Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

Vitoronzo Pastore a Palo del Colle

Vitoronzo Pastore

Generosità, attualità e valore di una collezione

Continua il tour del nostro concittadino Vitoronzo Pastore che in questi mesi è impegnato nella presentazione del suo immenso volume compendiato in tre tomi “Stammlager l’incubo della memoria” (SUMA Editore).

Lo scorso sabato, 9 giugno, è stata la volta di Palo del Colle dove il Gruppo Interforze Onlus del paese, con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Sezione di Casamassima, ha organizzato presso la sala consiliare del Comune una bellissima conversazione e mostra avente come protagonista la collezione del nostro scrittore. L’evento è stato patrocinato da Accademia delle Cultura e delle Scienze Internazionali, Comune di Palo del Colle, Pro Loco di Casamassima, Archeoclub di Bisceglie, ass. di volontariato L’onda perfetta e ass. nazionale sottoufficiali d’Italia.

Vitoronzo Pastore (2)

Si è trattato di un interessante e coinvolgente dialogo con la memoria iniziato traendo spunto dal libro di Vitoronzo Pastore, la sua ultima fatica editoriale che gli sta riservando non poche sorprese. Il libro e la mostra iconografica ad esso collegata stanno facendo il giro della provincia riscuotendo apprezzamento e riconoscimenti. Il Comune di Palo del Colle e la Città di Bisceglie, ad esempio, hanno voluto donare a Vitoronzo due targhe di ringraziamento ed è giunto di recente allo scrittore, per l’impegno nel sociale e per la trasmissione dei valori fondamentali della pace e dei diritti umani, anche un prezioso pumo in ceramica da parte del Consiglio regionale della Puglia. Graziella Bettini, presidente dell’associazione nazionale Divisione “Acqui”, ha scritto una bellissima e sentita recensione sul libro e i tre tomi sono stati insigniti del Premio Internazionale per i Diritti Umani “Victor Hugo” dall’Accademia Italia in Arte nel Mondo affidando allo scrittore il titolo di ‘collezionista e promotore di pace’.

Ma la pubblicazione nasceva già sotto una buona stella, ricordiamo infatti che, proprio mentre Vitoronzo era impegnato a scrivere e raccogliere i documenti che intendeva pubblicare nei tre tomi, gli giunse nel 2016 dal Ministero degli Esteri tedesco un invito a inviare oltralpe alcune scansioni di una parte del suo vasto materiale relativo agli internati militari italiani nei campi di concentramento e prigionia tedeschi durante la Seconda guerra mondiale. Questi preziosissimi documenti hanno dato allo storico e collezionista il privilegio di vedere comparire in una mostra all’estero, in Germania, il suo nome e il suo materiale, sia nell’allestimento che nel catalogo, affiancati al nome della nostra Casamassima.

Vitoronzo Pastore (3)

Dopo l’apertura sentita del vice Sindaco di Palo, Rocco Martino, che ha esaltato l’importanza della memoria per contrastare il rischio della rimozione storica e per acquisire un fondamentale senso critico che aiuti ad interpretare e vivere la realtà, il pubblico ha potuto ascoltare gli interventi del 1° Maresciallo Luogotenente Vito Mitaritonna, Presidente del Gruppo Interforze Onlus di Palo, dell’avv. Giovanni Lanzellotto e del giornalista Gustavo Delgado. In coro i relatori hanno sottolineato il valore della collezione e dell’attività di Vitoronzo, ‘collezionista raro e generoso’ come lo ha definito l’avv. Lanzellotto, nel suo obiettivo di essere ambasciatore di pace, “raccontare alle giovani generazioni le tragedie del passato affinché ci sia una ritrovata resistenza e la memoria continui a proteggerci dal pericolo che tutto possa riaccadere.”

Nella sala erano esposte, insieme alla “Collezione per la pace” corrispondenze IMI dei Comuni di Palo, Modugno, Grumo Appula, Toritto e Bitetto, anche alcune bellissime installazioni dell’artista-artigiano Pino Potenzieri Pace dal titolo “Mai più” realizzati con materiali di risulta della civiltà contadina, assemblati e saldati. Casamassima conosce bene Potenzieri Pace che da sei anni collabora con la Pro Loco nell’allestimento di interessantissime mostre medievali nell’ambito del Corteo storico “Corrado IV di Svevia”.

Ancora una volta, come ha bene detto Delgado, il “gigantesco impegno, il valore e l’attualità” di Pastore hanno illuminato la storia e le storie di chi ha reso grande l’Italia.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI