Venerdì 21 Settembre 2018
   
Text Size

Sara Greco in finale ai “Campionati internazionali di giochi matematici”

Sara Greco

La studentessa della nostra scuola media sarà presto a Milano… sognando Parigi!

Le resta un solo traguardo da raggiungere per essere consacrata a campionessa italiana e poi, chissà, per continuare a sognare e a sperare inun titolo addirittura internazionale. La prestigiosa sfida l’attende il prossimo 12 maggio, quando a Milano, presso l’Università Bocconi, la giovanissima Sara Greco, studentessa della 2L della Scuola secondaria di I grado “D. Alighieri”, gareggerà con alunni provenienti da tutta Italia nell’ambito dei “Campionati internazionali di giochi matematici”, categoria C1, dopo aver superato le semifinali italiane tenutesi lo scorso 17 marzo a Mottola, dove si è classificata quinta su ben 246 partecipanti.

“Logica, intuizione e fantasia”. Sarebbe questo lo slogan dei “giochi”, a comunicare con immediatezza che i campionati in questione rappresentano sì delle gare matematiche, ma che per affrontarle non è necessaria la conoscenza di nessun teorema particolarmente impegnativo o di formule troppo complicate. Occorrerebbe invece una voglia matta di giocare, un pizzico di fantasia e quell'intuizione che fa capire che un problema apparentemente difficile è in realtà più semplice di quello che si poteva prevedere. Non a caso ciascungioco matematico nonè niente più che unproblema con unenunciato divertente e intrigante, capace di suscitare curiosità e la voglia di fermarsi un po' a pensare.

Concretamente, i “Campionati internazionali di giochi matematici” si caratterizzano per essere una gara articolata in tre fasi: le semifinali (tenutesi quest’anno, appunto, lo scorso 17 marzo in un centinaio di sedi), la finale nazionale (che si svolgerà a Milano, in Bocconi, il 12 maggio) e la finalissima internazionale, prevista a Parigi a fine agosto 2018, a cui ci auguriamo con tutto il cuore, da cittadini orgogliosi, possa partecipare anche Sara. Va ricordato che i concorrenti saranno posti di fronte ad un certo numero di quesiti (di solito tra 8 e 10) che dovranno risolvere in 90 minuti per la categoria C1 (prima e seconda media) e in 120 minuti per le altre categorie (dalla terza media al ‘grande pubblico’ degli ‘-anta’, passando per gli studenti universitari).

C’è da dire che la storia dei “Campionati” comincia ad essere lunga. Quella del 2017/18 è la trentaduesima edizione nel mondo e la venticinquesima organizzata in Italia dal Centro Pristem dell’Università Bocconi. Nel mondo sono più di 200.000 i concorrenti che si sfidano, negli stessi giorni, cimentandosi negli stessi giochi. In Italia, alla prima edizione parteciparono poco più di 400 ‘giochisti’, mentre gli iscritti all'edizione 2016/17 sono stati quasi 60.000. Sarà che nella capitale francese, nel corso della finale internazionale, la ‘nazionale’ italiana si è sempre particolarmente distinta e che quindi l’appetito sia venuto mangiando. Il 2017,infatti, ha visto il trionfo della squadra italiana, che ha vinto due ori, cinque argenti, tre bronzi e altri ottimi piazzamenti. Interessanti e divertenti premi aspettanoi migliori finalisti anche in questa edizione. In bocca al lupo, dunque, alla nostra Sara.

FRANCESCA DELL’AIA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI