° Stefano Ottomano che lo scorso sabato ha fatto meritare alle sue classi 2b, 2g, 2h e 3b, 3g e 3h dell'indirizzo musicale in cui insegna da due anni, il premio più alto con grandissima soddisfazione sua e dei suoi 110 allievi.

59334893_367165453903003_8058159864855134208_n

“Il concorso è fra i più importanti di quelli rivolti alle scuole – ha dichiarato ai nostri microfoni il Maestro non appena rientrato a Casamassima - quest’anno era presieduto da Saul Salucci e dalla professoressa Rachele Pacifico, con il patrocinio del MIUR che ha inserito la manifestazione nel programma annuale per la valorizzazione delle eccellenze, oltre al Comune di Pesaro. Abbiamo suonato ‘Prima di dormire’ con musiche mie, ‘Bolero’ di Maurice Ravel e ‘Welcome to Queen’, un medley dei Queen arrangiato dal prof. di violino Mario Ieffa. È stato un lavoro di squadra con gli altri colleghi, i prof. di pianoforte Barbara Nespoli e Luca Marri, Ieffa, il prof. di fisarmonica Giovanni Delle Fave, i prof. di chitarra Francesco Scaramuzzi e Davide Giornetti e la prof. di clarinetto Carmela Caruso. Quando abbiamo deciso di far concorrere l'orchestra dei nostri alunni per questo prestigioso e difficilissimo concorso avevamo come obiettivo quello di far fare loro un'esperienza musicale di alto livello, crescita e soprattutto confronto, considerato anche il gran numero di istituti italiani che vi partecipano e la location di un teatro storico come il ‘G. Rossini’ di Pesaro. Passare la fase eliminatoria e arrivare in finale sarebbe stato già un traguardo importante, ma vincere il primo premio è stato davvero fantastico per tutti loro e per noi docenti.”

59805430_1633806000093347_2054916446957338624_n

La Preside Francesca Chiechi si è complimentata inviando subito parole di apprezzamento e lode “Cari ragazzi, mi complimento con tutti voi per il successo riportato. Dopo tanta fatica, impegno e diligenza avete dimostrato come, tutti insieme, siete capaci di centrare gli obiettivi prefissati. Auguro a ciascuno di voi di continuare sempre sulla strada del successo, portando nella vostra mente e nel vostro cuore i bei momenti trascorsi durante questa esperienza in cui la musica, grazie al suo linguaggio unico, universale, ha svolto una grande funzione sociale e culturale”.

Ma anche i genitori non hanno fatto mancare il loro tifo da stadio “La festa è continuata al rientro quando i genitori alle 3:30 del mattino hanno cantato per noi le celebri note di ‘We are the champions’ dei Queen e quindi tra cori, striscioni, cornetti e spumanti ci hanno accolti come fossimo una squadra di calcio che aveva portato a casa lo scudetto. La comunità di Lucera si è unita con gioia al nostro successo e infatti il sindaco nelle prossime settimane ci conferirà un altro premio di riconoscenza”.

Stefano ci racconta a questo punto della sua esperienza di insegnamento nel foggiano e non trattiene una domanda riflessiva sulla possibilità che Casamassima possa, anzi debba avere un indirizzo musicale alle scuole medie come altre 1000 scuole italiane. “Ormai da cinque anni vivo la bellissima realtà delle scuole medie ad indirizzo musicale prima a Foggia e negli ultimi due anni a Lucera presso la ‘Dante Alighieri’, questo tipo di indirizzi come i licei musicali, sono diffusi in tutta Italia. L'esempio di Foggia e provincia è un modello virtuoso poiché anche nei paesi con poche migliaia di abitanti ci sono scuole con l'indirizzo musicale cosa che invece scarseggia nel barese, basti pensare a centri medio grandi come Casamassima, Putignano, Castellana ecc. che ne sono privi probabilmente perché manca la volontà dei presidi di impegnarsi in questo senso. La possibilità di poter scegliere permetterebbe agli alunni di potersi arricchire e di potersi preparare a percorsi di studio successivi come il liceo o il conservatorio iniziando già con un serio e costruttivo impegno a partire proprio dalle scuole medie.”

Casamassima vanta nella storia una tradizione musicale di rispetto essendo stata sede del primo conservatorio in Puglia presso le Monacelle e annoverando nel passato e nel presente fra i propri cittadini, musicisti illustri di ogni tipo di strumento. Chissà che a qualcuno non venga l’idea di farsi promotore di questa bella novità che produrrebbe nei nostri giovani sensibilità e cultura.

LUNA PASTORE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.