Lunedì 20 Agosto 2018
   
Text Size

Santa Lucia chiama… Comune e Pro Loco rispondono

Una Voce per Santa Lucia (3)

Batte forte il cuore delle Pro Loco. Da nord a sud tantissimi eventi hanno unito idealmente l’Italia in una grande festa diffusa alla riscoperta di tradizioni, ma anche di luoghi nascosti o normalmente chiusi, lo scorso 3 giugno in occasione della Giornata Nazionale delle Pro Loco d’Italia.

Per l’occasione la Pro Loco Casamassima stava organizzando una serie di attività da svolgersi presso l’antica chiesa di Santa Maria del Soccorso, ma da tutti detta di Santa Lucia, che da un po' di tempo a causa dello scarso utilizzo, versa in condizioni rischiose con umidità e alcuni affreschi che si stanno deteriorando. Tra le attività previste visite guidate, mostre, premiazione estemporanea, ecc.

Nel contempo anche il Comune di Casamassima, in specie nella figura del sub-commissario dott.ssa Giovanna Zampetta, la quale presa a cuore in prima persona la questione degrado della chiesa, stava organizzando per lo stesso giorno una raccolta fondi per il restauro con un concerto gospel. Unire le due forze per questa chiesa tanto amata, è stato accettato con gioia da entrambe le parti che si sono subito messe all’opera per creare un evento la cui realizzazione ha visto partecipi numerose forze, di cui molte volontariamente a disposizione.

Dal taglio delle erbacce, al montaggio del palco, alla sistemazione della platea, all’impianto di illuminazione, al service, all’allestimento floreale, al banchetto di prodotti tipici,….alla fine di una mattinata (e oltre) di intenso lavoro, la chiesa e tutta l’area intorno erano pronti in maniera impeccabile per accogliere le tantissime persone che si sono riversate ad onorare l’antica abbazia basiliana, che con i suoi 1000 anni è la più antica di Casamassima.

Tutti concordi per il titolo dell’evento “Una voce per Santa Lucia”, una voce vincente. Mentre il suggestivo interno accoglieva delle tele di alcune estemporanee e su una parete una proiezione della chiesa dal dopoguerra ai giorni nostri curate dalla Pro Loco e una videoproiezione sulla storia della chiesa curata dall’Archeoclub, all’esterno, sotto un cielo stellato da miriadi di lampadine, si è svolto a pieno ritmo l’intero programma condotto con brillantezza e professionalità dalla giornalista Francesca Dell’Aia e Stefano Capozzo di mentiCreattive.

Ai saluti della d.ssa Zampetta e del Presidente Pro Loco arch. Antonio Pastore che hanno manifestato il comune interesse per la salvaguardia di questo gioiello e l’invito a dare un piccolo contributo per i lavori straordinari di manutenzione, è seguita l’esibizione del coro della Unitre, egregiamente diretto dalla maestra Annalisa Peschetola, con alcuni brani famosi tra cui la positiva e corale “Azzurro”, quindi la premiazione della estemporanea “Pettegolezzi d'Arte nei vicoli del Borgo: La ciliegia tra le mura azzurre, passione e dolcezza”, che si è svolta all’ultimo Balcone Fiorito, con l’assegnazione del Premio Nartist all’artista Rossella Petronelli, e la premiazione di “50 sfumature di azzurro” per il miglior abbigliamento alla Cena Azzurra alla compagnia teatrale ACCA, consegnato da Tatiana Busco della Pro Loco che ha curato il concorso.

Sul palco poi la sottoscritta per una breve descrizione storica della chiesa e l’invito ad approfondirne la conoscenza con le visite guidate, che mi hanno poi vista impegnata tutta la serata con ampia soddisfazione. Soddisfazione manifestata anche dalla Responsabile Servizi socio-culturali dott.ssa Teresa Massaro per l’ampia partecipazione di pubblico e l’atmosfera magica che si era creata.

È seguita la presentazione del nuovo mezzo per il corpo di volontari Maxima Soccorso. Poi il tanto atteso concerto dei PentaGospelAngels diretti dalla bravissima MariTè Kabutakapua che ha riscaldato appieno i cuori e l’anima. Apprezzati le ciliegie e i tarallini di Santa Lucia in vendita su contributo-chiesa al banco del SNC del Comune e i taralli e vino offerti allo Infopoint Pro Loco.

Ringraziamenti finali a tutte le maestranze e dipendenti e funzionari comunali che si sono messi a disposizione, in primis una entusiasta d.ssa Carmela Fatiguso, ai soci Pro Loco che hanno collaborato per la buona riuscita, ma che soprattutto sono stati presenti in questa giornata speciale delle Pro Loco che li ha visti uniti ai fratelli d’oltre confine.

La raccolta fondi è stata abbastanza proficua, ma non basta. Chi volesse contribuire può farlo ai Servizi Socio Culturali del Comune. Nel contempo facciamo vivere con altre iniziative questo luogo antico, e ricco di storia, di straordinaria bellezza e poesia. Chi volesse visitarla, la Confraternita del Carmine, prezioso aiuto anche per l’evento, terrà aperta la chiesa ogni domenica mattina.

Le foto di “Una voce per Santa Lucia” sono visibili sulla pagina Fb Pro Loco Casamassima.

Marilina Pagliara

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI