Venerdì 17 Agosto 2018
   
Text Size

Bari ospita papa Francesco e i patriarchi del Medio Oriente

Papa Francesco a Bari luglio 2018

La visita di Bergoglio nel racconto dei nostri pellegrini

Un avvenimento storico all'insegna del dialogo tra religioni, ma anche un momento di preghiera collettivo. E’ durata 8 ore la visita di Papa Francesco a Bari, lo scorso 7 luglio, in occasione della giornata dedicata al Medio Oriente, che ha richiamato nel capoluogo pugliese i patriarchi delle chiese ortodosse e orientali e rappresentanti delle confessioni luterane ed evangeliche.

Due i luoghi strategici della mattinata barese per il Papa: dopo l'arrivo in elicottero alle 8.15 sul piazzale Cristoforo Colombo, dove il papa è stato accolto dall'arcivescovo Francesco Cacucci, dal governatore Michele Emiliano, dal sindaco Antonio Decaro e dal prefetto Marilisa Magno, Francesco si è spostato presso la basilica di San Nicola. Nel tempio nicolaiano, sono state venerate le reliquie del patrono barese. Papa Bergoglio ha salutato i patriarchi, è sceso con loro nella cripta, ed insieme hanno acceso la lampada uniflamma. I capi religiosi, quindi, a bordo di un pullman scoperto, hanno raggiunto la rotonda di largo Giannella, teatro di un momento di meditazione.

Intanto, il lungomare della città pugliese era gremito di fedeli già dalle prime ore dell’alba. Molti i volontari e le forze dell'ordine, che hanno controllato i varchi di accesso. Fedeli e pubblico hanno partecipato alla giornata, entrando nella zona autorizzata muniti dei pass distribuiti nei giorni scorsi dalle parrocchie, oppure ottenuti agli ingressi, fino alla chiusura dell’accesso, prevista per le 7.30. All'interno della grande area interessata, una decina di maxischermi hanno consentito alle oltre 50.000 presenze di seguire tutti i passi della manifestazione.

Non potevano di certo mancare a tale incontro ecumenico anche la parrocchia Santa Croce e la comunità di Santa Maria Delle Grazie. In particolare, ci piace condividere con i lettori le brevi interviste, rilasciate ai microfoni di Sky, da due ragazze del gruppo giovani della Chiesa Madre di Casamassima.

“Si tratta - ha detto Gabriella Birardi Mazzone - di un evento unico e irripetibile nella città di Bari, che rappresenta un punto di unione fra i popoli, ma al contempo una richiesta di pace. Credo che, se un giorno avrò dei figli, sarà un orgoglio potergli raccontare di esserci stata a questa tappa importante per il mondo cristiano”.

“Ho provato una grande emozione - ha continuato Giovanna Palmieri - nel vedere da vicino Papa Francesco. Penso sia molto significativo vivere un momento di preghiera internazionale come questo”.

Papa Francesco e i patriarchi hanno fatto ritorno in basilica per una sessione di dialogo a porte chiuse, invece all'esterno le comitive di fedeli si sono riunite in raccoglimento. Al termine dell'incontro, il pontefice e gli altri leader religiosi sono usciti sul sagrato della basilica, ed ha avuto luogo, da parte di Francesco, la lettura del messaggio conclusivo.

"Preghiamo per la pace che i potenti in terra - ha affermato il papa a Bari - non sono ancora riusciti a trovare. L'indifferenza uccide, e noi vogliamo essere voce che contrasta l'omicidio dell'indifferenza. Vogliamo dare voce a chi non ha voce, a chi può solo inghiottire lacrime, perché il Medio Oriente oggi piange, soffre e tace, mentre altri lo calpestano in cerca di potere e ricchezze. Sulla splendida regione del medio Oriente, si è addensata, specialmente negli ultimi anni, una fitta coltre di tenebre: guerra, violenza e distruzione, occupazioni e forme di fondamentalismo, migrazioni forzate e abbandono, il tutto nel silenzio di tanti e con la complicità di molti. Il Medio Oriente è divenuto terra di gente che lascia la propria terra. E c'è il rischio che la presenza di nostri fratelli e sorelle nella fede sia cancellata, deturpando il volto stesso della regione, perché un Medio Oriente senza cristiani non sarebbe Medio Oriente”.

Al termine della mattinata, un volo di colombe ha simboleggiato l’invocazione alla pace in Medio Oriente. A portare le colombe sul sagrato della Basilica di San Nicola, i ragazzi di Mola di Bari.

FRANCESCA VALENTINO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI