Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

A Vitoronzo Pastore il Premio ‘Aldo Moro’

Vitoronzo Pastore premio Aldo Moro


L’Accademia Italia in Arte nel Mondo consegna al nostro concittadino l’ambito riconoscimento


In questo caldissimo mese di luglio il nostro concittadino Vitoronzo Pastore ha di recente ricevuto un nuovo importante premio che, ancora una volta, riconosce il valore della sua attività di ricerca, studio e diffusione della storia attraverso i suoi testi e le sue mostre.

Si è svolto lo scorso 1° luglio, presso l’antico e monumentale Teatro Romano (I secolo d.C.) in Lecce, la performance ‘Salento event conteporary art 2017’, organizzata dall’Accademia Italia in Arte nel Mondo - Associazione Culturale per assegnare il Premio d’arte internazionale ‘Velazquez 2017’, alto riconoscimento a personalità del mondo dell’arte, della cultura e della scienza, il Premio speciale ‘Il Barocco leccese’, alto riconoscimento a personalità del mondo dell’arte, della cultura, della scienza e dell’impegno sociale ed il Premio speciale ‘Aldo Moro’, politico, accademico e giurista italiano, nel 100° anniversario della nascita del grande statista magliese.

L'evento, è stato condotto dal direttore artistico Roberto Chiavarini, coadiuvato dal dott. Vincenzo De Marco e dal vicepresidente dell'Associazione Italia in Arte nel Mondo Dario Chiavarini, con l'assistenza sul palcoscenico della madrina della serata la dott.ssa Giulia Elia, della dott.ssa Ginevra Viesti, interprete e traduttrice in lingua inglese, e delle associate Chiara Scalone, Lucia Luggeri e Martina Raho. Un ruolo importante e decisivo, è stato svolto da Anna Rita Tepore, che ha curato la supervisione della manifestazione, e della segretaria dell'Accademia Brigida Vasile, unitamente alla associata Lucia Luggeri.

L’apertura dell’evento, è stata affidata al dott. Vincenzo De Marco, che con l’eleganza e la passione che da sempre accompagnano il suo impegno per le neuroscienze e, di conseguenza, per l’arte, ha presentato in maniera memorabile il Premio ‘Diego Velazquez 2017’, con il coinvolgimento appassionato del competente pubblico presente, che gli ha dimostrato il proprio tributo ed apprezzamento con un grande scroscio di applausi finali, prolungato nel tempo. Tantissime le personalità, che hanno ricevuto le prestigiose statuette raffiguranti l’artista spagnolo.

I vincitori dei tre alti riconoscimenti speciali sono stati scelti da una commissione che ha valutato attentamente le numerose candidature. I componenti erano il dott. Vincenzo De Marco in qualita’ di Presidente; i consiglieri Col. Nicolò Mazzaccara, dott. Alfonso Galasso, Anna Rita Tepore e Brigida Vasilecome; ed il dott. Nicola Giampaolo come Presidente onorario.

Il Premio “Aldo Moro” è stato consegnato agli insigniti: Sen. Prof. Giorgio de’ Giuseppe, avvocato e Senatore della Repubblica Italiana; dott. Paolo Cucchiarelli, giornalista ANSA presso il Parlamento Italiano, autore del libro “Morte di un Presidente”, edito da Ponte alle Grazie; Maestro Ippazio Campa, pittore ed autore del quadro dedicato ad Aldo Moro; dott. Nicola Giampaolo, postulatore accreditato presso la Santa Sede; Col. Nicolò Mazzaccara, Ufficiale nei Carabinieri RIS Roma e al nostro Vitoronzo Pastore, scrittore di libri storici.

Ha suscitato grande interesse l’ingresso sul palcoscenico di Vitoronzo Pastore, autore di libri storici legati alla Prima e alla Seconda Guerra Mondiale, di recente recatosi a Schöneweide-Berlino, dove ha partecipato all’inaugurazione della mostra dal titolo “Tra più fuochi”. In quella occasione, lo scrittore di Casamassima, ha preso parte all’esposizione con un documento custodito nel suo archivio privato, riferito ad un “pizzino” che fu lanciato da un vagone di un convoglio fermatosi presso la stazione ferroviaria di Trento, colmo all’inverosimile di prigionieri italiani che stavano per essere deportati in Germania dopo l’8 settembre 1943. All’inaugurazione della mostra di Schöneweide-Berlino era presente per l’Italia, tra gli altri, l’attuale Presidente del Consiglio On. Paolo Gentiloni, il quale, non aveva mancato di congratularsi con il dr. Pastore, per la sua opera letteraria e per il collezionismo storico. A Pastore è stato per queste ragioni consegnato meritatamente l’Alto Riconoscimento “Aldo Moro” e a lui la nostra redazione rivolge i più sinceri auguri.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI