Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

MILLE ANNI DI MELFI

Corteo Melfi (1)

Un momento epico di grande emozione nella entusiasmante trasferta del Gruppo Figuranti Pro Loco Corteo Storico, che con rinnovato orgoglio portano il nome di Casamassima fuori dai confini: i Mille Anni di Melfi hanno rispettato tutte le aspettative di un evento grandioso seguito da giornali e televisioni e che ha visto la presenza di tantissimi studiosi ed autorità della Politica, tra cui il sottosegretario ai Beni Culturali Lucia Bergonzoni, MIBAC e UNESCO, accompagnati dal Sindaco Livio Valvano e dall’illustre scrittore Raffaele Nigro, oggi vice Sindaco e Assessore Cultura Comune di Melfi, che avemmo il piacere di ospitare a Casamassima anni fa in un gremitissimo Teatro Augusto.

Corteo Melfi (6)

Le iniziative della giornata hanno visto l’Annullo Filatelico delle Poste Italiane; un corollario eccezionali artisti di strada provenienti soprattutto dalla Toscana, oltre la danzatrice aerea Direttrice Artistica Corteo San Nicola di Bari Elisa Barucchieri; dimostrazioni di Falconeria dentro e fuori il Castello, tra cui lo spettacolare volo delle aquile; le bellissime immagini della mostra “Aria, Uomini, Falchi” della fotografa bolognese Serena Galvani nel nuovo e suggestivo spazio delle scuderie; il lunghissimo Corteo Storico con oltre mille figuranti e gruppi di sbandieratori e tamburini; il ricco buffet di piatti antichi a base di farro, ravioli, anatra, maiale, salumi, formaggi, dolci, vino Aglianico nella cornice della corte del Castello; lo spettacolare video mapping “Passaggio dei Popoli” proiettato sulla facciata del Palazzo Vescovile con la storia della città che ha visto ben cinque concili organizzati da cinque diversi Pontefici tra il 1059 e il 1137 quando in un momento fulgido divenne Capitale del Ducato di Puglia e Calabria; la ratifica della Convenzione UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale all'Arte della Falconeria ampliandone il riconoscimento conseguito nel 2016 per 18 paesi del mondo coordinati dagli Emirati Arabi, tutti presenti con rappresentanti vari politici, referenti delegazioni straniere istituzionali, giornalisti italiani e stranieri e illustri studiosi e esponenti della Falconeria mondiale che si sono alternati nel maxi-convegno che ha tenuto banco per tre giorni da mattino a sera “Falconeria, Patrimonio Culturale Immateriale: Partecipazione, Diversità Culturale e Sviluppo Sostenibile”, all’interno del magnifico castello normanno che rappresenta l’architettura storico-medievale più strettamente connessa alla tradizione dell’Arte della Falconeria Italiana perché strettamente legato a Federico II, l’emblematica figura storica per eccellenza associata alla cultura della Falconeria, che la ratifica UNESCO oltre ad ampliare il significato di patrimonio, ha posto attenzione sul ruolo fondamentale delle comunità detentrici, evidenziandone l’identità culturale generazionale che nel rispetto dei diritti umani contribuisce all’accrescimento del dialogo interculturale e allo sviluppo di sistemi sostenibili integrati, partendo dalle buone pratiche di salvaguardia regionali, nazionali ed internazionali.

Corteo Melfi (2)

E i nostri 30 figuranti? Gasatissimi per il momento storico vissuto e ammiratissimi come sempre per gli splendidi costumi, si sono fatti notare, in primis la Socia Onoraria Maria Giovanna Nitti, con i suoi invidiabili 80 anni, che nel corso della sfilata, nella superba piazza Duomo dove il corteo si ferma per dar luogo agli spettacoli in una scenografia mozzafiato, ha recitato la sua ultima poesia dedicata a Federico II “Sogno” tra l’ammirazione del numerosissimo pubblico e la riconoscenza del figurante interprete dell’imperatore svevo.

Ma la nostra Maria Giovanna superstar, già nel corso del buffet al castello aveva “legato” con l’Ambasciatore della Mongolia in Italia recitandogli anche la sua bellissima poesia “Oh Madonna”, ricambiata dalla richiesta di ricevere i suoi libri di poesie, ed è stata colta anche a dialogare intensamente con l’illustre artista Beppe Labianca…. un esempio per tutti. Il Gruppo Figuranti è stato curato dalla infaticabile socia Tatiana, accompagnato dal Presidente Pro Loco arch. Antonio Pastore, coordinato dallo stesso insieme all’infaticabile socio junior Massimiliano e ha visto la gradita presenza della Responsabile Servizi Economici Comune Casamassima d.ssa Carmela Fatiguso, della già sub-Commissario d.ssa Giovanna Zampetta insieme al consorte Nino Milone che ha curato le bellissime immagini dell’evento, che potrete ammirare sulla pagina Facebook Pro Loco Casamassima, con altre varie della memorabile giornata.

Marilina Pagliara

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI