Mercoledì 19 Settembre 2018
   
Text Size

Piccoli Architetti… diktat del borgo, anche per i candidati

Piccoli architetti 2018 (4)

Raduno a Porta Orologio, braccialetto azzurro e cappellino da muratore in carta di giornale e via in corteo verso la bella piazzetta nel borgo tra l’Addolorata e Palazzo Monacelle. Lo scorso 25 maggio, altri 90 Piccoli Architetti si sono laureati, di cui 20 piccolissimi della 1 E della Scuola Marconi che hanno disegnato le case azzurre e piene di fiori di via Paliodoro.

Le altre classi partecipanti al progetto che ha smosso le acque per navigare verso il recupero del Paese Azzurro, laureando in nove edizioni circa 1000 alunni, sono la 4 E della Scuola Marconi e le 4e A e C della Scuola Rodari. Queste ultime due si sono interessate del “recupero” di alcune case in Piazza Delfino abbastanza manomesse. Con esse lo studio dei materiali e l’indagine sociologica ad alcuni abitanti, che ha confermato soprattutto il desiderio di maggiore pulizia, sorveglianza, illuminazione adeguata, arredo urbano decoroso ed eliminazione delle auto.

Con la 4 E della Marconi, oltre lo studio di due case, si è affrontata la situazione di degrado di Piazza Moro, con uno studio di arredo urbano, sistemazione delle aiole, maggiore decoro. L’indagine sociologica rivolta ad esercenti, partiti e associazioni, ha rivelato il desiderio di una piazza chiusa al traffico, arredo urbano elegante e l’organizzazione di sagre serie.

Dopo il giuramento e la consegna dei diplomi, si è visitata la mostra dei lavori al piano terra di Palazzo Monacelle, e alla fine si è svolta la Merenda Azzurra, un simpatico momento conviviale da un’idea dell’ins. Nica Lilli della Rodari, accettata da tutti, nella quale i bambini hanno indossato abiti dal celeste al blu e fatto merenda nella bella piazzetta.

Con soddisfazione della Pro Loco, ancora una volta entrambe le scuole hanno scelto questo progetto, definito di “alleanza pedagogica”, che ha contribuito alla conoscenza del Paese Azzurro anche presso le tante famiglie forestiere che vivono a Casamassima e che attraverso i loro bambini si sono avvicinati a questo straordinario borgo medievale con curiosità e meraviglia. Soddisfazione anche per Luna, Isa D.T., Massimo, Maristella, Piera, Patty, Isa N. e la sottoscritta, che alternandosi, hanno seguito con amore i piccoli allievi sino alla consegna dei diplomi, salutati dal Presidente Pro Loco Antonio Pastore che ha raccomandato di "continuare a visitare ed amare il borgo e i monumenti di Casamassima, e apprezzare le tradizioni, perché solo con l’educazione al patrimonio e l’acquisizione della identità, si riesce a tutelare e valorizzare il territorio, e se si fa in maniera stimolante, i risultati sono assicurati".

E i risultati sono davvero grandiosi se il borgo diventa sempre più abitato, specie da giovani, e sempre più blu attirando turisti e curiosi che troviamo gironzolare tra i caratteristici vicoli e chiassi alla ricerca delle tracce di azzurro. La voce dei bambini, quindi, si è fatta sentire eccome in questi anni, se persino tutti i 5 candidati a sindaco per la prima volta hanno inserito nei loro programmi il Paese Azzurro.

Marilina Pagliara

Piccoli architetti 2018 (1)

Piccoli architetti 2018 (2)

Piccoli architetti 2018 (3)

Piccoli architetti 2018 (4)

Una Voce per Santa Lucia 5 (10)

Una Voce per Santa Lucia 5 (8)

Una Voce per Santa Lucia 5 (7)

Una Voce per Santa Lucia 5 (9)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI