Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

I Genitori della 'Rodari' donano microfoni e strumentazioni

Rodari e Majorana

L'acquisto in favore della scuola è stato fatto con il ricavato del Mercatino di Natale

Microfoni, casse, mixer, lettore dvd, cd, usb, strumentazione di vario tipo. E' quanto i genitori degli studenti del secondo circolo didattico Gianni Rodari hanno donato alla scuola il 4 maggio scorso, attraverso un'apposita delibera. Mercatino di Natale

Il materiale donato è stato acquistato con i fondi raccolti dai genitori il 18 dicembre scorso, quando il circolo didattico, come consuetudine, ha dato vita all'evento natalizio 'Rodari sotto le stelle'. I piccoli studenti casamassimesi hanno animato la manifestazione con canti, recite e uno splendido presepe vivente. I genitori degli allievi del secondo circolo didattico – di cui fanno parte le scuole Rodari, Ciari e Collodi - hanno allestito stand attraverso i quali sono stati venduti prodotti dolci e salati, anche di altre nazionalità, e oggetti di vario tipo, tutti rigorosamente preparati dai genitori. Il ricavato è servito appunto per acquistare la nuova strumentazione tecnica poi donata ai tre plessi.

"In qualità di presidente del consiglio di circolo – ha osservato Marco Vacchiano - vorrei ringraziare di cuore tutti coloro che hanno reso possibile il grande successo della manifestazione, tra i quali la preside dell'istituto alberghiero cittadino Ettore Majorana, Paola Petruzzelli. La sua collaborazione è stata preziosa, così come la grandissima ospitalità offerta ai piccoli studenti della scuola elementare Rodari. Ringrazio inoltre la dirigente scolastica del secondo circolo didattico Rodari, Michela Lella, tutti gli insegnanti, i genitori, il personale scolastico e le associazioni Pro Loco, Ant, Emmaus, La Fenice, Masci, Arci 1984, Il Vicinato, Comunione è vita, Cartapestai Casamassimesi, Lipu e Aserc per lo straordinario contributo offerto alla buona riuscita dell'iniziativa".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI