Domenica 21 Ottobre 2018
   
Text Size

Turisti nel Paese Azzurro

Turisti nel Paese Azzurro (1)

Tra luglio e agosto c’è stato un viavai di forestieri, anche stranieri, che hanno soggiornato, o solo visitato il borgo alla ricerca delle tracce di azzurro. Chi si è avventurato da solo spesso è rimasto deluso perché quanto pubblicato e promosso sul web purtroppo, sempre più spesso, non corrisponde a realtà e questo vale per Casamassima così come per news e informazioni di cui la rete è piena. Prima di avventurarsi in un viaggio o in una notizia, bisogna valutarne la fonte, chiedere maggiori dettagli, e magari richiedere una visita guidata alla Pro loco del paese che si intende visitare.

Turisti nel Paese Azzurro (2)La scorsa domenica c’è stata la prima gita organizzata specificatamente indirizzata alla “visita del borgo azzurro di Casamassima nel pomeriggio” dopo la visita mattutina di Trani. 50 turisti provenienti da Avellino e Salerno, accompagnati dall’ottimo organizzatore Pasquale, contattata la Pro Loco nelle settimane precedenti, sono giunti nel primo pomeriggio nella nostra cittadina, accolti all’Infopoint dal Presidente Antonio Pastore, dagli infaticabili soci Fabio e Luna e dalla sottoscritta. Ci siamo incamminati lungo corso Vittorio Emanuele, mostrando la bella cortina di palazzi ottocenteschi illustrando la storia e lo sviluppo urbanistico del corso e della grande piazza. Quindi varcata Porta Orologio, ci siamo recati all’auditorium dell’Addolorata, aperto per l’occasione, dove nel corso di una videoproiezione sul Paese Azzurro e Casamassima in genere, abbiamo descritto la storia e le peculiarità, alcune delle quali erano già conosciute da informazioni acquisite in previsione della visita, denotando uno spiccato interesse verso ciò che avrebbero visitato. Molti prendevano appunti e hanno posto diverse domande.

Interesse particolare ha destato anche la presenza del cimitero Polacco, altra preziosa presenza sul territorio, in specie da parte di una visitatrice polacca. Quindi ci siamo tuffati nel blu dei vicoli secondo un percorso che tocca gli angoli più belli e suggestivi e che lascia intravedere la bellezza, la unicità e le potenzialità del nostro borgo, coinvolgendo in modo particolare i visitatori incantati ed entusiasti, che ci hanno incoraggiati a continuare la strada del recupero, intenzionati a ritornare più in là per vederlo ancora più blu. Turisti nel Paese Azzurro (3)

Al ritorno in piazza è stato espresso il desiderio di assaggiare lo “spumone” di Casamassima che avevamo decantato alla richiesta di quale fosse il dolce tipico. Fortunatamente, in un orario di lunga pausa pomeridiana estiva che da sempre caratterizza Casamassima, era aperto unicamente il Bar Plaza, e ancora più fortunatamente era provvisto di spumoni che sono andati a ruba, così come le “Calamite sul Paese Azzurro” realizzate dalla cooperativa “A Casa di Dà” che avevamo proposto come ricordo al ritorno all’Infopoint, dal quale sono ripartiti con infiniti ringraziamenti per l’accoglienza. In serata sono giunti anche i ringraziamenti dei titolari del bar. L’indotto che si crea intorno al turismo, anche se in piccolo ancora, è stato ampiamente dimostrato. 

Turisti nel Paese Azzurro (4)Ma non finisce qui, perché nei giorni scorsi con il socio tuttofare Fabio, anche interprete, siamo stati impegnati nella visita del borgo e informazioni varie, con una coppia di americani che non spiaccicavano una parola di italiano, innamoratissimi di Casamassima, al punto di comprare casa per poter venire più frequentemente. Lui, un vulcano di idee, ha fatto mille proposte che coincidono in gran parte con quelle che portiamo avanti da anni: Paese Azzurro, recupero Santa Chiara, piazza e corso chiusi al traffico, maggiore pulizia e verde, apertura di botteghe e attività ricettive, insegne studiate ad hoc, arredo urbano accattivante.

Espresso il desiderio di conoscere il sindaco e il “capo della Pro Loco”, per illustrare queste idee, abbiamo organizzato un incontro al comune al quale hanno partecipato l’assessore alla cultura e centro storico, Azzurra Acciani, il vicesindaco e assessore alle attività produttive, Gino Petroni, e il presidente Pro Loco Antonio Pastore. Il cordiale incontro si è concluso con un arrivederci a tempi non lontani. Il loro soggiorno nella nostra comunità si è svolto tra un B&B, tutti i ristoranti di Casamassima, e in specie il Bar Italia accolti quotidianamente con grande e scambievole affetto. Anche intorno a queste figure si è creato movimento, indotto e scambio culturale.

Non mi dilungo nel dire le cose che ribadisco da anni, queste due ultime vicende vissute parlano chiaro. Chi ha orecchie per intendere intenda.

MARILINA PAGLIARA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI