Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

OBIETTIVO BORGO

Il comitato del borgo antico

IERI - Il primo tentativo di riunire in assemblea cittadina gli abitanti del Borgo Antico per risolvere alcune problematiche riguardanti la vivibilità e salvaguardia risale al 2013 (Sindaco Birardi), e voluta dall'allora capo UTC arch. Donato Capacchione che molto a cuore aveva le sorti del Borgo.

Furono eseguiti anche alcuni lavori di riqualificazione a seguito di un finanziamento (Piazza S. Francesco, Piazza Delfino). L’assemblea si tenne in una sala consiliare gremita più dei Consigli Comunali, per rendere partecipi i cittadini riguardo alcune scelte dell'amministrazione tra cui videosorveglianza e pedonalizzazione con possibilità di carico e scarico, accesso a disabili e anziani, mezzi di soccorso etc., e la previsione di una cintura stradale che racchiude Il Borgo tutto ntorno per il parcheggio auto residenti ZTL.

A tal pro l’allora vicesindaco sindaco Michele Bovino fece un censimento delle auto. La caduta dell'amministrazione bloccò tutto l'iter, ripreso poi dal sindaco Vito Cessa, sensibile anch’egli alla salvaguardia del borgo, acquistando persino un immobile (azzurro). Anche in questo caso il commissariamento ha penalizzato l'attuazione del Piano del traffico per il quale era stato richiesto un congruo finanziamento.

 

OGGI - E veniamo al presente, a fine settembre si è tenuta la prima assemblea del neo-costituito Comitato del Borgo Antico, caldamente sostenuto anche dalla sottoscritta. L'incontro si è svolto nella Sala Perniola della chiesa Santa Croce messa gentilmente a disposizione dal parroco don Carlo Lattarulo che ha sposato la nobile causa e, alla presenza del neo-assessore cultura e turismo, nonché Centro Storico architetto Azzurra Acciani.

Numerosi i “borghisti” presenti o delegati, tutti con un unico scopo: la vivibilità quotidiana del borgo. Il comitato è costituito dalla presidente Rosanna Mizzi, vicepresidente Maristella Orofino, consiglieri Domenico Birardi, Felice Birardi, Giambattista Latilla, Andrea De Filippis, Francesca Barile ed è stato ufficialmente presentato in pubblico dalla presidente con i saluti e l'auspicio di raggiungere gli obiettivi preposti elencati poi dalla vicepresidente e che riguardano soprattutto lo sgombero e regolamentazione delle auto, la pulizia, la sicurezza e sorveglianza.

Alcuni borghisti hanno lamentato la presenza di gruppetti di ragazzi che creano situazioni di fastidio, l'eccessiva presenza di cani non educati per i bisogni, numerosi residenti momentanei sprovvisti di bidoncini per la raccolta differenziata.

L'ass. Acciani ha raccolto quanto esposto ed ha assicurato la soluzione dei problemi in quanto il borgo antico è patrimonio di tutta la comunità. L'amministrazione sta già valutando il da farsi. Al tra pro è intervenuta l'arch. Francesca Barone residente nel Borgo e già assessore all'Urbanistica sotto l’amministrazione Cessa, che ha dichiarato che riguardo il piano del traffico è arrivato il finanziamento richiesto per individuare 5 ingressi, disporre dissuasori di sosta a scomparsa, nuova segnaletica, ecc., il che lascia ben sperare in una rapida soluzione del problema che si trascina da anni, grazie anche alla promessa di collaborazione tra i due architetti Acciani e Barone. La presenza di auto tra vicoli e piazzette oltre a deturpare il “Monumento Borgo” costituisce un serio pericolo per l'inquinamento, la sicurezza, la circolazione di eventuali mezzi di soccorso, ecc., compromettendone la bellezza e una “scelta di vita”.

Passionale l’intervento finale del pittore Gino Colapietro che ha raccontato di quando negli anni 60-70 era un ragazzetto armato di pennelli e tavolozza per seguire il maestro Vittorio Viviani, l'artista Milanese si deve il nome Paese Azzurro e che tanti quadri dedicati ha lasciato sul territorio. Rammaricandosi che il Comune non aveva voluto fare una mostra che invece fu fatta ad Alberobello. Oggi che tutti stanno prendendo coscienza dell'importanza del Borgo di Casamassima bisogna camminare insieme per la sua definitiva consacrazione.

MARILINA PAGLIARA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI