Martedì 23 Maggio 2017
   
Text Size

Insolita sorpresa alla “Collodi”: zappa e secchiello per tutti!

18447889_10154342295662273_953967812_n

È ancora tempo di progettualità anche presso il II Circolo didattico “G. Rodari”, il quale, definendosi “da sempre attento alle nuove metodologie e agli stili di apprendimento più innovativi ed efficaci”, come già ampiamente descritto in altre occasioni ha condiviso le teorie che indicano nella didattica laboratoriale “il mezzo più efficace per poter apprendere la complessità della società odierna, incentrando la propria metodologia su elementi quali curiosità e motivazione e soprattutto ponendosi l’obiettivo di coinvolgere significativamente gli alunni nel processo delle conoscenze in una modalità cooperativa e di interscambio”. 18425871_10154342198707273_1554801861_nEcco allora ‘spuntare’, tra le attività della scuola dell’infanzia “C. Collodi”, il percorso sensoriale “Aromaticamente... mamma”, nato dalla volontà dell’asilo di celebrare (dato il sopraggiungere della Festa dedicata alla mamma, domenica 14 maggio) proprio le mamme dei bambini in modo al tempo stesso educativo e divertente, oltre che insolito, invitandole a presentarsi presso l’Istituto alberghiero “E. Majorana”, sede di Casamassima, nel pomeriggio di giovedì 11 maggio, per vivere un’esperienza laboratoriale all’aperto.Di sicuro le mamme dei bambini coinvolti, alunni delle sezioni dei tre e quattro anni, si sarebbero aspettate una tradizionale festa a sorpresa a loro dedicata. Invece no. La “Collodi” ha voluto ‘ripagarle con la stessa moneta’ (e dunque con lo stesso grado di ironia) utilizzata lo scorso marzo per l’evento “A scuola con papà... pasticcione”, quando i piccoli alunni, assieme ai loro papà, hanno vissuto un momento simbolico di condivisione in ambito culinario, mettendo ‘le mani in pasta’ e divertendosi pasticciando insieme. Le ospiti di questa volta, infatti, dopo essersi preparate, accompagnate dai loro piccoli si sono dovute cimentare in vere e proprie attività di giardinaggio nel cortile della scuola, ‘armate’ di grembiule, cappellino e attrezzi. 18447716_10154342198822273_1264457437_nCosì, con rastrelli, zappette, secchielli e innaffiatoi, mamme e bambini si sono occupati della piantagione di basilico, prezzemolo, rosmarino, timo e salvia. L’obiettivo? Vivere un momento di condivisione dal punto di vista emotivo e sensoriale (finalmente a contatto con la natura), ma anche prendere coscienza, insieme, che le erbe aromatiche utilizzate per rendere più gustosi e profumati i cibi sono prodotti che prima di arrivare sugli scaffali del supermercato hanno bisogno di elementi essenziali per la vita di tutti gli esseri vegetali: la terra, il sole e l’acqua. “Ogni piantina – ha spiegato al microfono la maestra Lucrezia De Tommaso, assieme al resto del corpo docente – va messa nel terreno, curata, coltivata con amore, così da poter gustare tutte le sue proprietà”.L’insolita manifestazione è culminata con il raduno finale in auditorium, dove, prima di concedersi un momento conviviale consistente in un buffet rigorosamente ‘vegetariano’, i più piccoli sono stati chiamati a riflettere sulla figura e sul ruolo della mamma e a recitare poesie augurali. “Alla Festa del papà – ha affermato la preside Rosanna Brucoli, rivolgendosi alle mamme – siete insorte perché ci chiedevate qualcosa alla pari. 18424963_10154342199402273_1261595240_nVi è piaciuta questa festa?”. Poi, coinvolta e divertita, ha asserito: “Grazie a tutte per l’affetto e l’entusiasmo che dimostrate, a noi e ai vostri bambini”.Per la riuscita dell’iniziativa, il II Circolo didattico “Rodari” ringrazia il “Majorana” e in particolare il negozio Leroy Merlin (sito nell’area del Parco Commerciale Auchan Casamassima), partner dell’istituto in questione, per la fattiva collaborazione al progetto, avendo donato, con spirito di partecipazione e cooperazione, piantine aromatiche, alberelli da frutto e oggetti da giardinaggio senza i quali l’attivazione e la realizzazione di un percorso ‘madre-figlio’ emotivo e sperimentale, a stretto contatto con la natura, non sarebbero stati possibili.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI